29 May, 2020
 

Duino Elegies: la poesia di Rilke in una collettiva che ripercorre 150 anni di arte

Per dare la priorità alla sicurezza del personale, degli artisti e del pubblico, Gagosian ha temporaneamente chiuso le sue gallerie in tutto il mondo a causa dello scoppio covid-19.

Duino Elegies si propone come una mostra collettiva che ripercorre la risonanza della poesia di Rainer Maria Rilke attraverso opere d’arte che attraversano gli ultimi 150 anni.

Nel 1912, Rilke fu invitato a soggiornare al Castello di Duino, una fortezza a nord di Trieste, in Italia, dalla Principessa Marie von Thurn und Taxis. Lì, mentre si trovava in cima a una scogliera che si affaccia sul Mare Adriatico, affermò di sentire la seguente frase: “Chi, se avessi urlato, mi avrebbe ascoltato tra gli ordini angelici?” Alla fine Rilke usò queste parole per aprire Duino Elegies, una raccolta del 1923 di dieci poesie metafisiche profondamente religiose. Preoccupati per l’interazione di sofferenza e bellezza nell’esistenza umana, le Elegie proiettano anche una visione di speranza di un mondo più pacifico.

Due decenni prima, Rilke si era trasferito a Parigi per scrivere una monografia su Auguste Rodin, dando inizio a un’amicizia complessa ma duratura tra i due uomini. Rilke venerò la capacità dello scultore di tradurre sentimenti figurativi in ​​figurazione, come esemplificato dal grande tragico in bronzo di La Muse (1896) di Rodin. Originariamente concepito sette anni prima per il Monumento a Victor Hugo – in cui la musa, appollaiata sopra il gigante letterario francese, sussurra ispirazione per lui – La Muse tragique è presentata qui come un’unica figura, evocando un pathos acuto che si addice all’identità simbolica del soggetto.

Negli anni ’60, un giovane Anselm Kiefer prese una copia della monografia Rodin di Rilke, il suo primo incontro con entrambi i loro lavori. La prosa evocativa di Rilke ha permesso a Kiefer di apprezzare appieno il lavoro dello scultore francese, il cui tocco naturalistico e la tendenza verso il monumentale lo avrebbero reso una delle fonti di ispirazione più durature di Kiefer. In due intimi libri di artisti del 1974 e una serie di acquerelli sensuali, Kiefer presenta scene meditative e spirituali che mostrano il suo fascino di lunga data sia con lo scultore che con il poeta.

Nato per la prima volta nel 1893, il Bambino Ebreo (ragazzo ebreo) di Medardo Rosso è emerso come uno dei motivi più amati della fine della carriera dell’artista. Nel tentativo continuo di rappresentare un’emozione complessa nei tratti del bambino, Rosso ha ricreato e rifuso più volte il busto del ritratto triste per numerose mostre e regali personali. In mostra una versione 1920–25 di Bambino Ebreo realizzata in gesso con una superficie di cera. Rosso impiegò la cera – normalmente un mezzo preparatorio – come finitura, sfruttando le sue connotazioni mortali di impermanenza e decadenza, nonché la sua approssimazione del calore e della tenerezza della carne umana – un impulso affine alle stesse meditazioni di Rilke sui fugaci momenti di contatto dell’umanità con i transitori , bellezza sublime.

Ricordando la sua formazione formativa, Cy Twombly scrisse: “Era impossibile uscire dal Black Mountain College e non amare Rilke.” Costruendo un legame diretto e potente con le Elegie, la pittura di Twombly Duino (1967) sposa le indagini geometriche dell’artista con il suo costante interesse per la letteratura. Per creare questo “dipinto a lavagna” —una parte di un gruppo di opere chiamate per evocare il muro della scuola — Twombly scarabocchiato, cancellato e reinserito il nome del castello titolare di Rilke in un pastello a cera bianco su un terreno di pittura ad olio grigio scuro, posando atto di scrittura come gesto artistico in sé.

Cy Twombly “Duino” (1967) © Cy Twombly Foundation. Photo: Rob McKeever

Per questa mostra, Edmund de Waal ha prodotto una nuova opera in dialogo con la pittura di Twombly, usando il mezzo di ceramica per improvvisare sulle tele scritte a mano del marchio dell’artista precedente. Il dittico elegie (2020) è realizzato in argilla caolinica spazzolata su una coppia di pannelli in legno; sopra queste superfici gessose, de Waal scarabocchia frammenti letterari in grafite e stick di olio, spalmandoli parzialmente e sovrascrivendoli per simulare la mutabilità dell’osservazione. Con la sua sceneggiatura a spirale e il terreno pallido, la scultura grafica di De Waal appare come un opposto estetico e un tributo creativo al Duino di Twombly.

La mostra inoltre vedrebbe opere di Balthus, Paul Cézanne, Edmund de Waal, Anselm Kiefer, Auguste Rodin, Medardo Rosso e Cy Twombly, tra gli altri.

DUINO ELEGIES Gagosian New York

Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT