9 August, 2020
 

Bacon, Freud e la London School in mostra a Budapest

Una grande mostra di dipinti prestati da collezionisti privati ​​d’oltremare e collezioni pubbliche come la collezione della Tate Britain di Londra.

La mostra è la prima presentazione della London School dell’arte in Ungheria, che mostra accanto alla tendenza degli artisti più famosi che sono emersi nella seconda metà del 20 ° secolo, la scena artistica londinese con dialoghi artistici, che includono l’attività di pittori come Michael Andrews, RB Kitaj, Paula Rego, FN Souza Euan Uglow. Le opere seguono le tradizioni dell’arte visiva e descrivono la vita di tutti i giorni: esempi di un concetto di pittura espressiva centrato principalmente sulla gente. Il quadro spesso ha come oggetto centrale la figura umana. La mostra va anche al di là dei confini geografici come nel caso di Alberto Giacometti e Chaim Soutine.

Le questioni senza tempo della pittura materialista e sensuale non hanno perso la loro attualità ancora oggi. Anche se era stato annunciato una sua morte più volte nel corso del 20 ° secolo, rappresentato dalla London School, il concetto di pittura creativa lo troviamo presente anche nell’arte delle generazioni future: per esempio, Cecily Brown, Lynette Yiadom-Boakye con la pittura figurativa, ben legati alla tradizione della London School.

immagine: Michael Andrews, A Man Who Suddenly Fell Over, 1952, Tate © The Estate of Michael Andrews

Dal 9 ottobre 2018 al 13 gennaio 2019 – Hungarian National Gallery, Budapest, Hungary

Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT