30 September, 2020
 

E.ON Energia pianta alberi per la riforestazione in Italia

Originale iniziativa di radicamento sociale con più i 100 mila alberi in 8 Regioni.

Cultura uguale a sostenibilità ambientale. Il gruppo energetico E.ON ha investito in 34 aree in 8 Regioni piantando alberi. Una forma originale di sostenere il paesaggio con 100 mila clienti a supporto. Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Trentino Alto Adige, Veneto, Lazio, Umbria e Puglia hanno, quindi, permesso di raggiungere ora la cifra record di 101 mila nuove piantumazioni. Una foresta immaginaria tutta italiana che assorbe oltre 74 mila tonnellate di CO2. 

Il progetto è nato nel 2011 in collaborazione con AzzeroCO2, società di consulenza per la sostenibilità fondata da Legambiente e Kyoto Club. AzzeroCO2 agisce sui territori secondo una metodologia che si ispira alle linee guida definite dal ChangeThe Intergovernmental Panel on Climate Change dell’Onu. Ma perché un’azienda energetica ha fatto questa scelta? “100.000 alberi, grazie ad altrettanti clienti che hanno sostenuto il nostro impegno e l’assorbimento di  tonnellate di CO2 costituiscono un risultato di cui siamo particolarmente orgogliosi” spiega Péter Ilyés, CEO di E.ON Italia che pensa anche di non interrompere l’esperimento. Buone performance anche  da parte di AzzeroCO2. “Siamo convinti che la sostenibilità sia un fattore chiave di trasformazione, non solo nell’ambito del nostro settore, ma per la vita delle persone.Il nostro impegno è per il coinvolgimento dei nostri clienti in iniziative concrete” dice Sandro Scollato,Amministratore Delegato.

In sostanza un disegno culturale che non punta solo a musei, mostre, eventi particolari, ma ha compreso che l’Italia ha forte bisogno di queste forme di radicamento sociale.

L’originalità sta nell’offerta alle comunità di luoghi fruibili da poter vivere recuperando elementi naturali. Il sistema, davvero virtuoso, ha le sue fondamenta nei clienti che nel contatto con E.ON , in occasione di sottoscrizione delle offerte commerciali GasVerde Più e E.ON GasClick, scelgono l’opzione verde: convertono nella piantumazione di alberi i punti accumulati con il programma My E.volution.

Da esperti di energia diffusa in E.ON vogliono ridurre le emissioni dirette del 75% entro il 2030 e del 100% entro il 2040. Hanno scelto un percorso impegnativo di “cultura del vivere “ e proseguiranno. Gli alberi piantati e tutto il mega-piano “Boschi  E.ON “ sono i gradevoli compagni di viaggio.

Share Post
Written by

Nato a Pomigliano d’Arco (Napoli) è laureato in Scienze Politiche. Dagli anni ’80 è giornalista freelance per scelta. Ha scritto per Paese Sera, Il Mattino, Libero, Il Denaro, Specchio Economico, Reportage, EspressoSud occupandosi prevalentemente di Mezzogiorno, energia, green economy, ambiente. Responsabile di azienda energetica, è stato membro di commissioni e Consigliere nazionale dell’Ordine dei Giornalisti. Attualmente collabora con FIRSTonline, EspressoSud, ilMediano.com

No comments

LEAVE A COMMENT