28 November, 2020
 

Claudia Cardinale, i suoi abiti in asta da Sotheby’s

In una mostra e asta pubblica online dal 28 giugno al 9 luglio, Sotheby’s celebrerà la moda italiana dalla fine degli anni ’50 fino all’inizio degli anni ’80, periodo in cui Parigi non aveva più il monopolio sui couturier e le loro controparti italiane erano venendo alla ribalta. In vendita 130 capi di alta moda e prêt-à-porter, tutti creati dai migliori designer italiani del momento, tra cui Emilio Schuberth, Roberto Capucci, Irene Galitzine, Barocco e Balestra, nonché la casa parigina Nina Ricci, che vestiva regolarmente l’attrice negli anni ’60.

La vendita è l’occasione per acquisire capi indossati dall’attrice nella sua vita di tutti i giorni, così come in alcuni dei suoi grandi ruoli cinematografici e in eventi cinematografici internazionali, tra cui gli Academy Awards a Los Angeles, e la Venezia, Cannes e festival del cinema di Berlino.

Tra gli abiti più importanti c’è un lungo vestito in organza fucsia ricamato con motivi floreali di Livia, indossato da Cardinale per la sua prima apparizione al Festival di Cannes nel 1961. C’è un tubino interamente ricoperto di paillettes nere e ornato di fiori rosa e blu , di Nina Ricci (collezione Haute Couture, autunno-inverno 1963-1964), che l’attrice ha modellato al 37 ° Academy Awards a Los Angeles nel 1965 come presentatrice al fianco di Steve McQueen.

Altri oggetti ricordano i più grandi ruoli di Cardinale dal suo periodo di fama internazionale. Tra questi, The Pink Panther di Blake Edwards (1963) in cui, come Princess Dala, proprietaria di un favoloso diamante bramato da un misterioso ladro, indossa un elegante pigiama palazzo in shantung d’avorio ricamato con perline d’argento, di Irene Galitzine, simile a quello che presenta nella vendita. Poi c’era The Magnificent Cuckold diretto da Antonio Pietrangeli (1964), nel quale Cardinale indossa un abito da cocktail ornato di petali neri da Nina Ricci nella finale del film; Una bella coppia di Francesco Maselli (1968), in cui l’attrice affianca il suo co-protagonista Rock Hudson con una giacca di pelle allacciata con spalline multiple; e Lost Command di Mark Robson (1965), con Cardinale in costume da bagno nero prodotto da Cole of California, si è riunito con la sua co-protagonista de Il leopardo, Alain Delon.

Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT