28 February, 2021
 

La Street Art rivive nei borghi del Molise

Ormai ci siamoCivitacampomarano, in provincia di Campobasso, uno dei  borghi più suggestivi del Molise sfida le città con la street arte. Il fenomeno prende piede nei piccoli Comuni, attira e  dà una buona mano a quanti vogliono vivere i borghi ma anche le periferie in modo cult. Diciamo che ne guadagna la sostenibilità ambientale. Che non dispiace camminare in stradine e vicoli avvolti in graffiti multicolori. L’anima si rallegra e il piacere di vederli lavorare anche questi artisti di strada, a  Civitacampomarano si ripete per la quarta volta. 

Di recente abbiamo parlato qui del festival street art di Padova. Pochi giorni dopo dal 13 al 16 giugno si svolge la kermesse molisana diretta da Alice Pasquini . Gl artisti si ritroveranno  per dare vita ad una festa con obiettivi assai ambiziosi. Primo fra tutti il meritorio invito a venire a visitare questo luogo che quattro anni fa rischiava di non aver più abitanti. Arrivano  artisti da ogni parte orgogliosi di stare insieme e “ aggredire” con le loro tecniche  quei muri scelti dalla  Pro locoGli abitanti sono lieti di accogliere gente che viene da Argentina, Norvegia, Portogallo, Germania. Tutto pulito e in ordine come per chi ci vive tutto l’anno. In una Regione centrale dell’Italia piccola e ricca  di tradizioni . I graffitari italiani sono già di casa, come la Pasquini, artista affermata a sua voltaNella tre giorni sono stati a chiamati a dipingere gratuitamente Milu Correch, argentina,  nota per realizzare murales su larga scala ; Martin Whatson, artista di strada norvegese noto per gli  scarabocchi calligrafici  icon sfumature di grigi; Add Fuel, alias Diogo Machado, portoghese e noto perché lavora su pannelli di piastrelle di piccole e medie dimensioni;  Jan Vormann,  artista, docente e  membro fondatore dei T10 Studios di Berlino che lavora spesso con i Lego. li italiani sono quelli dello Studio Aira di Ascoli Piceno.Rappresentano paesaggi multisensoriali mettendo insieme video, grafica, luce, suono. 

E’ new art per sostenere una festa di colori, suoni e sapori. Gli ingredienti del buon vivere , dove è nato Vincenzo Cuoco protagonista della rivoluzione napoletana del 1799, luogo si lottó controbrigantaggio, e dove c’è un castello che ispiro’ Alessandro Manzoni per il personaggio dell’Innominato dei Promessi Sposi.  Ammalianti sono definiti i muri che aspettano di essere colorati per dare corpo ad una strategia vincente che vuole contrastare l’abbandono e il degrado. Vale qui ma puo’ valere per l’Italia intera. La direttrice Alice Pasquini vede l’appuntamento come la capacità di una piccola comunità di mettersi in gioco per veder trasformare e rinascere i luoghi natii in maniera originale , attraverso i segni di una manualità creativa, volontaria e – si spera-  permanente.Tutto real time con intorno anche musica, cinema ed enogastronomia come l’ha pensata Ylenia Carelli, presidente della Pro Loco di Civitacampomarano.Per lei la tre giorni è da vivere direttamente, perché le opere  sono  realizzate li’ in mezzo alla gente, indistinta, tra chi fa parte delle   400 anime residenti e chi arriva  per dare senso ad un valida operazione culturale. 

Share Post
Written by

Nato a Pomigliano d’Arco (Napoli) è laureato in Scienze Politiche. Dagli anni ’80 è giornalista freelance per scelta. Ha scritto per Paese Sera, Il Mattino, Libero, Il Denaro, Specchio Economico, Reportage, EspressoSud occupandosi prevalentemente di Mezzogiorno, energia, green economy, ambiente. Responsabile di azienda energetica, è stato membro di commissioni e Consigliere nazionale dell’Ordine dei Giornalisti. Attualmente collabora con FIRSTonline, EspressoSud, ilMediano.com

No comments

LEAVE A COMMENT