6 July, 2020
 

La Fondazione Louis Vuitton celebra la grande designer Charlotte Perriand

Per la prima volta dalla sua apertura nel 2014, la Louis Vuitton Foundation dedica l’intero edificio di Frank Gehry a una designer unica, Charlotte Perriand (1903-1999). Dagli anni ’20 al 21 ° secolo, il lavoro e la vita di Charlotte Perriand descrivono una traiettoria straordinaria, libera e indipendente. Sebbene sia nota per i suoi contributi nel campo del design, Charlotte Perriand non ha esitato ad attraversare i confini tra discipline artistiche e intellettuali.
Una donna libera, una sportiva, una grande viaggiatrice, attenta alla natura e all’ambiente, aperta al dialogo delle culture, ha vissuto ogni giorno i suoi impegni sociali, artistici e politici. Usando una moltitudine di materiali – dai tubi cromati alla paglia, legno grezzo, bambù, elementi prefabbricati e poliestere … – ha combinato design, architettura, urbanistica, artigianato e arti visive senza trascurare gli aspetti umani ed economici legato alle sue creazioni.

In questa occasione la Louis Vuitton Foundation presenta l’artista in tutti gli spazi della galleria, i successi e i collegamenti che ha forgiato con i più grandi artisti del suo tempo. “L’arte di vivere” che ha messo in parole e spazio non può essere percepita senza l’apprensione delle opere che accompagnavano i suoi occhi. Cronologico e su quattro livelli, l’itinerario proposto mescola le sue opere con quelle dei suoi parenti, arrivando fino ad immergere lo spettatore in ricostruzioni storiche: l’appartamento-studio del luogo Saint-Sulpice (1927), il Salon d’Autunno (1929), La casa del giovane (1935), La casa sull’acqua (1934), La capanna Tonneau (1938) e La casa da tè per l’UNESCO (1993).

Fin dall’inizio, tra il 1927 e il 1929, Charlotte Perriand reinventò la casa, in particolare collaborando con Le Corbusier e Pierre Jeanneret. Gli anni ’30 sono il teatro del suo impegno politico, sociale e artistico, spesso al fianco di Fernand Léger. È anche con loro che, consapevole dei limiti del progresso e della tecnologia, immagina una “arte grezza” ispirata alla natura.

Fondamentale, il suo soggiorno in Giappone dal 1940 al 1941 rafforzò la sua comprensione dei legami tra creazione e tradizione e iniziò uno dei contributi centrali del suo lavoro, il dialogo delle culture. Di ritorno in Francia, partecipa attivamente agli sforzi di ricostruzione. Ha poi co-fondato il movimento “Forme utili”, che svolgerà un ruolo vitale nella fioritura del design durante gli anni Trenta gloriosi.
A Tokyo nel 1955, fece la proposta di una “Sintesi delle arti” e presentò accanto alle sue opere quelle di Le Corbusier e Fernand Léger. A Parigi, la Galerie Steph Simon espone i suoi mobili e la sua “arte di vivere”. Il suo soggiorno a Rio nei primi anni ’60 gli permette di arricchire ulteriormente la sua immaginazione.

Le opere di Charlotte Perriand interagiscono con quelle di Robert Delauney, Simon Hantai, Alexander Calder, Pablo Picasso, Henri Laurens e Fernand Léger in luoghi da lei progettati per catturare ed esporre arte.

Il suo amore per la montagna si riflette anche in molte delle sue creazioni, dal rifugio Tonneau a Les Arcs. Infine, è il rapporto intimo che ha stretto con il Giappone a concludere il viaggio: la casa da tè progettata nel 1993 per l’UNESCO è stata ricostruita nell’ultima galleria espositiva, facendo eco all’architettura di Frank Gehry.

Charlotte Perriand è nata il 24 ottobre 1903 a Parigi. Ha studiato alla Central Union School of Decorative Arts dal 1920 al 1925. Due anni dopo, ha lavorato come designer d’interni, con sede nel suo studio di Place Saint-Sulpice. La sua ricerca e l’interesse per il design del mobile portarono alla collaborazione di Le Corbusier e Pierre Jeanneret negli anni ’20 e ’30. Durante questo periodo lavorò a importanti progetti tra cui la Villa Church, la Villa Savoye, la Città del Rifugio per l’Esercito della salvezza francese e il Padiglione svizzero alla Cité Universitaire.

Immagine di copertina: Charlotte Perriand. Salle de réception, 1955. © Adagp, Paris, 2019 © AChP

Written by

Marika Lion, curatrice del magazine FIRST Arte. Specialista di arte XIX, XX secolo, contemporanea e mercato dell’arte. Opera nel settore dell’Art Heritage Management e nello specifico in area patrimoniale, collezionista e curatore di mostre d’arte. Docente universitario in Economia dell’Arte, Marketing e Comunicazione degli eventi culturali e strategie di comunicazione per la valorizzazione e promozione di patrimoni artistico culturali. Autore di libri e responsabile di collane editoriali dedicate all’arte.

No comments

LEAVE A COMMENT