1 October, 2020
 

Christie’s New York, stima $4/6 ml per il prezioso vaso di Qianlong

Risalente agli inizi della dinastia Zhou occidentale, XI-X secolo aC, lo Zuo Bao Yi Gui è apprezzato per la sua forma unica e la sua eccezionale provenienza. Questa nave rituale per il cibo era una volta nella collezione dell’imperatore Qianlong, che regnò dal 1736 al 1795, e fu pubblicata a Xiqing gujian, il catalogo di bronzi della collezione imperiale commissionato dall’imperatore Qianlong e stampato nel 1755. Incredibilmente raro , solo sei altri bronzi arcaici della collezione dell’Imperatore di Qianlong sono noti per essere in mani private oggi.

Il regno dell’Imperatore Qianlong è celebrato come una delle “età dell’oro” nella storia cinese, quando sono state prodotte alcune delle migliori ceramiche e opere d’arte cinesi. L’imperatore fu personalmente coinvolto nella supervisione di gran parte della produzione artistica, e in particolare prediligeva gli stili arcaistici, con bronzi e giade arcaici che forniscono l’ispirazione per molte opere durante il suo regno. L’interesse per l’apprendimento della cultura materiale del passato e l’uso dell’antica saggezza per guidare il presente, hanno portato l’imperatore Qianlong a commissionare il catalogo gujariano di Xiqing come documentazione della sua collezione.

Le navi Gui erano originariamente utilizzate per l’offerta rituale di grano agli antenati, e in genere sono di forma scodella profonda sollevata su un piede alto e fiancheggiata da un paio di manici a testa di animale. Sono le quattro zampe alte della nave attuale a distinguere questo magnifico esempio: ci sono solo 15 gui a quattro zampe conosciute, la maggior parte delle quali si trovano nelle collezioni dei musei.

Questo gui bronzeo presenta anche un’iscrizione al suo interno che recita, “ha reso questo prezioso vaso d’onore”, deducendo che il pezzo sarebbe stato commissionato da qualcuno di ricchezza e status. Poiché la scrittura su bambù e legno di quest’epoca non è sopravvissuta fino ai giorni nostri, le iscrizioni sui bronzi antichi sono notevoli per essere tra le prime testimonianze scritte della storia cinese.

Inoltre, il gui era nella collezione di Wu Dacheng, uno dei più importanti collezionisti e intenditori del 19 ° secolo di bronzi arcaici, ed è stato pubblicato nel suo catalogo personale, Kezhai Jigulu. La gui passò poi attraverso molti dei più importanti collezionisti e commercianti del 20 ° secolo in questo campo. In molti modi, la gui rappresenta la lunga storia della Cina di collezionare e apprezzare i bronzi antichi al più alto livello.

Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT