9 August, 2020
 

Il Leone e l’Unicorno : Arte e Cinema alla National Gallery di Londra

Mentre l’artista inglese Edwin Landseer ha creato una visione romantica delle Highlands scozzesi, l’artista scozzese Rachel Maclean usa stereotipi nostalgici per esplorare il modo in cui ci raffiguriamo.

Maclean (1987-) è uno degli artisti più acutamente satirici in Gran Bretagna oggi. Usando maschere elaborate, protesi grottesche e scenografie sgargianti, i suoi film caustici e oscuramente comici esplorano identità sia collettive che individuali.

‘Rachel Maclean: The Lion and The Unicorn’ presenta il film 2012 dell’artista The Lion and The Unicorn, che illumina in modo irriverente le relazioni tra Scozia e Inghilterra.

Commissionato da Edimburgo Printmakers in vista del referendum sull’indipendenza scozzese del 2014, il film di Maclean mostra gli inservienti araldici del Royal Coat of Arms, il leone inglese e l’unicorno scozzese, che si contendono il futuro del Regno Unito. Utilizzando l’audio trovato, inclusi brani tratti dalla trasmissione natalizia The Queen’s del 1957, l’artista presenta simboli nazionali in un contesto di conflitto politico.

Il film è accompagnato da una selezione di stampe correlate del 2013 che mostrano scene elaborate e intricate che trasmettono narrazioni esagerate e drammatiche. Nelle sue stampe e nei suoi elaborati registi, Maclean attinge a un vasto repertorio di allusioni storico-artistiche, combinando l’iconografia tradizionale e i riferimenti alla cultura pop per creare satira d’avanguardia.

‘Rachel Maclean: The Lion and The Unicorn’ è la prima esposizione di opere dell’artista alla National Gallery. Segue la sua mostra ‘Over the Rainbow’ che ha recentemente concluso la sua corsa alla National Gallery of Australia. Dopo aver esposto in modo estensivo a livello internazionale, nel 2017, Maclean è stato selezionato per rappresentare Scotland + Venice alla Biennale di Venezia. Il suo lavoro ha vinto il prestigioso Margaret Tait Award nel 2013 ed è stato presentato a HOME (Manchester); Tate (Londra); MCA (Chicago); Dublin City Gallery The Hugh Lane (Dublino); Artpace (San Antonio, USA); La Talbot Rice Gallery (Edimburgo); la Royal Scottish Academy (Edimburgo), e come parte del tour British Art Show 8, 2015. Ha anche, fino al 16 dicembre, una mostra alla Zabludowicz Collection (Londra).

‘Rachel Maclean: The Lion and The Unicorn’ fa parte del programma Contemporary della galleria per il 2018-19, che include anche la prossima mostra Sea Star: Sean Scully alla National Gallery (Ground Floor Galleries 13 aprile – 11 agosto 2019). Il programma contemporaneo di recente potenziamento estenderà la gamma di artisti con cui lavoriamo attraverso mostre e residenze.

Dall’inverno 2018 in poi, non vediamo l’ora di accogliere visitatori, artisti e studiosi per vedere l’arte moderna e contemporanea e gli artisti in dialogo con la collezione, creando un forum in cui l’arte del presente e quella del passato vengono continuamente esplorate.

Gli artisti che praticano hanno sempre avuto una posizione centrale alla National Gallery; la collezione ha fornito una fonte di ispirazione per artisti di tutto il mondo, dai maestri moderni ai contemporanei acclamati. Gli artisti contemporanei che hanno collaborato con la National Gallery in passato includono Tacita Dean, Chris Ofili, Bridget Riley, Ed Ruscha (il cui recente “Ed Ruscha: Course of Empire” è stato una risposta alla serie di dipinti di Thomas Cole “The Course of Empire” , esposto contemporaneamente alla mostra della galleria “Thomas Cole: Eden to Empire”), George Shaw e Alison Watt.

Rachel Maclean, The Queen, 2013. Commissioned and published by Edinburgh Printmakers © Rachel Maclean

Rachel Maclean, ‘The Queen’, 2013. Commissioned and published by Edinburgh Printmakers © Rachel Maclean

Daniel Herrmann, curatore di progetti speciali alla National Gallery e curatore di “Rachel Maclean: Il leone e l’unicorno”, afferma:

“Quando la National Gallery è stata inaugurata, due giorni alla settimana sono stati dedicati alla pratica degli artisti. Da allora, la Galleria è stata al centro di una fiorente comunità di visitatori, critici e artisti – una galleria piena di discussioni, dibattiti e delizia. Siamo entusiasti di continuare questa tradizione con un nuovo programma contemporaneo. Rachel Maclean è oggi uno degli artisti più astuti della Scozia, che combina un senso di satira irremovibile con sincero talento e abilità. Siamo entusiasti di presentare le opere di Rachel Maclean al nostro pubblico contemporaneo e di mostrare la nostra collezione storica e le mostre in dialogo con gli artisti di oggi. ”

Mostra supportata dalla Fondazione Rootstein Hopkins

Il programma espositivo Sunley Room invece è supportato da The Bernard Sunley Charitable Foundation

Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT