9 August, 2020
 

Il Museo Tamayo (Messico) presenta “le interpretazioni del corpo” di Adriana Varejão

La mostra monografica Other Bodies Behind. Adriana Varejão, organizzata dal Museo Tamayo, esplora le linee di ricerca che Adriana Varejão (Rio de Janeiro, 1964) ha sviluppato nella sua pratica artistica negli ultimi trent’anni.

La mostra è strutturata in base a tre diversi corpi di lavoro: tele figurative degli anni Novanta, una selezione della serie Ruínas de carne seca (Rovine di Jerked-Beef) e l’ultima versione della sua installazione pittorica Polvo (Polpo), che mostra attraverso di loro i cambiamenti, le tensioni e le continuità che la sua opera ha subito durante diversi periodi della sua attività creativa.

La mostra si concentra, da un lato, sui diversi trattamenti della pittura di Varejão, che sono collegati alle sue considerazioni sul mezzo pittorico come artificio e rappresentazione (politica). Dall’altro, mette in mostra uno degli aspetti principali della sua ricerca: il corpo nei suoi contesti storici, politici ed estetici. Attraverso entrambi gli aspetti, sempre presenti in ciascuna delle sue opere, Varejão esamina attentamente le conseguenze che il periodo coloniale del Brasile ha sull’attuale configurazione della sua società, nonché sulla storia della produzione di immagini.

Una strategia ricorrente nella sua pratica è quella di riprendere immagini derivate dalle tradizioni figurative del barocco europeo e delle sue controparti in America Latina – rappresentazioni del continente da una prospettiva eurocentrica, nonché ritrattistica e piastrelle dipinte – riappropriandole per sviluppare la ricerca argomenti di cui sopra.

Figura de convite, 1997

I suoi pezzi chiariscono chiaramente che si tratta di una copia fittizia, una parodia non risibile che porta la teatralità del barocco un passo avanti, sottolineando costantemente la loro condizione di replica e trompe l’oeil. Per Adriana Varejão, le immagini storiche portano con sé relazioni di potere, che cerca di sovvertire attraverso un esercizio di decolonizzazione dell’immagine.

Share Post
Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT