5 July, 2020
 

Korea, al via il “Performing Arts: Asia Focus 2018”

A partire dal 2017, l’MMCA (National Museum of Modern and Contemporary Art Korea) ha ampliato il suo programma di arte performativa al fine di annunciare le ultime tendenze dell’arte contemporanea che mettono alla prova i confini del genere e supportano gli artisti della performance in Asia. Come parte di questo programma, MMCA ha allestito almeno una performance piece ogni mese dal marzo 2018, con Kim Seonghee (ex direttore artistico inaugurale dell’Asia Culture Center-Theater e professore alla Kaywon University of Art & Design) come supervisore del progetto. L’Asia Focus di quest’anno, che si tiene per la seconda volta dopo il primo nel 2017, sarà caratterizzata da nuovi lavori di Nam Hwayeon, Ho Tzu Nyen, Meiro Koizumi, Dai Chenlian e Royce Ng, cinque dei più importanti artisti asiatici.

In Asia, dove non esistono infrastrutture di performance artistiche, la piattaforma Asia Focus offre agli artisti la possibilità di produrre nuove opere in Asia e presentarle al mondo. Commissionando direttamente artisti per produrre opere, l’MMCA scopre e sostiene in modo proattivo artisti asiatici.

L’MMCA ha adottato un sistema di coproduzione al fine di finanziare efficientemente i lavori di performance condividendo le spese di produzione e di presentare efficacemente le opere al pubblico internazionale. Deep Present, prodotto da Kim Jisun attraverso Asia Focus 2017, è stato cofinanziato da tre istituti d’arte in Belgio, Paesi Bassi e Austria, e il pezzo ha completato con successo il suo tour delle prestazioni in ogni istituzione a maggio. Le cinque opere presentate da Asia Focus di quest’anno sono state inoltre co-prodotte da un totale di 10 organizzazioni internazionali tra cui Abu Dhabi Art degli Emirati Arabi Uniti, il Ming Contemporary Art Museum in Cina, il Festival Internazionale delle Arti di Singapore, il Teatro Kampnagel in Germania e Kunstenfestivaldesarts in Belgio con un tour delle prestazioni in programma per ciascuna organizzazione dopo la prima al MMCA.

La rivista I / O Gazette, famosa nel mondo delle arti dello spettacolo, ha valutato che l’Asia Focus 2017 dell’MMCA è “il posto ideale per qualsiasi programmatore globale che voglia introdurre performance che influenzeranno a lungo la prospettiva del pubblico sul mondo.” Come MMCA Seoul sta diventando rapidamente un hub internazionale attraverso il quale i professionisti dell’arte sperimentano le ultime opere asiatiche, una delle principali piattaforme d’arte focalizzate sulla produzione e distribuzione di performance art asiatiche. Perché quattro dei cinque lavori presentati nel programma di quest’anno (opere di Nam Hwayeon, Royce Ng, Meiro Koizumi e Dai Chenlian) debuttano per la prima volta, esperti da tutto il mondo, incluso il direttore creativo Stephen Armstrong del Arts Centre Melbourne, Australia, e la curatrice Soma Chiaki della Triennale di Aichi, in Giappone, visiteranno l’MMCA per vedere le opere di persona e considerare l’invito delle esibizioni.
L’Asia Focus di quest’anno parlerà per le diverse popolazioni asiatiche attraverso opere di Ho Tzu Nyen (Singapore), Royce Ng (Hong Kong), Meiro Koizumi (Giappone), Nam Hwayeon (Corea) e Dai Chenlian (Cina).

The Mysterious Lai Teck di Ho Tzu Nyen e Queen Zomia di Royce Ng riflettono sull’Asia di oggi facendo riferimento alla storia moderna e contemporanea. L’opera teatrale e teatrale di Ho Tzu Nyen, acclamata dal mondo dei media, The Mysterious Lai Teck è stata presentata per la prima volta al Theater Kampnagel ad agosto e verrà eseguita per la seconda volta nell’ambito di MMCA Performing Arts: Asia Focus 2018. Questo pezzo incentrato sull’uomo conosciuto come Lai Teck, un leader del partito comunista malese dal 1939 al 1947 che si rivelò essere un triplo agente per i servizi segreti francesi, britannici e giapponesi, mette in evidenza i processi di decolonizzazione e modernizzazione del sud-est asiatico che hanno portato cambiamenti nel senso della gente di identità nazionale. Continuando da Ghost of Showa, il primo capitolo della trilogia di Opium Museum di Royce Ng è stato premiato come parte di MMCA Performing Arts: Asia Focus 2017, il secondo capitolo, Queen Zomia, sarà presentato in anteprima anche attraverso la MMCA Performing Arts 2018: Asia Focus. Queen Zomia convoca Olive Yang-the leader delle province anarchiche del XX secolo nel Sud-Est asiatico che era anche un signore della guerra dell’oppio – in un ologramma piramidale per svelare la complessa storia dell’Asia sud-orientale all’interno della quale le identità nazionali ed etniche si intrecciarono.

Il videoartista rappresentativo del Giappone Meiro Koizumi svela Sacrifice, la sua prima opera di realtà virtuale. Usando la tecnologia VR, l’artista coglie vividamente la storia di un uomo che ha vissuto la guerra in Iraq, testando fino a che punto il pubblico possa simpatizzare nel dolore e nella sofferenza di un’altra persona. Artista di genere trasversale Gli studi di Orbital di Nam Hwayeon esplorano il movimento della cometa di Halley, tentando di percepire la rivoluzione della cometa intorno al sole in un dato momento. Questo lavoro, che tratta del desiderio umano di comprendere il misterioso, sarà presentato nella Galleria 6 di MMCA Seoul, che ha una struttura architettonica unica. Dai Chenlian, uno spettacolo cinese che sarà presentato per la prima volta in Corea, ha anche una chiara visione dell’Asia. Attraverso un teatro di marionette analogico, Big Nothing racconta una storia di fantasmi originata dalla dinastia Tang conosciuta come “Youyang Zazu”. Nel corso della storia, l’artista tenta di disintegrare la linea tra il logico e l’illogico, il sensibile e l’insensato, e il significativo e insignificante.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito Web MMCA (www.mmca.go.kr).

 

Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT