22 October, 2020
 

In asta il dipinto “Red Composition” di Jackson Pollock già appartenuto a Peggy Guggheneim

Un’ opera di Jackson Pollock sará il momento clou della vendita serale di arte del XX e del 21 ° secolo, annunciata da Christie’s NY per il 6 ottobre 2020.

“Red Composition” è stimata 12-18 milioni di dollari ed è un’importante opera giovanile del celebre artista americano il cui drip la tecnica pittorica avrebbe rivoluzionato l’arte del XX secolo. Dipinto direttamente dopo la sua seminale serie Sounds in Grass, questo lavoro intricato e sfaccettato è tra i primi dipinti in cui Pollock ha liberato la pittura dall’interferenza del suo pennello, permettendole di assumere la propria forma e nel processo diventare una manifestazione di vera astrazione.

Il dipinto è offerto in vendita dall’Everson Museum di Syracuse, New York, come parte di un più ampio impegno del museo per perfezionare e diversificare la sua collezione e istituire un fondo per le future acquisizioni di opere d’arte di artisti di colore, donne artiste e altri under- ha rappresentato artisti emergenti e di metà carriera. Una parte del ricavato costituirà un fondo per la cura diretta del resto della raccolta. La decisione di vendere è in linea con le linee guida stabilite dall’Alleanza americana dei musei e ha il sostegno del Consiglio di fondazione del museo, nonché la fondazione istituita da Dorothy e Marshall M. Reisman che hanno donato l’opera nel 1991. Vedi stampa uscita da Everson Museum.

Robert Falter, Amministratore della Fondazione Dorothy e Marshall M. Reisman, ha osservato: “In qualità di membro del consiglio di vecchia data e benefattore dell’Everson, Marshall sarebbe stato estremamente felice di vedere il suo dono utilizzato per il bene maggiore del Museo, la sua futura sostenibilità e il suo impatto sulla comunità “.

La composizione rossa apparteneva per la prima volta alla leggendaria mercante e gallerista Peggy Guggenheim, uno dei primi e più ardenti mecenati di Jackson Pollock. Guggenheim ha poi donato il dipinto a James [Jimmy] Ernst, figlio del pittore surrealista Max Ernst nel 1947. Ernst Senior è stato una delle voci più influenti dell’avanguardia europea, e dopo un tumultuoso corteggiamento si è sposato con Guggenheim tra il 1941 e il 1941. 1946. All’inizio degli anni ’50, il dipinto fu poi acquistato dall’uomo d’affari di New York Marshall Reisman e da sua moglie Dorothy, originario di Siracusa. Rimase nella loro collezione personale per oltre quarant’anni fino a quando fu donato nel 1991 all’Everson Museum of Art.

Questa opera, insieme ai dipinti delle donne di Willem de Kooning, ai campi di colore trascendentali di Mark Rothko e ai Campbell’s Soup Cans di Andy Warhol, i dipinti “a goccia” di Jackson Pollock sono diventati alcuni dei dipinti più importanti dell’ultima parte del ventesimo secolo. La composizione rossa è stata dipinta in un momento cruciale quando l’artista stava spostando la sua attenzione dagli elementi più figurativi della sua pratica precedente. Rappresenta il periodo durante il quale la pittura si libera dal suo pennello, uno sviluppo che rivoluzionerà per sempre la pratica della pittura. Con Red Composition, Pollock aveva compiuto un passo importante per liberarsi dalle influenze del suo interesse per il Surrealismo, e per diventare, nelle parole di Peggy Guggenheim, “il più grande pittore dai tempi di Picasso”.

Oltre a svolgere un ruolo importante all’interno del proprio sviluppo artistico, Red Composition incarna anche alcune delle relazioni importanti nella vita personale di Pollock, essendo stato di proprietà della sua grande amica e mentore, Peggy Guggenheim. Eseguito all’inizio di un periodo di intensa creatività per l’artista, nessuna parte della tela è intatta dalle cadute di Pollock e dai vortici di uno spesso impasto, rendendolo un dipinto straordinariamente preveggente che prediceva i cambiamenti sismici a venire.

Le origini dello stile inconfondibile di Pollock sono emerse nel 1946, in quello che è stato considerato l’anno più importante dell’artista. Questo è stato l’anno in cui, insieme a Red Composition, Pollock ha prodotto la sua seminale serie Sounds in Grass; questi sette dipinti segnano la prima volta che Pollock ha abbandonato l’applicazione dei suoi colori esclusivamente con l’aiuto di un pennello e ha iniziato invece a spalmare il pigmento direttamente dal tubetto. Questa importante serie di dipinti include Eyes in the Heat (Collezione Solomon R. Guggenheim, New York), considerato uno dei primi dipinti più importanti dell’artista, poiché preannuncia i dipinti “ versati ” che Pollock iniziò nell’inverno del 1946-47 .

Direttamente dopo i dipinti Suoni nell’erba ci sono due dipinti correlati; il primo è Free Form (Museum of Modern Art, New York), un dipinto lirico con scie in bianco e nero fluenti di vernice liquida che attraversano un terreno rosso familiare che il museo afferma “molto probabilmente il primo ‘dipinto a goccia di Pollock”. Direttamente dopo Free Form c’è Red Composition, che lo rende ancora più strumentale nella traiettoria che ha spinto Pollock a diventare uno degli artisti più innovativi e importanti della sua e delle generazioni successive.

JACKSON POLLOCK (1912-1956) Red Composition signed ‘Jackson Pollock’ (lower right); signed again and dated ‘Pollock 46’ (on the reverse)oil on Masonite19 ¼ x 23 ¼ in. (48.9 x 59.1 cm.) Painted in 1946.Estimate: $12-18 million
Written by

Marika Lion, curatrice del magazine FIRST Arte. Specialista di arte XIX, XX secolo, contemporanea e mercato dell’arte. Lunga esperienza nel settore della comunicazione istituzionale e public affairs. Opera nel settore del Cultural Heritage Management e nello specifico in area patrimoniale. Collezionista e curatore di mostre d’arte. Docente universitario in Economia dell’Arte, Marketing e Comunicazione degli eventi culturali e strategie di comunicazione per la valorizzazione e promozione di patrimoni artistico culturali. Autore di libri e responsabile di collane editoriali dedicate all’arte.

No comments

LEAVE A COMMENT