1 October, 2020
 

Asta per la collezione privata di Jayne Wrightsman, mecenate e filantropa americana

Christie’s è presenta la collezione privata di Jayne Wrightsman, con aste dal vivo e online che si terranno nell’aprile 2020, ed esattamente durante le vendite della Classic Week a New York.

Le aste includeranno dipinti e sculture di antichi maestri, mobili e ceramiche europee, ceramiche e opere d’arte cinesi, argento e tappeti e altri oggetti. La signora Wrightsman viveva con questi oggetti nella sua elegante casa all’820 della Fifth Avenue a New York e li aveva designati per la vendita a beneficio della filantropia. Le vendite sono stimate per superare $ 8.000.000.

I punti salienti selezionati della collezione andranno in tournée prima delle vendite alle gallerie di Christie a Parigi (23-26 novembre), Londra (29 novembre-4 dicembre e 7-13 dicembre 2019) e Hong Kong (marzo 2020).

Una Odalisque accattivante e superba di Jean-Auguste-Dominique Ingres (1780-1867) è tra i dipinti di spicco della collezione (stima: $ 700.000 – 1.000.000). L’Odalisque, simile a un gioiello, ha una scala ridotta di 2 1/2 x 4 1/2 pollici ed è una versione intima del rivoluzionario Grand Odalisque di Ingres del 1814, che si trova al Louvre. Odalisque è un oggetto di raffinata raffinatezza estetica: la delicatezza e la fluidità della manipolazione della vernice, la leggerezza tremolante e la facilità del pennello e l’eleganza della tavolozza dei colori sono tutte caratteristiche dei migliori dipinti di Ingres. Il dipinto rappresenta anche un ricordo toccante e personale della profonda e lunga amicizia di Ingres con Jean-Pierre-François Gilibert (1793-1850), a cui l’opera fu data intorno al 1829.

 
Tra gli altri punti salienti della collezione che sarà presentato in anteprima a Parigi c’è un ritratto in grande scala, Carlo IX (1550-1574), re di Francia di François Clouet (1510-1572 circa) (stima: $ 800.000-1.200.000); un’urna e una copertura di porfido montate in bronzo di Luigi XVI, probabilmente fornite dal celebre mercante di marchand Dominique Daguerre, i monti attribuiti a Pierre-Philippe Thomire, i monti intorno al 1785, il vaso in porfido fine del XVII secolo (stima: $ 200.000-300.000), parte di un gruppo di superbi e rari vasi in vendita ricavati dal porfido egiziano, quello più imperiale e talismano di pietre dure; un tavolo da caffè in stile boisé Royal Louis XVI di Martin Carlin, fornito a Mesdames, le zie di Luigi XVI, per il castello di Bellevue (stima: $ 80.000-120.000); e una serie di quattro bergères in legno dorato del tardo Luigi XV di Claude II Sené, intorno al 1770, con rivestimento in velluto stampato Braquenié fornito da Henri Samuel (stima: $ 60.000-100.000) – entrambi i primi furono pubblicati nel catalogo magistrale della collezione Wrightsman di Francis Watson , pubblicato nel 1966.

Jayne Wrightsman (1919-2019) era un brillante autodidatta, impareggiabile nella cura e nella borsa di studio con cui si avvicinava alla raccolta. Per una generazione di donne, la signora Wrightsman è stata una modella del patrizio americano alla Française: colta, elegante e straordinariamente generosa, incarnava sia lo stile che la sostanza.

Jane Larkin è nata nel Michigan nel 1919, ha studiato a Beverly Hills, in California, e si è guadagnata la reputazione di stile e raffinatezza in giovane età. Nel 1944, Jayne sposò Charles Bierer Wrightsman (morto nel 1986), presidente della Standard Oil Company del Kansas, e durante più di quattro decenni di matrimonio svilupparono una passione per il collezionismo e la signora Wrightsman divenne esperta di decorazioni francesi del 18 ° secolo arti, dipinti europei e manoscritti, libri e rilegature francesi del XVIII secolo. Fu nella loro splendida tenuta sull’oceano Blythedunes, acquisita nel 1947, a Palm Beach, in Florida, dove la signora Wrightsman sviluppò per la prima volta la sua passione per le opere d’arte decorative francesi. In collaborazione con la decoratrice Stéphane Boudin della Maison Jansen di Parigi, i due Blythedunes riprogettati, che sono rapidamente diventati un luogo di incontro per i vertici della società, compresi i vicini di Palm Beach come John F. Kennedy e sua moglie Jacqueline, oltre a visitare dignitari tra cui il duca e la duchessa di Windsor, Cecil Beaton, lo scià dell’Iran e gli storici dell’arte Bernard Berenson e Kenneth Clark.

In definitiva, era la magnifica dimora degli Wrightsmans all’820 della Quinta Avenue a New York, uno degli interni più leggendari e iconici della città, unito alla loro eccezionale filantropia, che avrebbe spinto la signora Wrightsman nel pantheon dei leggendari collezionisti. A New York la sua intimità e il suo collezionismo sono stati promossi dalle sue strette relazioni con una rete di curatori e colleghi collezionisti, nonché dai suoi rapporti con i più stimati decoratori d’interni del XX secolo: Stéphane Boudin, Henri Samuel e Renzo Mongiardino. Per oltre sei decenni, Jayne Wrightsman ha vissuto in questa straordinaria messa in scena di sua creazione, in cui opere di provenienza reale in legno, lacca, bronzo dorato e porcellana tenevano corte in stanze rivestite in una magnifica boiserie del XVIII secolo, appese con dipinti di maestri di Vermeer, Georges de La Tour, El Greco, Tiepolo, Canaletto e altri, contribuendo a volte dalla sua collezione personale al Metropolitan Museum of Art.

Jayne Wrightsman ha visto ogni donazione e dono come un’opportunità per promuovere l’arte e la cultura. Oltre al suo sostegno al Metropolitan Museum of Art, era un’ardente sostenitrice dell’Institute of Fine Arts della New York University – sede del Jayne B. Wrightsman Professor of Fine Art e della Wrightsman Lecture Series – ed è stata fiduciaria di entrambi The Metropolitan Opera e The Morgan Library, a cui ha lasciato alla sua morte un dono trasformativo di manoscritti e rilegature francesi del XVIII secolo. In Gran Bretagna, dove Wrightsmans ha tenuto un appartamento a Londra per molti anni, la signora Wrightsman ha dato il suo sostegno alla storica residenza Rothschild a Waddesdon Manor, oltre a servire come donatore al British Museum. Fu durante il suo periodo a Londra che fu anche membro attivo del Roxburghe Club. Nel 2003, è stata onorata come Ufficiale del più eccellente Ordine dell’Impero britannico.

La signora Wrightsman è stata una delle mecenate più importanti del Museo dell’Ermitage di San Pietroburgo, dove ha lavorato a stretto contatto con i curatori per sostenere la creazione di una serie di sale d’epoca, aperte nel 2000, negli ex appartamenti del XIX secolo Ministro degli esteri russo. Nel 2013, la signora Wrightsman è stata nominata Ufficiale della Legione d’Onore per il suo impegno decennale nell’arte e nella cultura francese; tra i suoi numerosi doni istituzionali in Francia c’era una toletta, precedentemente nella collezione di Maria Antonietta, presentata a Versailles.

Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT