30 May, 2020
 

Clima, fotoreportage sul cambiamento della regione artica

Il loro fotoreportage investigativoArctic: New Frontier” è una doppia spedizione che esplora gli effetti del cambiamento climatico sull’intero territorio artico. Vogliono sperimentare la drammatica trasformazione dei paesaggi naturali e dei dati demografici nell’Artico e l’impatto di questi cambiamenti sulla vita degli abitanti della regione.

Le foto di Yuri Kozyrev e Kadir van Lohuizen sono superbe. Attraverso di loro, dalla Siberia, Svalbard e la Groenlandia al Canada e l’Alaska, scopriamo l’Artico di oggi, con i paesaggi ICT e fauna selvatica che stanno disegnando un numero crescente di turisti, così come TIC popolazioni che sono esposti a condizioni climatiche estreme e chi Ville miniera come nichel e altro, gas, petrolio e carbone. Proteggere l’ambiente non sembra centrale per la loro attività, per usare un eufemismo. -Jean Jouzel, climatologo, vincitore del Vetlesen Award 2012 e co-vincitore del Nobel Peace Award 2007 come direttore dell’IPCC

Per la prima volta, due fotogiornalisti Contemporaneamente-hanno coperto l’irreversibile che cambio hanno avuto luogo nella regione artica, a testimoniare gli effetti della fusione delle calotte polari.

Yuri Kozyrev percorsa la strada dei porti marittimi russi dell’Artico, che accompagna l’ultimo residuo popolo nomade della Regione, i Nenets durante il loro movimento stagionali conosciute come la transumanza. Questo articolo è per la prima volta nella storia di Nenets nel 2018, a causa dello scioglimento del permafrost. Kozyrev costeggiato la costa del Mare di Barents, nel nord del paese, e percorsa a bordo della Monchegorsk, la prima nave container di utilizzare il percorso senza assistenza del Mare del Nord. Ha incontrato persone che erano state costruite da Normesk, e poi si è recato a Murmansk, dove la prima centrale nucleare galleggiante è in costruzione segreta.

Kadir van Lohuizen ha iniziato il suo viaggio sull’isola norvegese di Spitzberg nell’arcipelago delle Svalbard. Ha poi seguito il passaggio a nord-ovest, che ora è la strada tra Europa e Asia grazie al ghiaccio che si scioglie. In Groenlandia, mette gli scienziati che hanno scoperto di recente l’esistenza di fiumi ghiacciati sotto la calotta di ghiaccio, che stanno contribuendo direttamente ai crescenti livelli dell’acqua del pianeta. A sud dell’isola di Cornwallis, al largo delle coste del Canada, residente nell’esercito canadese, a seguito della regione artica. Infine, si recò a Kivalina, un villaggio indigeno sulla punta settentrionale dell’Alaska, che, secondo le previsioni attuali, scomparirà sott’acqua entro il 2025.

Le forze del turismo, la militarizzazione, lo sfruttamento del gas e delle risorse minerarie e l’apertura del commercio artico sono i due lati dell’equazione. su importanza strategica nella storia dell’umanità a causa degli effetti del riscaldamento globale. Le fotografie di “Arctic: New Frontier” di Yuri Kozyrev e Kadir van Lohuizen anno sono testimonianza allarmante per la velocità del cambiamento nella zona e gli sconvolgimenti che stanno avvenendo era scala globale.

La condivisione con la Fondation Carmignac i valori di apertura e di sostegno alla creazione, la Città della Scienza ed è lieta di presentare la mostra dell’industria fotografica “Arctic: New Frontier” che risuona pienamente con la missione TIC per aumentare la consapevolezza del rispetto per l’ambiente e biodiversità.

Dal 7 novembre al 9 dicembre 2018 – Fondation Carmignac, Porquerolles, Francia.

Immagine: Kadir van Lohuizen / NOOR
Arctic, Alaska, Point Hope, whale hunting, May 2018

Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT