9 August, 2020
 

Irving Penn. Quanto vale la sua opera

Irving Penn (1917-2009) nato a Plainfield, nel New Jersey, ha studiato con Alexey Brodovitch alla Philadelphia Museum School of Industrial Art. Dopo la laurea nel 1938, si trasferisce a New York e lavora come artista grafico indipendente. Vogue lo assunse per progettare le copertine della rivista nel 1943, ma il suo lavoro fu interrotto dal suo servizio di guerra come autista di ambulanza. Ha ripreso il lavoro dopo la guerra e ha contribuito con le sue fotografie per alcune copertine. Negli anni ’50, Penn era diventato uno dei principali fotografi editoriali, di moda e di ritratti della rivista. Le sue collaborazioni con Lisa Fonssagrives, la celebre modella di moda che sposò nel 1947, furono particolarmente efficaci. Nel 1952, ha anche iniziato a fare fotografie pubblicitarie nel suo studio di New York. Il suo lavoro è stato ampiamente esposto in mostre presso la National Portrait Gallery di Washington, DC, il Museum of Modern Art e il Metropolitan Museum of Art, e altrove. Penn ha prodotto numerosi libri fotografici, tra cui Worlds in a Small Room (1974), Flowers (1980) e Passage: A Work Record (1991), che ha vinto il premio Infinity ICP per le pubblicazioni nel 1992.
Il suo uso di fondali monocromatici di nero, bianco o grigio, così come la sua costruzione della tenda leggera – una configurazione di lavagne bianche dipinte che gli hanno permesso il controllo completo delle condizioni di illuminazione naturale – ha migliorato la semplicità visiva delle sue fotografie. In un’epoca in cui l’illuminazione artificiale elaborata era la norma, il suo lavoro si distingueva dagli altri e influenzò la successiva fotografia di moda.

Giudizio investimento ⭐️⭐️⭐️⭐️

Ma quanto vale la sua opera?

Alcune delle ultime aggiudicazioni:

Poppy: Showgirl, New York”, 1968 – Dye-transfer, monté sous passe-partout, encadré. Tirage de 1989 – Prezzo di aggiudicazione: 60.000 € Prezzo incluso spese : 75.000 €Stima: 50.000 € – 70.000 € Sotheby’s , 08/11/2019 Paris, Francia. Firmato alla mano Datato Iscritto “15614” Copyright Titolo / verso Provenienza: Hamiltons Gallery, London; Christie’s, New York, The Elfering Collection, October 10, 2005, lot 39 (43 x 54 cm).

Bee (A), New York, 1995 – Dye-transfer/carton. Tiré en 2001 – Ed. 15 (55 x 61 cm). Prezzo di aggiudicazione: 90.000 € Prezzo incluso spese : 112.500 € Stima: 40.000 € – 60.000 €Christie’s , 05/11/2019 Paris, Francia . Firmato e datato Titolo / versoProvenienza: Private View, Paris. Acquis directement auprès de celle-ci par le propriétaire actuel.

Three Rissani Women with Bread, Morocco”, 1971 – Stampa alla gelatina ai sali d’argento, viré au sélénium/carton monté sous passe-partout et encadré, tiré en 1984. Prezzo di aggiudicazione: 30.000 € Prezzo incluso spese : 37.500 € Stima: 30.000 € – 50.000 € Sotheby’s , 08/11/2019 Paris, Francia. Firmato alla mano Datato Copyright. Provenienza: Kicken Gallery, Berlin; Private collection, Germany; Sotheby’s, Paris, Photographies, November 20, 2009, lot 82(49,2 x 48,6 cm).Ed. 20.

Frozen Foods, New York, 1977 – Dye-transfer/carton. Tiré en 1984. Ed. 33 (59,1 x 46,2 cm). Prezzo di aggiudicazione: 70.000 € Prezzo incluso spese : 87.500 € Stima: 70.000 € – 90.000 € Christie’s , 05/11/2019Paris, Francia 
Firmato e datato Titolo / versoProvenienza: Christie’s, New York, Photographs, 24 avril 2006, Lot 14. Galerie Thierry Marlat, Paris. Sotheby’s, Paris, Importante collection européenne de Photographies, 10 novembre 2017, Lot 50. Acquis lors de cette vente par le propriétaire actuel

Written by

Marika Lion, curatrice del magazine FIRST Arte. Specialista di arte XIX, XX secolo, contemporanea e mercato dell’arte. Opera nel settore dell’Art Heritage Management e nello specifico in area patrimoniale, collezionista e curatore di mostre d’arte. Docente universitario in Economia dell’Arte, Marketing e Comunicazione degli eventi culturali e strategie di comunicazione per la valorizzazione e promozione di patrimoni artistico culturali. Autore di libri e responsabile di collane editoriali dedicate all’arte.

No comments

LEAVE A COMMENT