5 July, 2020
 

Diana, la Dea della caccia alle corti europee

Il libro a cura di a cura di Giovanni Barberi Squarotti, Annarita Colturato, Clara  Goria, ci introduce nel mondo delle cortese europee, dove Diana, occupa un posto importante.

In questo narrare vengono affrontati vari episodi degli sviluppi del mito: dall’antichità ai racconti di Boccaccio, alle rivisitazioni rinascimentali; dagli affreschi del Parmigianino a Fontanellato alla pittura di Batoni; dai travestimenti mitologici e dalle composizioni musicali per la corte di Francia alla poesia di Foscolo e Leopardi.  Immagini, racconti, partiture, per tracciare, alla luce di differenti sguardi critici, le metamorfosi e le ambigue identità della dea che ancora oggi ci seducono.

Edizioni olschki

La dea rivive nelle rappresentazioni  simboliche e allegotiche di regine, prìncipi e dame, attraversa generi, iconografie e stili, solcando palcoscenici e ispirando opere e decorazioni per residenze  e giardini d’Europa. Sotto il suo nome sorge nel cuore del Seicento la Venaria  Reale, “palazzo di piacere e di caccia” del circuito delle residenze sabaude: la Reggia di Diana, secondo il programma iconografico interamente dedicato alla dea da Emanuele Tesauro.

Un volume che ci invita a ricostruire il significato del mito di Diana in uno scenario di mitologia, storia e letteratura quasi fiabesco e di straordinaria bellezza.

 

 

Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT