30 March, 2020
 

Domenico e Tomaso Piva a TEFAF con la “Vanitas” di Lilla Tabasso

Sulla scia della tradizione che li ha da sempre visti mettere in risalto l’arte lombarda, i due antiquari esporranno quest’anno alcune opere di tre artisti milanesi contemporanei.

I fiori in vetro di Murano di Lilla Tabasso (Milano, 1973), sono nature morte di stupefacente realismo e si riallacciano al tema, tradizionale nella storia dell’arte, della “Vanitas”, intesa come rappresentazione della caducità della vita terrena di fronte all’inesorabile trascorrere del tempo. Grazie ai suoi studi in biologia e alla straordinaria padronanza della tecnica del vetro (lavorato a lume e soffiato), Tabasso indaga ogni aspetto della natura: dall’aggraziato aprirsi dei boccioli, ai fiori sul punto di appassire, e così anche le foglie ingiallite o piegate sotto il peso di un insetto sono “imperfezioni” parti esse stesse della bellezza.

Lilla Tabasso continua a perfezionare la sua tecnica, arrivando ad usare il vetro in combinazione con il cemento, fino a creare piccole installazioni. Ha esposto le sue opere alla Venice Glass Week di Venezia (2017), al Museo del Vetro di Murano (2016-2017) e al Pittsburg Glass Center (USA, 2016).

Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT