6 June, 2020
 

Howard Hodgkin e Martin Creed, una mostra al 50% per dichiarare le emozioni

Questa mostra abbina il pittore Howard Hodgkin (1932-2017) con l’artista concettuale Martin Creed. Celebra la loro convinzione che l’arte offre un quadro attraverso il quale possiamo esprimere e venire a patti con le nostre complesse vite emotive.

Hodgkin descrisse notoriamente i suoi dipinti astratti e audacemente colorati come immagini rappresentative di situazioni emotive. Dichiarò che l’unico modo in cui un artista poteva comunicare con il mondo era a livello di sentimento. Nel corso della sua carriera ha perfezionato un vocabolario visivo unico, che ha dato forma convincente a un’esperienza emotiva altrimenti impalpabile. Utilizzando media molto diversi, che vanno dai cactus alle travi di ferro, le opere concettuali minimali di Creed portano struttura a quella che lui chiama la “zuppa” di emozione. Hodgkin ha ammirato l’approccio diretto e umoristico di Creed alla stessa materia prima, riconoscendo al contempo le proprie tecniche in essa, compresi linguaggi visivi concisi e ripetitivi, un interesse per le prestazioni e un impegno per un tipo di soggettività non autografica.

L’abbinamento di questi artisti offre una visione rinfrescante del loro lavoro: la prima mostra concepita dalla sua morte, Inside Out ci porta oltre una lettura lirica dell’opera di Hodgkin e ci consente di riconsiderarla nel contesto della pratica dell’arte contemporanea. Allo stesso tempo, si avvicina al lavoro minimalista di Creed attraverso l’espressionismo di Hodgkin, estraendo il suo elemento emotivo essenziale, che viene spesso trascurato.

Nel 2016 gli artisti hanno mostrato la loro reciproca ammirazione quando Hodgkin ha invitato Creed a consegnargli il primo premio Swarowski Whitechapel Art Icon. Creed ha eseguito la canzone “Feeling Blue” in suo onore. La mostra è curata da Guy Robertson e prodotta da Kistefos in collaborazione con The Estate of Howard Hodgkin e Martin Creed. Riunisce importanti opere di collezioni pubbliche e private, tra cui la Christen Sveaas Art Collection.

Nato nello Yorkshire e cresciuto a Glasgow, Martin Creed è diventato famoso nel 2001 quando ha vinto il premio Turner con “Lavoro 227: le luci si accendono e si spengono”. Questo controverso lavoro ha comportato l’accensione e lo spegnimento a intervalli di una luce in una galleria vuota, ed è tipico della natura giocosa e discreta dell’opera di Creed. La sua pratica è stata descritta come “una serie di esercizi di consapevolezza”, utilizzando materiali comuni e un intervento minimo per attirare sulla nostra attenzione cose che altrimenti potremmo trascurare. Utilizzando materiali diversi come carta, musica, aria, luce e testo, l’esperienza è spesso la chiave per comprendere il lavoro di Creed. Afferma che la sua arte è “50% su ciò che faccio e il 50% su ciò che gli altri ne fanno”.

Martin Creed è nato a Wakefield nel 1968 ed è cresciuto a Glasgow. Attualmente vive e lavora a Londra e Alicudi, in Italia. Nel 2001 Creed è stato il vincitore del Premio Turner. La sua pratica emerge da una serie in corso di indagini su fenomeni banali. Le opere di Creed sono identificate principalmente da numeri, quindi ogni pezzo viene aggiunto al suo sistema di catalogo con lo stesso stato, indipendentemente dalle sue dimensioni o da cosa è fatto. I suoi sottili interventi spesso ci reintroducono in elementi del quotidiano. La scelta e l’uso dei materiali di Creed – semplici fogli di carta A4, blu-tak, nastro per mascheratura, palloncini per feste, linguaggio semplice o “non critico” come testo o come testi di canzoni – è una celebrazione ponderata dell’ordinario, una lettura mirata del ambiguità delle “cose” quotidiane.

Howard Hodgkin (1932–2017) era profondamente in sintonia con l’interazione di gesto, colore e terreno. Le sue pennellate, appoggiate su supporti di legno, spesso continuano oltre il piano dell’immagine e sul telaio, rompendosi dai confini tradizionali. Abbracciando il tempo come elemento compositivo, il suo lavoro testimonia la sua immersione nell’intangibilità di pensieri, sentimenti e fugaci momenti privati.

Hodgkin è nato a Londra ed è cresciuto a Hammersmith Terrace. Durante la seconda guerra mondiale fu evacuato a Long Island, New York, per tre anni. Nel Museum of Modern Art di New York, vide opere di artisti della Scuola di Parigi come Henri Matisse, Édouard Vuillard e Pierre Bonnard, che non poteva facilmente vedere a Londra o Parigi. Tornato in Inghilterra nel 1943, Hodgkin fuggì dall’Eton College e dalla Bryanston School, convinto che l’educazione avrebbe impedito i suoi progressi come artista, sebbene incontrasse insegnanti ispiratori in entrambe le scuole. Ha poi frequentato la Camberwell School of Arts and Crafts (1949–50) e la Bath Academy of Art, Corsham (1950-1954). Uno dei più famosi pittori contemporanei inglesi.
Written by

Marika Lion, curatrice del magazine FIRST Arte. Specialista di arte XIX, XX secolo, contemporanea e mercato dell’arte. Opera nel settore dell’Art Heritage Management e nello specifico in area patrimoniale, collezionista e curatore di mostre d’arte. Docente universitario in Economia dell’Arte, Marketing e Comunicazione degli eventi culturali e strategie di comunicazione per la valorizzazione e promozione di patrimoni artistico culturali. Autore di libri e responsabile di collane editoriali dedicate all’arte.

No comments

LEAVE A COMMENT