30 September, 2020
 

Il Muse di Trento compie 7 anni: festa con cinema e musica

«Il tema di questa particolare festa di compleanno non poteva che essere una riflessione sul coronavirus e quindi, per quest’anno, i toni saranno un po’diversi e meno scherzosi rispetto alle precedenti edizioni. Ma crediamo sia corretto così. Con “Via dall’Inferno” abbiamo voluto sottolineare tuttavia il desiderio di superare insieme questa grande crisi e promuovere un percorso che ci porti fuori da questo momento difficile».

Con queste parole il direttore del MUSE – Museo delle Scienze Michele Lanzinger anticipa il programma di MUSE di mezza estate – Via dall’Inferno!, l’evento che sabato 25 luglio 2020, dalle 16.30 a mezzanotte, animerà il grande giardino del Museo in occasione del settimo compleanno del Museo delle Scienze. Una giornata di attività e laboratori rivolti alle famiglie, dj set e riflessioni sul ruolo della scienza nelle situazioni di emergenza. Tutto all’insegna della sicurezza e del distanziamento.

Un appuntamento, quest’anno in una veste del tutto rinnovata, che ha l’obiettivo di offrire al pubblico nuovi sguardi e strumenti che infondano alle persone responsabilità e spirito giusto per affrontare – in maniera più consapevole – il domani.

A leggere quello che è accaduto da febbraio 2020 ad oggi a livello di ricerca scientifica, di scelte in termini di previsione e di gestione del rischio da parte delle istituzioni, di comunicazione e percezione da parte della cittadinanza, due ospiti d’eccezione: Roberta Villa, membro della task force anti fake news del governo e giornalista laureata in medicina e chirurgia, e Carla Broccardo, co-founder di AFI – Associazione Futuristi Italiani, protagoniste del talk scientifico delle 21.30 dal titolo “Comunicare la pandemia. Scenari attuali e futuri possibili”.

A seguire, alle 22.30, la proiezione a cura del Centro Servizi Culturali Santa Chiara del film “INFERNO” (1911, durata 71′), rimasterizzato e musicato dal vivo dall’ensemble elettroacustico Edison Studio, condurrà il pubblico “a riveder le stelle”, come recita l’ultimo verso della prima cantica della Divina Commedia. In conclusione un omaggio musicale al maestro Ennio Morricone. Per gli eventi serali, a ingresso gratuito, è necessario prenotarsi su Eventbrite.

Il programma di MUSE di mezza estate entra però nel vivo già dal pomeriggio. Si parte alle 16.30 nel grande giardino e negli orti del Museo con laboratori e giochi per famiglie e bambini (attività gratuite con prenotazione obbligatoria allo 0461/270311) per indagare in maniera creativa le connessioni che attraversano il nostro pianeta.

Dalle 17.30 alle 21 le sale del Museo aprono gratuitamente al pubblico, previa prenotazione online, mentre fino alle 23 è visitabile nel giardino l’installazione #actnow, uno spazio artistico realizzato in collaborazione e con il sostegno di Niederstätter dove porsi domande sul presente e cercare risposte per il futuro del nostro pianeta sulla base dei 17 Obiettivi per lo Sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 dell’Onu.

Il programma serale, al via alle 21.15 con i saluti delle autorità, è anticipato dalle 19.30 da un apericena a cura del MUSE Cafè e dal dj set lounge di PierDj. Con l’occasione il MUSE, a proposito di lasciarsi alle spalle la paura del Covid, ha anche annunciato che dal primo agosto viene meno l’obbligo di ingresso al museo solo con visita guidata e si torna alla modalità a fruizione libera con visita autonoma. Permangono tuttavia i limiti legati alla sicurezza quali il numero contingentato di ingressi, l’obbligo di mascherina negli spazi chiusi e la permanenza massima di 3 ore.

Share Post
Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT