7 June, 2020
 

Christie’s, New York: capolavori di “arte africana” in asta

Una celebrazione della forza femminile, della fertilità e della bellezza, questa vendita offre opere d’arte che mostrano la potente influenza delle donne nella cultura africana del XIX secolo. Le opere un tempo svolgevano funzioni importanti che circondano temi universali di unità sociale, protezione, fertilità della terra e estensione naturale delle persone. Una raccolta unica e diversificata di figure e maschere con rara abilità artistica dall’Africa occidentale e centrale. I nove capolavori portano antiche e distinte provenienze, che sono ulteriormente esaltate dalle loro storie espositive e dalla letteratura pubblicata.


I punti salienti della vendita di Art of Africa includono:
La maschera di Walschot-Schoffel Kifwebe attribuita a un artista Songye Master è l’esempio più bello e più importante di questo tipo di maschera da introdurre sul mercato.
Attraverso l’uso dello scultore di proporzioni potenti e le ondate di linee grafiche, la maschera crea un’illusione ottica che può essere percepita come ipnotica. Conosciuto in Congo come essere soprannaturale, le maschere femminili erano legate ai riti lunari, apparivano in occasione della morte di un capo e svolgevano un ruolo fondamentale animando le benevoli forze spirituali attraverso la danza.

Per il Songye, il bianco simboleggia la bellezza, la forza riproduttiva, la salute, la purezza, la bontà, la gioia, la pace e il raggiungimento della saggezza. Il pigmento bianco viene prodotto con argilla proveniente dai letti dei fiumi, che viene triturata ed essiccata in polvere. L’uso di argilla bianca da fiumi e foreste sembra attivare fisicamente la maschera femminile, collegando la sua rappresentazione simbolica al sacro ambiente ancestrale. Il tipo di maschera Kifwebe è il più iconico in tutta l’arte africana e ha ispirato e costretto artista del 20 ° secolo e appare in primo piano nelle opere di Alexander Calder e Jean-Michel Basquiat.

I due migliori lotti di questa asta, tra cui la maschera Walschot-Schoffel Kifwebe attribuita a un artista Songye Master e la Bamana Ntomo Mask attribuita al Proto-Ségou Master. Sono opere rare che sono fresche sul mercato e una volta erano nella collezione di Jeanne Walschot (1896-1977).

Una maschera Bamana Ntomo attribuita al Maestro Proto-Ségou è un altro capolavoro della vendita, che era nella collezione di Jeanne Walschot. Le maschere Ntomo del popolo bamana del Mali sono complesse sculture di maschere che sono state utilizzate durante le cerimonie di iniziazione. Questa maschera offre una combinazione unica di un volto umano con corna crestate e incorpora audacemente il potente simbolismo di una figura femminile – in questo caso, la donna primordiale. La cresta rappresenta il generoso campo di grano o steli d’erba mentre la donna, con i suoi piedi e le sue mani che si uniscono all’orizzonte, denota la fertilità della terra e della gente. L’ultimo insegnamento di Ntomo e altre pratiche di iniziazione – per garantire uno stato di equilibrio fisico e mentale necessario per una buona vita nella società.

La Grebo / Kru Mask della Liberia è un altro pezzo eccezionale, che ha avuto poteri di trasformazione e ha aiutato a stimolare gli artisti innovativi del XX secolo a ripensare il carattere rappresentativo dell’arte. Questo tipo di maschera con occhi tubolari sporgenti e lineamenti del viso ha ispirato Pablo Picasso a creare la sua radicale innovazione della scultura della chitarra cubista. Solo poche maschere Kru come questa sono conosciute, l’inclusione di più occhi probabilmente significa il dono della chiaroveggenza, in quanto tale maschera incarna e rappresenta formalmente la capacità di accedere a ciò che non si vede.

Il Chokwe Ensemble è realizzato in fibra finemente tessuta e l’uso di diversi colori intrecciati nel tessuto crea un intricato design. Secondo la tradizione Chokwe in Angola, ai ragazzi era richiesto un periodo di isolamento dalla vita del villaggio che poteva durare fino a un anno. Questo costume a grandezza naturale è stato indossato durante le cerimonie di iniziazione dei giovani ragazzi Chokwe mentre si sono laureati in età adulta.

Il Guro Mask Representing Gu riflette le caratteristiche della bellezza ideale del Guro in Costa d’Avorio. Nella pratica culturale Guro del secolo scorso, la donna mitica, o antenata idealizzata, Gu, è descritta come non lasciare mai il boschetto da sola e accompagna sempre suo marito o suo padre. Si dice che Gu protegga le giovani mogli da ogni malevolenza da parte della famiglia a cui si sono sposati. Allo stesso modo, la Maschera di Punu, si dice che Okuyi invochi gli spiriti degli inferi che si sono incarnati come una bellissima giovane donna e corrispondono ad alcuni dei più alti ideali di fascino femminile. Queste maschere sono una testimonianza della grazia e del potere delle donne Punu. La maschera bianca, proveniente dal sud del Gabon, è diventata caratteristica delle arti africane dalla fine del XIX secolo. La danza Okuyi, che ha dato il nome a queste maschere, ha riunito la comunità per eventi significativi e ripristinato l’ordine dopo una crisi. Giustappunto alla maschera Punu bianca c’è la rarissima Maschera Punita Annerita, Ikwara. Ci sono meno di una manciata conosciuta del tipo nero, che si pensava fosse circondato dalla segretezza. Queste “maschere della notte” venivano indossate durante i rituali notturni e rappresentano

Immagine di copertina:  A PUNU MASK, OKUYI, GABON, Stima: $250,000 – $350,000.; A BLACKENED PUNU MASK, IKWARA, GABON, Stima $250,000 – $350,000.

Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT