30 September, 2020
 

All’asta 140 opere dalla collezione personale di Keith Haring

“Dear Keith: Works from the Personal Collection of Keith Haring” in un’asta Sotheby’s online dedicata aperta alle offerte dal 24 settembre al 1 ottobre 2020.

Dear Keith presenterà oltre 140 opere d’arte e oggetti della collezione personale di Haring, tutti offerti dalla Keith Haring Foundation, un’organizzazione fondata dall’artista poco prima della sua morte nel 1990 per cause legate all’HIV / AIDS. La collezione di Haring comprende opere donate, acquistate e scambiate con Haring tra amici e artisti della sua comunità, tra cui Andy Warhol, Jean-Michel Basquiat, Kenny Scharf e molti altri.

Tutte le opere appariranno all’asta questo autunno per la prima volta, rivelando insieme storie mai raccontate sulla comunità di Haring e dando vita alla celebre scena artistica della New York degli anni ’70 e ’80 – dalla School of Visual Arts (SVA) e Club 57 alla street art e oltre.

In linea con la missione della Keith Haring Foundation di sostenere ed espandere l’eredità filantropica dell’artista, l’intero ricavato dell’asta andrà a beneficio del Centro comunitario di lesbiche, gay, bisessuali e transgender di New York (noto anche come The Center), un’organizzazione che dà potere la comunità queer di New York per condurre una vita sana e di successo; celebra la diversità della comunità e sostiene la giustizia e le opportunità.

Durante i suoi oltre 10 anni di vita e lavoro nel centro di Manhattan, Haring è stato coinvolto nella scena artistica e di attivismo queer / downtown. Ha eseguito uno dei suoi ultimi murales su larga scala, C’era una volta, nel bagno degli uomini al secondo piano del The Center nel maggio 1989 per The Center Show, una celebrazione del 20 ° anniversario delle rivolte di Stonewall che presentava opere di artisti LGBTQ commissionato da The Center. Quel murale resiste ancora oggi. Haring era devoto a tutte le sue comunità, dalla sua famiglia e gli amici ai collaboratori sia nell’arte che nell’attivismo, e la Fondazione è lieta di celebrare il legame duraturo che ha avuto con il Centro attraverso questo dono.

Dear Keith: le opere della collezione personale di Keith Haring saranno esposte nelle gallerie di Sotheby’s York Avenue dal 26 al 30 settembre. Le opere portano stime a partire da $ 100 e le opere con stime basse inferiori a $ 10.000 saranno offerte senza riserve, presentando opportunità di raccolta a tutti i livelli.

KEITH HARING

Affascinato dai cartoni animati sin dalla tenera età, Keith Haring era meglio conosciuto per i sorprendenti disegni ispirati ai graffiti che lo portavano dalle strade e dai club di New York City ai musei e agli spazi pubblici di tutto il mondo. Mentre frequentava la School of Visual Arts di New York nel 1978, Haring ha scoperto una fiorente comunità artistica di altri artisti emergenti come Kenny Scharf, Jean-Michel Basquiat e Tseng Kwong Chi. Haring ha creato uno stile grafico singolare basato sul primato della linea, popolando le sue composizioni con immagini distintive come figure danzanti, “bambini radiosi”, cani che abbaiano e dischi volanti, infondendo loro un’energia non comune.

Tra il 1980 e il 1989, Keith Haring ha ottenuto riconoscimenti internazionali, partecipando a numerose mostre collettive e personali e producendo più di 50 opere d’arte pubbliche da New York a Parigi. Esprimendo concetti universali di nascita, morte, amore, sesso e guerra, Haring ha creato un immaginario duraturo che è stato abbracciato in tutto il mondo. Le opere di Haring si trovano nelle collezioni di molti musei, tra cui il Museum of Modern Art, New York, l’Art Institute of Chicago, l’Albertina, a Vienna, il Los Angeles County Museum of Art e molti altri.

Poco prima della sua morte nel 1990, Haring ha fondato la Keith Haring Foundation. La missione della Fondazione continua ad essere triplice: il supporto di organizzazioni impegnate ad arricchire la vita dei bambini, promuovere la cura e l’istruzione relative alle problematiche dell’HIV / AIDS e promuovere l’eredità delle sue opere d’arte.

LA COLLEZIONE

Haring è stato fortemente influenzato da Andy Warhol, che era sia un amico che un collaboratore artistico. Nel 1989 disse a Rolling Stone: “Prima di conoscere [Warhol], era stato un’immagine per me. Era totalmente inavvicinabile. Lo incontrai finalmente tramite Christopher Makos, che mi portò alla Factory. All’inizio Andy era molto distante. Era difficile per lui sentirsi a proprio agio con le persone se non le conosceva. Poi è venuto a un’altra mostra alla Fun Gallery, subito dopo la mostra a Shafrazi. Era più amichevole. Abbiamo iniziato a parlare, a uscire. Abbiamo scambiato molte opere in quel momento. “

L’asta include una serie di opere di questo tipo, tra cui un ritratto senza titolo di Haring con Juan DuBose – un DJ nonché partner e amante di Haring, scomparso a causa dell’HIV / AIDS nel 1988 (stima $ 200 / 250.000). Haring e DuBose hanno avuto una relazione appassionata per cinque anni, guidata principalmente dall’attrazione fisica.

La vendita comprende un gruppo significativo di opere di artisti associati al Club 57, il night club situato nel seminterrato di una chiesa nell’East Village di New York che divenne rapidamente uno dei centri più influenti del movimento controculturale della città quando aprì i battenti nel 1978. Opere di Jean-Michel Basquiat (Basquiat, ‘Untitled’, stima $ 100 / 150.000), Tseng Kwong Chi, Stefano Castronovo, Samantha McEwen, Kermit Oswald, Kenny Scharf, Bruno Schmidt e John Sex testimoniano una scena definitiva del centro alimentato da affitti bassi, opposizione all’amministrazione Reagan e il desiderio di sperimentare nuove modalità di arte, spettacolo, moda, musica ed esibizione.

Kenny Scharf era particolarmente vicino ad Haring: essendo diventati subito amici alla School of the Visual Arts, i due erano compagni di stanza e collaboravano spesso. La vendita comprende opere su carta dell’artista, evidenziate dal suo acquerello su carta in cornice dipinta a mano Untitled (stima $ 18 / 25.000), oltre a una serie di oggetti dipinti a mano.

La scena della street art in cui Haring ha lavorato negli anni ’70 e ’80 è ben rappresentata, compresi i pezzi di John “Crash” Matos, Lady Pink, Lee Quiñones, Rammellzee e Basquiat, di cui ammirava molto il lavoro. Nel suo saggio “Remembering Basquiat” pubblicato su Vogue, Haring ha scritto: “Il suo lavoro aveva una sorta di potere che era inconfondibilmente ‘reale’. L’intensità e la franchezza della sua visione erano intimidatorie. Jean-Michel era forse un po ‘troppo reale per noi . Era intransigente, disobbediente e scortese se la situazione lo richiedeva. Non malizioso, ma onesto. “

Un altro caro amico dell’artista era George Condo, che lavorava spesso dallo studio di Haring’s East Village. La vendita comprende un eccellente raggruppamento di primi disegni e dipinti realizzati dall’artista negli anni ’80, tra cui un’opera senza titolo su carta con l’iscrizione: Per Keith a Parigi, quindi è una volta prima di un barbone io sono … (stima $ 12 / 18.000).

Haring possedeva anche una serie di opere di artisti affermati che ammirava molto, tra cui Pierre Alechinsky, Jean Cocteau, Alberto Giacometti, Roy Lichtenstein e Pablo Picasso. La vendita include due stampe di Lichtenstein, tra cui Forms in Space del 1985 che ha avuto un posto d’onore sopra il camino della sua casa (stima $ 50 / 70.000). Lichtenstein ha partecipato alla prima grande mostra di Keith a New York, così come Robert Rauschenberg e Sol Le Witt.

Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT