6 July, 2020
 

Christie’s, arte all’asta per acquistare una foresta tropicale

Christie’s lancia un’asta un po’ speciale che destinerà i proventi ad acquistare e preservare una foresta su larga scala nelle Americhe per formare un nuovo parco nazionale. La Sheth Sangreal Foundation, guidata da Brian Sheth, presidente del consiglio di amministrazione, Global Wildlife Conservation, ha contribuito a fornire fondi di corrispondenza sul beneficio.

Brian Sheth, presidente del consiglio di amministrazione, Global Wildlife Conservation, ha commentato: “Il rapporto tra natura e arte è esistito in modi grandi e piccoli da quando è iniziato il nostro viaggio condiviso su questo pianeta. I proventi e i fondi corrispondenti rafforzeranno il nostro importante lavoro per conservare i gioielli della corona delle foreste tropicali di tutto il mondo – la vera linfa vitale del nostro pianeta “.

Prevedibilmente, con i fondi raccolti, GWC sarà in grado di preservare una singola foresta grande circa tre volte più grande di Manhattan e trasformarla in un nuovo parco nazionale. Iniziando una collaborazione continua tra Christie’s e GWC, questa vendita segna la prima volta che Christie vende un gruppo di opere per incidere direttamente sulla formazione di un parco nazionale.

Dr. Don Church, Presidente di Global Wildlife Conservation, ha osservato: “Attraverso questa nuova e unica collaborazione tra artisti, Christie’s, Global Wildlife Conservation e partner locali, stiamo sfruttando il potere dell’arte per proteggere gli ettari di foresta tropicale. Ogni opera d’arte spingerà i nostri sforzi verso il salvataggio delle ultime foreste non protette nelle regioni tropicali delle Americhe, dell’Africa e dell’Asia. Queste foreste forniscono una casa a innumerevoli piante, animali e comunità tradizionali e indigene, oltre a sostenere un pianeta vibrante per tutta l’umanità “.

La selezione di circa 20 opere comprende opere di artisti leader come The Haas Brothers, Rashid Johnson, Cindy Sherman, Robert Longo, Anish Kapoor e Ed Ruscha, oltre a importanti lavori che segnano la prima apparizione all’asta per artisti emergenti come Loie Hollowell, Max Hooper Schneider, Anicka Yi, Ben Thorp Brown e Elizabeth Jaeger.

Vivian Brodie, specialista, arte post-bellica e contemporanea, ha dichiarato: “Questa partnership con Global Wildlife Conservation rappresenta una nuova e potente iniziativa per trasformare le opere d’arte in ettari fisici di foreste tropicali protette; il rapporto tra arte e conservazione non diventa molto più diretto e tangibile di questo “.

Questo beneficio si concentra sulle foreste tropicali, i “polmoni” della Terra, che aiutano a guidare le precipitazioni regionali, a pulire l’aria inquinata, a fornire comunità indigene e tradizionali e ad ospitare gran parte del gabinetto di medicinali della vita sotto forma di innumerevoli piante e animali.

A guidare il gruppo è Anish Kapoor’s Mirror (Pale Tangerine to Dark Purple), 2018 (stima: $ 400.000-600.000). L’opera di Anish Kapoor’s Mirror (Pale Tangerine to Dark Purple) allude lo spettatore alla natura infinita delle possibilità visive. Ogni dettaglio viene catturato, riflesso e ingrandito nella sua superficie laccata, proiettata in una poetica transitorietà di colori. Per oltre 2.000 anni, la geometria è rimasta piatta, ma utilizzando la curvatura, Kapoor offre allo spettatore un’alternativa alla nostra impressione piatta della Terra. Allo stesso modo, gli specchi sono stati anche usati come lenti per comprendere la luce attraverso una lunga tradizione scientifica. In questo caso, Kapoor è il pioniere che ha incorporato la geometria con la riflessione e li ha esplorati come opere d’arte per la prima volta.

Untitled Escape Collage di Rashid Johnson (stima: $ 200.000-300.000) – è stato donato direttamente dall’artista e appartiene a un gruppo di opere che registrano il tentativo dell’artista di riconciliare la sua esperienza nera con le visioni del futuro paradiso. Palmi altamente saturi provocano promesse di fughe tropicali dalla mondanità, ma affermano la loro natura forzata attraverso tinte innaturali e ombre psichedeliche. I più commoventi sono gli occhi a forma di pistacchio strappati da immagini di divinità africane in legno, pronti a schioccare in un attimo per catturare lo spettatore nel suo sguardo intrusivo. Johnson dissipa le alte pretese del lavoro portandolo in strada taggando il proprio lavoro con segni di graffiti. Mentre l’utopia si materializza, l’adolescente incappucciato appare con una bottiglia di vernice spray per reintrodurre l’umanità cruda.

Rashid Johnson’s Untitled Escape Collag

Christie’s – Rashid Johnson’s Untitled Escape Collage

Tra i punti salienti c’è Taz-Been e Cheetah Hayworth e La Brea Brad Pitt e Quasidodo & Fruit Stripe (5 opere), 2017 degli Haas Brothers (stima: $ 150.000-200.000). Con i loro lineamenti esagerati e gli arti divaricati, questo gruppo di tappeti Haas Brothers dimostra il loro interesse per la forma animale. Assomigliando a quello che a prima vista può sembrare pelli di animali regolari, loro non sono affatto animali ordinari. I fratelli Haas spiegano: “Siamo stati ispirati dalle pellicce di animali, ma abbiamo pensato che sarebbe stato divertente usare animali estinti per avere pelli che non si possono effettivamente ottenere” (H. Martin, “Questi tappeti a edizione limitata sono opere di Contemporary Art, “Architectural Digest, 16 aprile 2017). Così, assumono le sembianze di un uccello Dodo, Mammut lanoso, Tigre della Tasmania, Ghepardo gigante e una sottospecie di zebra a lungo perduto, il Quagga. Ricco di colori, consistenza morbida e vivace nei giochi di parole, il senso di invenzione divertente e fantasiosa di questa serie attira e seduce lo spettatore.

 

Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT