30 September, 2020
 

Helena Rubinstein, la sua famosa collezione d’arte al MahJ di Parigi

Per questa esposizione sono stati esposti più di trecento documenti, oggetti, vestiti, foto, incisioni, opere, dipinti, sculture, arazzi – tra cui opere di Marc Chagall, Michel Kikoin, Sarah Lipska, Louis Marcoussis, Elie Nadelman o Maurice Utrillo, della sua famosa collezione personale – ripercorri il percorso che Jean Cocteau chiamava “l’imperatrice della bellezza”.

Helena Rubinstein era nata a Cracovia alla fine del XIX secolo, Helena Rubinstein, fondatrice di un impero a cui dava il suo nome, ha reinventato la cultura della bellezza adattandola alla modernità in una modesta famiglia ebraica ortodossa. Visionaria, mette la scienza al servizio dei cosmetici dalla creazione del suo primo istituto, a Melbourne, nel 1902. In precursore, mostra alle donne come prendersi cura di loro, attente a quale bellezza “, questo nuovo potere “Accompagna la loro emancipazione.

Donna d’avanguardia, Helena Rubinstein colleziona molto presto le prime arti e dipinti, posa per Raoul Dufy, Salvador Dalí o Marie Laurencin, veste i più grandi couturier del suo tempo – Poiret, Balenciaga, Chanel, Dior – , vive tra New York, Londra e Parigi, che le piace particolarmente. È qui che nasce la sua vasta ed eclettica collezione d’arte, dai pittori dell’École de Paris a Pablo Picasso, Fernand Léger e George Braque. È anche a Parigi che nasce la sua amicizia per molti artisti di cui diventa la patrona attenta.
Appassionata di architettura e arti decorative, è anche sponsor di saloni di bellezza ed edifici per architetti del movimento moderno.
Helena Rubinstein. L’avventura della bellezza “racconta le tappe della vita di questa donna eccezionale nelle città che contava per lei: Cracovia, Vienna, Melbourne, Londra, Parigi, New York e Tel Aviv.
Qui un estratto del catalogo che ci introduce alla mostra.

Post Tags
Share Post
Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT