1 October, 2020
 

Fotografia, Paris Photo: 209 espositori e tante mostre personali


Quest’anno Paris Photo ospita 35 nuove gallerie nel settore principale, di cui 15: Hauser & Wirth (Zurigo) presenta una mostra personale dell’artista tedesco August Sander, Dirimart (Istanbul) presenta una mostra collettiva sul tema della ritrattistica include opere di Nuri Bilge Ceylan, Isaac Julien, Shirin Neshat e Julien Rosefeldt. La Galería Elvira González (Madrid) presenta una mostra personale dell’artista spagnola Chema Madoz. La galleria Fahey / Klein Gallery (Los Angeles) presenta una mostra personale di Steven Arnold, il protetto di Dali, mentre le gallerie Anne-Sarah Bénichou (Parigi) e The Pill (Istanbul) presentano congiuntamente una mostra collettiva sulla fotografia politica che riunisce il lavoro di Mathias Depardon , Decebal Scriba e Seton Smith.

Tra questi nuovi partecipanti, sono tornate diverse gallerie:
Air de Paris (Parigi) con uno spettacolo a due di Jean Painlevé e Bruno Serralongue, Dominique Fiat (Parigi) con uno spettacolo di gruppo sulla scena del voga degli anni ’90 a New York. La selezione del 2019 è inoltre contrassegnata dal ritorno di Filomena Soares (Lisbona) e Nicholas Metivier (Toronto).

29 mostre personali sono offerte quest’anno da espositori del settore principale, tra cui lavori sull’adolescenza di Jim Goldberg (Casemore Kirkeby, San Francisco), ricerche sperimentali sull’immagine digitale di Adrian Sauer (Klemm’s, Berlino) e da Nancy Burson (Paci, Brescia), natura e ambiente come ispirazione per Roberto Huracaya (Rolf Art, Buenos Aires) ed Edward (Nicholas Metivier, Toronto), ma anche Parigi e la moda con le opere di Juergen Teller (Suzanne Tarasieve, Parigi). Ming Smith (Jenkins Johnson, San Francisco) mette in dubbio l’idea di omogeneità nella fotografia in nero Americano, mentre Mari Katayama (Sage, Parigi) sublima la sua disabilità fisica mettendola al centro del suo processo creativo. Lo scultore americano John Chamberlain (Karsten Greve, Parigi) rivela la sua singolare pratica sperimentale della fotocamera Widelux con una serie di immagini allungate, rugose, forti in colori contrastanti.

Il settore Curiosa, inaugurato nel 2018, è dedicato quest’anno agli artisti emergenti. Ospite di questa seconda edizione, Osei Bonsu – curatore e scrittore anglo-ghanese – ha scelto di mettere in discussione la fotografia e la sua instabilità in relazione al nostro mondo attuale. Questa selezione riflette la moltitudine di realtà umane, visibili o nascoste, in modo innovativo e ispirato.

Il settore PRISMES, dedicato alla mostra di opere eccezionali, è presentato nella Hall of Honor del Grand Palais. Per questa 5a edizione, ospita 14 progetti, inclusi grandi formati di Marie Cloquet (Annie Gentils, Antwerp) e Zohra Opoku (Mariane Ibrahim, Seattle), il opere seriali di Susan Derges (Purdy Hicks, Londra) e del gruppo SubREAL
(Jecza, Timisoara) e le strutture di Marianne Csáky (Inda, Budapest).

Presentato al mk2 Grand Palais e accessibile a tutti i visitatori del giusto, la terza edizione del settore FILM mette in discussione i legami profondi tra fotografia e immagini animate attraverso film di artisti e fotografi. La selezione definita da Matthieu Orléan (collaboratore Cinematheque francese) e Pascale Cassagnau (Capo della raccolta audiovisiva, video e new media, National Arts Centre materie plastiche) esplora le pratiche di manipolazione delle immagini attraverso una serie di documentari e opere di finzione.

Written by

Marika Lion, curatrice del magazine FIRST Arte. Specialista di arte XIX, XX secolo, contemporanea e mercato dell’arte. Opera nel settore del Cultural Heritage Management e nello specifico in area patrimoniale. Collezionista e curatore di mostre d’arte. Docente universitario in Economia dell’Arte, Marketing e Comunicazione degli eventi culturali e strategie di comunicazione per la valorizzazione e promozione di patrimoni artistico culturali. Autore di libri e responsabile di collane editoriali dedicate all’arte.

No comments

LEAVE A COMMENT