30 March, 2020
 

Arte e natura, il magico incontro in Valsugana

Un museo all’aria aperta, che ha come protagonista assoluta la natura e che è accessibile al pubblico tutto l’anno (tranne il 25 dicembre). Da più di 30 anni “Arte Sella: the contemporary Mountain” rappresenta il luogo dove arte, musica, danza e altre espressioni della creatività umana si fondono, dando vita ad un dialogo unico tra l’ingegno dell’uomo e il mondo naturale. Visitando il sentiero forestale sul versante meridionale del monte Armentera, a Borgo Valsugana, in provincia di Trento, si respira il concetto sul quale è nata l’Associazione ArteSella, fondata nel 1989 da un gruppo di amici, che nel tempo ha costruito uno staff qualificato ed è stata supportata da una importante rete di partner: la natura non va solo difesa e protetta ma anche interpretata, e l’artista non è protagonista assoluto dell’opera d’arte, ma accetta che sia la natura a completare il proprio lavoro.

Le opere che si incontrano infatti non solo sono totalmente fatte con materiali naturali, ma in maniera ancora più magica si fondono con lo stesso ambiente circostante: “Sono collocate in un hic et nunc – spiega il sito di Arte Sella -: esse escono da paesaggio, per poi far ritorno alla natura”. In altre parole, gli artisti danno vita a questa architettura naturale, che viene poi completata grazie al paziente intervento della natura stessa. Un progetto unico che negli anni si è anche arricchito del contributo di important maestri dell’Art in nature quali, per citarne alcuni, Nils-Udo, Arne Quinze, John Grade e Michelangelo Pistoletto. Dal 2016 è fruibile anche il parco di Villa Strobele con un nuovo progetto che ospita installazioni realizzate da architetti di fama internazionale, quali Atsushi KitagawaraKengo Kuma e Michele De Lucchi.

Il successo dell’iniziativa non è passato inosservato nemmeno dal punto di vista del suo valore ambientale: la scorsa estate la Valsugana è stata la prima ed unica destinazione certificata per il turismo sostenibile a livello mondiale, secondo i criteri del Global Sustainable Tourism Council, un’organizzazione non-profit che rappresenta svariati membri a livello globale, tra cui l’Organizzazione Mondiale per il Turismo (UNWTO), ONG, governi nazionali e locali e operatori di varia natura, accomunati dalla volontà di raggiungere best practice nell’ambito del turismo sostenibile. Quello di Arte Sella è stato riconosciuto come un modello senza precedenti, che mette la comunità al centro, un esempio positivo di eccellenza italiana nei confronti del delicato e attualissimo tema dei cambiamenti climatici.

Share Post
Written by

<a href="mailto:giuseppe.baselice@hotmail.it">giuseppe.baselice@hotmail.it</a> - Classe 1980, napoletano di nascita, ha vissuto prima a Parigi e poi tra Roma e Milano, dove risiede attualmente. Dopo aver svolto studi giuridici, ha ben presto intrapreso quella che è da sempre la sua passione: la scrittura e, in particolare, il giornalismo. Ha collaborato per diverse testate (Corriere della Sera, Gazzetta dello Sport, Affaritaliani.it), e lavorato anche come addetto stampa per tre anni alla Provincia di Milano, occupandosi di turismo e moda. I suoi argomenti preferiti: sport, politica, curiosità dal mondo e high tech.

No comments

LEAVE A COMMENT