28 November, 2020
 

Ed Ruscha “Painting” a New York con un saggio dello scrittore Tom McCarthy

Gagosian il 14 novembre apre a New York una mostra dedicata alle opere di Ed Ruscha, l’artista che fino dagli anni ’60 ha creato un lessico distintivo e in continua espansione di segni, simboli, immagini e parole tratti dall’America vernacolare. Le sue espressioni visive, suoni e concetti, come la stazione di servizio sul ciglio della strada o la parola “OOF”, sono stati incorporati nell’etica americana. Ha presentato immagini ricorrenti – la bandiera americana, montagne, libri e parole – che sono suggestive ma mai didattiche, e lo sviluppo di queste immagini nel corso della sua illustre carriera esemplifica la raffinatezza ironica e la sottigliezza con cui parla attraverso la pittura.
In questi nuovi dipinti, Ruscha ha scelto di rivisitare la bandiera, la montagna e il pneumatico. Le bandiere sono entrate nel vocabolario visivo di Ruscha tra il 1985 e il 1987, ondeggiando nella brezza su tramonti drammatici o cieli blu trionfanti, compensati da sottili segnali di avvertimento di barre nere che assomigliano a strisce di censura. Il motivo è tornato in OUR FLAG (2017) – attualmente in mostra al Brooklyn Museum, che è servito da seggio elettorale per le elezioni di novembre – dove si è disintegrato in brandelli contro un cielo quasi nero. La bandiera diventa distorta di recente in RIPPLING FLAG (2020), questa volta allargata in modo anomalo per estendersi oltre il riquadro di destra, la sua superficie fluida crea forme contorte e ombre sulle strisce rosse e bianche. In Top of Flag (2020), solo una frazione dello stendardo è visibile nella parte inferiore della tela, circondata da una gradazione di ombra, quasi come se la bandiera fosse un sole al tramonto o un riflettore fioco su un palco.
Nei nuovi dipinti di montagna, Ruscha presenta una delle sue catene innevate archetipiche, ma inverte una delle vette in modo che sembri discendere dal cielo. Un battistrada di pneumatico sminuzzato, o “alligatore”, a cui Ruscha ha fatto riferimento per la prima volta nella sua serie di dipinti di Psycho Spaghetti Western, si libra su un paesaggio arido e dai cieli rossi in Hardscrabble (2020). Questi frammenti di pneumatici sono apparsi anche in Blue Collar Tyres (1992), che faceva parte della serie Course of Empire, il contributo di Ruscha per il padiglione americano alla Biennale di Venezia nel 2005. Questo è stato intitolato direttamente dopo il famoso ciclo pittorico di Thomas Cole (1834– 36) raffigurante lo stesso paesaggio nel tempo che si è sviluppato dal suo stato naturale incontaminato, per cadere, infine, come le bandiere di Ruscha, in uno stato di rovina e degrado.


Un catalogo completamente illustrato, con un saggio dello scrittore Tom McCarthy, accompagnerà la mostra.
Ed Ruscha è nato nel 1937 a Omaha, Nebraska, e vive e lavora a Los Angeles. Il suo lavoro è raccolto da musei di tutto il mondo. Le mostre includono Fifty Years of Painting, Haus der Kunst, Monaco (2010, viaggiato al Moderna Museet, Stoccolma, fino al 2010); Standard, Los Angeles County Museum of Art (2012-2013, ha viaggiato al Rose Art Museum, Brandeis University, Waltham, MA, fino al 2013); Appartamenti Los Angeles, Kunstmuseum Basel (2013); In primo piano: Ed Ruscha, J. Paul Getty Museum, Los Angeles (2013); 13a Biennale di Lione, Francia (2015); Ed Ruscha e il Great American West, de Young Museum, San Francisco (2016); Course of Empire, National Gallery, Londra (2018); Doppi americanismi, Secessione, Vienna (2018-19); e ARTIST ROOMS: Ed Ruscha, Tate Modern, Londra (2019-21).

Immagine di copertina: Ed Ruscha, Hardscrabble, 2020. Acrilico on canvas, 32 × 48 inches (81.3 × 122 cm)
© Ed Ruscha. Photo: Paul Ruscha

ED RUSCHA. Paintings – November 14, 2020–January 23, 2021 – Gagosian – 541 West 24th Street, New Y

Written by

Marika Lion, curatrice del magazine FIRST Arte. Specialista di arte XIX, XX secolo, contemporanea e fotografia. Opera nel settore del Cultural Heritage Management e nello specifico in area patrimoniale. Collezionista e curatore di mostre d’arte. Docente universitario in Economia dell’Arte, Marketing degli eventi culturali e strategie di comunicazione per la valorizzazione e promozione di patrimoni artistico culturali. Autore di libri e responsabile di collane editoriali dedicate all’arte. Fotografo di Still-Life e Portraits.

No comments

LEAVE A COMMENT