30 March, 2020
 

Il “Grande legno e Rosso” di Alberto Burri pronto per il record

Eseguito nel 1957-1959, l’opera è rimasta nella stessa famiglia privata da oltre cinquanta anni dall’acquisizione dalla rinomata Galleria La Tartaruga di Roma, poco dopo la sua prima esposizione nel 1957. Con una stima di $ 10-15 milioni , è pronto a battere il record d’asta di Burri durante la sua prima vendita pubblica. “Grande legno e rosso è un ottimo esempio di uno dei periodi più celebri di Burri”, ha dichiarato Hugues Joffre, Senior Advisor to the CEO di Phillips. “Un’immagine di qualità eccezionale, la vendita di Grande legno e rosso rappresenta un’entusiasmante opportunità per i collezionisti di arte italiana del dopoguerra di acquisire un vero capolavoro dal lavoro di Burri”.

Monumentale e coinvolgente in scala, il Grande legno e rosso di Alberto Burri si estende per otto piedi di larghezza, con la combinazione di legno e fuoco che Burri aveva introdotto solo di recente nella sua opera, ponendolo quindi all’avanguardia della sua opera. Il lavoro dimostra perché la produzione artistica di Burri si è sintonizzata così bene con l’atmosfera dell’Europa del dopoguerra. Il continente era stato devastato dalla seconda guerra mondiale e le vecchie gerarchie erano state rovesciate. Era l’era dell’esistenzialismo e dell’espressionismo astratto e, avendo stabilito la sua carriera a Roma e New York nei primi anni ’50, i lavori di Burri sembravano sfidarli entrambi.

La sua incorporazione di materiali “poveri” come il sacco e il legno ha rivelato che un artista sembra elevare il più umile degli elementi nel regno dell’arte, ponendoli su un piedistallo precedentemente impensabile. Allo stesso modo, le tecniche impiegate da Burri indicavano un artista che stava trovando nuovi modi di lasciare un segno sulla tela. Con il legno rovente e incorporandolo all’interno dei confini di una superficie pittorica, Burri stava spingendo i confini dell’arte verso nuovi estremi.

Grande legno e rosso segna uno dei primi esempi in cui Burri ha usato l’elemento di fuoco più incontrollabile nel suo lavoro, ambientato alcuni anni prima che Yves Klein iniziasse la sua famosa serie di pitture di fuoco. Il materiale è molto importante quando si considera il lavoro di Burri, ma piuttosto che concentrarsi direttamente sui materiali, li ha usati come una nave per generare una risposta emotiva all’interno dello spettatore, proprio come avrebbero fatto in seguito gli artisti del movimento dell’Arte Povera. I metodi di Burri possono essere visti come spianando la strada agli artisti che lo seguiranno, creando una straordinaria influenza sulla scena internazionale.

Quando fu creato Grande legno e rosso, Burri era già diventato un artista riconosciuto a livello internazionale, avendo acquisito crescente visibilità e successo all’inizio degli anni ’50. Nel 1957, Burri partecipava a spettacoli in tutta Italia, in Europa e negli Stati Uniti. Questa ascesa alla fama fu tanto più impressionante come fu solo durante la sua prigionia nella seconda guerra mondiale che si era dedicato alla pittura come vocazione, abbandonando la medicina, la sua precedente vocazione. Mentre prestava servizio come prigioniero di guerra a Hereford, nel Texas, Burri si concentrò sempre più sull’arte; anche se in seguito avrebbe distrutto molte delle opere di quel periodo, fece il punto di salvare il suo primo paesaggio, il Texas. Questo lavoro, pieno di rosso bruciato e arancione e con un orizzonte alto, può essere visto come un antenato per la composizione di Grande legno e rosso.

L’importanza di Grande legno e rosso è ulteriormente indicata dalla sua inclusione nella acclamata retrospettiva 2015 del lavoro di Burri tenutasi al Solomon R. Guggenheim Museum di New York. Dopo quella mostra, la presentazione di questa foto in occasione dell’asta segna solo la seconda volta che è stata esposta pubblicamente dal 1960, poco dopo essere stata completata. Asta: giovedì 15 novembre Ubicazione: 450 Park Avenue, New York.

Immagine: Grande legno e rosso (Large Wood and Red), 1957–59. Wood veneer, fabric, combustion, acrylic, PVA, and staples on black fabric, 150 x 250 cm.

Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT