6 July, 2020
 

Fotografia: “Emulsioni d’Etiopia” di Luigi Simeoni

Nel mondo ci sono tanti modi per festeggiare il Natale e la fotografia è in grado di rappresentarli tutti nelle mille sfaccettature, negli infiniti colori possibili. Si tratta di una grande festa religiosa, carica disegni e significati e quindi di immagini,  ma anche un grande appuntamento di genti che  si incontrano, che partecipano ai riti collettivi. Quello che vi proponiamo è un Natale fotografico diverso, anomalo: si tratta della festività religiosa più importante nella cristianità copta che si svolge ad Axum e Lalibela, la città Santa, in Etiopia durante i primi giorni di gennaio. 

Questo viaggio ci viene proposto nella splendida cornice del Museo Arte Contemporanea di Villa Favarelli a Imperia a partire dal prossimo venerdì 6 dicembre con la mostra fotografica di Luigi Simeoni – Emulsioni d’Etiopia. Vengono esposte quarantadue immagini in bianco e nero divise in tre sale: i ritratti; il Genna a Lalibela, Natale dei copti e la vita quotidiana nei villaggi. Inoltre la mostra è corredata da un filmato a quattro mani firmato dallo stesso Simeoni e da Roberto Gabriele dove si raccontano i  giorni preparatori della grande festività, le ore di attesa e la notte della vigilia del Genna.

Le immagini riportano volti quasi dipinti con espressioni intense, segnati e scavati da rughe profonde come forse solo il sole e la sabbia del deserto sono in grado di fare. Le immagini appaiono tridimensionali  per i mille particolari che le compongono e rappresentano un’armonia, una quotidianità e un crocevia di umanità curiosa e ospitale. Il mondo che viene rappresentato appare sereno: sorridono gli uomini armati, le donne, i contadini e gli allevatori carichi di merci. Sguardi pieni di orgoglio, quasi consapevoli  di discendere dalla leggendaria regina di Saba, gesti che rappresentano la fede in una religione conservata a prezzo di mille battaglie svolte in un contesto a loro spesso ostile, interiorizzati generazione dopo generazione.

L’autore ha utilizzato una stampa con una tecnica antica, che risale ai primi del ‘900. Le fotografie sono stampate su una carta di cotone a grana grossa, che potenzia e rende quasi tattili i caratteri delle immagini. Successivamente, la carta viene pennellata a mano con un’emulsione liquida ai nitrati d’argento in grado di rendere, di fatto, ogni immagine un’opera unica e irripetibile. Come scrive Augusto Pieroni nell’introduzione al catalogo della mostra: “…chiamandole Emulsioni l’autore rimarca l’uso di tecniche analogiche, fotochimiche, in fase di stampa se non anche in acquisizione. Non è una nostalgia vintage, ma un recupero della passione per l’argentico (come dicono i francesi) totalmente attuale e contemporaneo. L’emulsione fotosensibile è stesa a mano in pennellate liquide sovrapposte, e la sua tramatura rimarca un equivalente gioco materico nel mondo terreno che raffigura: terre, tele, carnagioni, legni, pattern di stoffe decorate…”. Lo stesso catalogo è un’opera d’arte, non solo fotografica.

Emulsioni d’Etiopia –  6/22 dicembre 2019

Museo Arte Contemporanea Imperia Villa Favarelli

Viale Giacomo Matteotti 151

Orario:

Venerdì 16.00/19.00 – Sabato 10.00/13.00 – 16.00/19.00 – Domenica 16.00/19.00

www.maci.art

info@maci.art

facebook@macivillafavarelli

instagram@maci_villafavarelli

Post Tags
Share Post
Written by

Critico cinematografico - SNCII. Nasce nel 1953 a Roma, dove si laurea in Sociologia presso l'Università La Sapienza. Nel 1986 consegue, in Confindustria, un Master in comunicazione di impresa e nel 1996 frequenta un Corso di comunicazione e immagine presso la Scuola di Management LUISS. Iscritto all’Albo Nazionale dei giornalisti nel 1983, lavora come redattore del settimanale “Nord Sud” e del mensile “Quale Impresa” di Confindustria, di cui sarà anche coordinatore. Responsabile delle relazioni esterne dei Giovani Imprenditori di Confindustria, successivamente lavora nello stesso ambito con Italimprese. Nel 1991 viene assunto in Rai, svolgendo incarichi in diversi ambiti, dai rapporti con l'AgCom alla struttura presso il Quirinale; dallo Staff del Direttore Generale alle Relazioni esterne e comunicazione di RaiUno, Rai Giubileo, Rai World, Rai Pubblicità, ed infine Ray Way. Da aprile 2017 è Senior Advisor di Csc Vision. È stato Docente incaricato presso la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università della Tuscia e Cultore della materia alla Facoltà di Scienze della Comunicazione della Sapienza. Responsabile delle relazioni esterne di Rai Way, dal 2003 è stato Presidente della Associazione "Tv e Minori" e Direttore responsabile della rivista bimestrale “Tv e Minori”

No comments

LEAVE A COMMENT