7 June, 2020
 

Christie’s e Arte americana: la modernità del colore rosso di Ammi Phillips

Arrestato, sublime e con fascino senza tempo, Girl in a Red Dress with a Dog è uno dei “quattro bambini in rosso” di Ammi Phillips, il gruppo più iconico ed esaltato della ritrattistica popolare americana. Con i suoi grandi occhi blu che incontrano fermamente lo sguardo dello spettatore, la giovane modella sembra quasi consapevole del costante e potente impatto che la sua somiglianza possiede oggi.

La ragazza in un vestito rosso con un cane è un’opera d’arte per eccellenza americana. Ad un livello, illustra la crescente prosperità di un nuovo paese, in cui ampi segmenti della sua popolazione sono stati in grado di raggiungere un certo livello di ricchezza materiale precedentemente goduto solo da pochi eletti. Che Ammi Phillips  fosse in grado di guadagnarsi da vivere nelle campagne rurali del New York e del Connecticut del diciannovesimo secolo esibendo forse duemila somiglianze nel corso della sua vita parla della relativa ricchezza e delle aspirazioni della popolazione. A un altro livello, i ritratti di Phillips sono sorprendentemente moderni e la loro innovativa astrazione afferma la capacità di Phillips di superare i limiti del suo tempo.

Ammi Phillips (1788-1865)
Girl in a Red Dress with a Dog

La sorprendente bellezza di questi ritratti è raggiunta in gran parte attraverso l’uso di principi riduttivi modernisti, un tema esplorato da Stacy Hollander nel suo articolo del 2008 confrontando le opere di Phillips e Mark Rothko. Come sostenuto da Hollander, l’arte di Phillips rompe con la normalità del giorno liberando la tela del “disordine” e creando grandi distese di colori audaci che come le creazioni di Rothko hanno un effetto ipnotico sull’osservatore. Così, nell’approccio e nel risultato, queste opere magistrali di Phillips possono essere viste come precursori dell’Espressionismo Astratto, che ha dominato la scena artistica americana oltre un secolo dopo (vedi Stacy C. Hollander, “La seduzione della luce: Ammi Phillips, Mark Rothko , Composizioni in rosa, verde e rosso, “Folk Art (Fall 2008), pp. 9-29).

Nell’opera di Phillips, Girl in a Red Dress with a Dog rappresenta il periodo Kent dell’artista, datato dal 1829 al 1838 e caratterizzato da figure altamente stilizzate in una palette audace e vibrante.

Phillips si è anche affidato a dispositivi ripetuti e in aggiunta agli altri tre ritratti di bambini in rosso discussi sopra, molte delle somiglianze di Phillips di questo periodo presentano somiglianze in abito, posa e oggetti di scena. Un certo numero di dettagli nel ritratto offerto qui sono visti anche nel ritratto di Phillips, Mrs. Mayer and Daughter. Questo doppio ritratto è l’unico altro esempio del lavoro di Phillips che presenta un vestito rosso dello stesso modello di quello visto nei quattro bambini in rosso. Inoltre, come la ragazza del ritratto nel lotto attuale, la figlia ha una collana di corallo a tre fili e entrambe le sitter hanno rametti fogliari simili. In precedenza, sono stati identificati come quercia, ma come osservato da David R. Allaway, le foglie assomigliano a gambi di prezzemolo. Possono anche rappresentare un fiore come il crisantemo, che ha gemme simili a quelle incluse nei rametti raffigurati in questi due ritratti. Nessun altro ritratto di Phillips è conosciuto con lo stesso bocciolo, ma rametti fogliari simili sono stati visti su sette dei suoi ritratti di donne, e uno di una ragazza giovane, tutti datati al 1830 o fino al 1840 circa (corrispondenza e-mail con David R Allaway, 7 dicembre 2018 e Christie’s)

Written by

Marika Lion, curatrice del magazine FIRST Arte. Specialista di arte XIX, XX secolo, contemporanea e mercato dell’arte. Opera nel settore dell’Art Heritage Management e nello specifico in area patrimoniale, collezionista e curatore di mostre d’arte. Docente universitario in Economia dell’Arte, Marketing e Comunicazione degli eventi culturali e strategie di comunicazione per la valorizzazione e promozione di patrimoni artistico culturali. Autore di libri e responsabile di collane editoriali dedicate all’arte.

No comments

LEAVE A COMMENT