6 July, 2020
 

L’Art Advisory, un servizio indipendente per case d’asta e gallerie

Si parla spesso di Art Advisory come un servizio di assistenza al collezionismo, spesso svolto da figure indipendenti che operano nel mercato dell’arte, ma anche provenienti da altri settori meno specialistici nel campo dell’arte ma fruitori della stessa che hanno impedito al servizio di trovare una giusta collocazione.

Un servizio che in Italia è poco disciplinato e per questo ancora troppo frammentato e confuso. Il collezionista è sempre più preparato grazie ai mezzi di comunicazione, alla profonda conoscenza dei galleristi, mercanti, dealer e delle figure professionali che operano nelle case d’asta sempre più strutturate. Un “sistema” in grado di compensare perfettamente le esigenze del fruitore di opere d’arte.

Sono anni che anche le realtà finanziarie tentano di istituire un servizio di Art Advisory senza mai riuscire a strutturarlo come dovrebbe essere fatto. Si parla all’interno delle Wealth Management come un nuovo “asset” ma poi questo si limita ad essere una sezione consulenziale poco sentita e se gestita, spesso in seno a chi ne decide le caratteristiche senza avere un comitato scientifico. A parte alcuni casi, dove il servizio è correttamente coordinato dall’interno con figure preparare, per la maggior parte dei casi viene affidato ad operatori indipendenti esterni non in esclusiva, creando così un semplice servizio “accessorio” e non personalizzato alle caratteristiche della stessa realtà finanziaria.

Il servizio di Art Advisory non va visto come un asset finanziario bensì come un servizio di fidelizzazione del cliente, che trova in un interlocutore preparato in arte un consulente per condividere una passione e contestualmente venire a conoscenza degli strumenti necessari per valorizzare la propria collezione. Da qui può nascere la fiducia per poi valutare cosa fare. Un collezionista, se proprio non c’e la necessità, non cede un proprio bene artistico per investire in forme di rendimento finanziario, ma se lo fa è per tutelare il capitale investito e rinvestire in arte o trovare soluzioni successorie al patrimonio. Perciò il ruolo dell’art advisor nelle Wealth Management trova concretezza soprattutto nella fidelizzazione del cliente che sarà l’assist per il private banker.

L’esempio che l’Art Advisory debba essere un servizio ben strutturato ci viene dalle grandi case d’asta hanno da ben organizzato il servizio di assistenza al collezionismo e valutazione di qualsiasi opera che viene contestualizzata alla situazione reale di mercato. Ben sappiamo che l’arte subisce diversi fattori che determinano il valore, come le tendenze, spesso date dalle scelte internazionali del collezionismo. Ora anche quelle case d’asta nazionali che sono tornate a segnare fatturati sempre più significativi si stanno adoperando per assistere i loro clienti a 360 gradi e non solo per vendere o comprare ma per fidelizzare meglio il cliente e potenziali che intendono avvicinarsi al collezionismo anche partendo da valori modesti.

E adesso spetta alle gallerie ad offrire un servizio di Art Advisory, cercando di offrire non solo opere e artisti trattati ma anche altri presenti nel complesso mondo dell’arte.

È Gagosian Gallery, Inc., ad annunciare il lancio di Gagosian Art Advisory, che sarà guidato da Laura Paulson; la nomina di Andrew Fabricant alla posizione appena creata di Direttore operativo della galleria; e l’istituzione di un comitato consultivo globale nella galleria, composto da direttori senior che sovrintendono alla strategia e allo sviluppo del business, alle relazioni con gli artisti e alle mostre, all’informazione e alla tecnologia e all’infrastruttura. Il consiglio di amministrazione riporta direttamente al fondatore della galleria Larry Gagosian.

L’innovazione è stata una forza trainante per Gagosian nel corso della sua quasi quarantennale storia. La creazione di Gagosian Art Advisory e questa nuova struttura gestionale serviranno a migliorare le relazioni con i clienti, aumenteranno la portata globale e, infine, massimizzerare la piattaforma per mostrare le visioni creative degli artisti per gli anni a venire “, ha affermato Gagosian.

Gagosian Art Advisory è un gruppo indipendente distinto e separato da Gagosian. Fornirà una gamma completa di servizi di gestione delle collezioni per individui, family office, proprietà e clienti istituzionali per affrontare le responsabilità e la gestione di una raccolta, comprese le valutazioni e la conservazione. Il gruppo consiglierà anche collezionisti esperti sulla gestione e la crescita delle loro collezioni e guiderà i nuovi collezionisti mentre iniziano a navigare le complessità del mercato dell’arte globale.
Gagosian è il primo mercante d’arte ad avviare un’attività di consulenza indipendente che cercherà di soddisfare la crescente domanda da parte dei collezionisti per i servizi di consulenza artistica indipendente.

La signora Paulson, ex presidente globale della 20th Century Art di Christie’s, è una leader mondiale nel campo dell’arte con una vasta esperienza nello sviluppo di collezioni e nella consulenza ai collezionisti nel corso degli anni.
“Nel corso della sua carriera ho visto Laura fornire agli individui e alle famiglie un’esperienza inestimabile. È particolarmente ben preparata a guidare un gruppo consultivo indipendente all’avanguardia che rafforzerà queste relazioni lunghe e fidate “, ha affermato Gagosian.
“Nel corso della mia carriera, ho avuto il privilegio e l’onore di guidare e consigliare famiglie e individui meravigliosi mentre costruiscono le loro collezioni e pianificano le loro proprietà, e assistono i loro musei e donazioni istituzionali. Non riesco a pensare a un partner più forte di Gagosian “, ha detto la signora Paulson. La nuova struttura gestionale, con Mr. Fabricant come COO e l’Advisory Board of Directors, segna anche la fase successiva dello sviluppo di Gagosian come galleria internazionale ad alte prestazioni nota per l’enorme patrimonio di competenze posseduto dal personale senior più stimato della società. Con operazioni che si estendono su sedici sedi in sette paesi, è diventato essenziale formalizzare un sistema che sfrutta le opportunità e abbraccia lo spirito imprenditoriale che ha portato il successo di Gagosian come sede per i suoi artisti e centro per i suoi clienti. Commerciante d’arte molto stimato ed esperto, Mr. Fabricant ha iniziato la sua carriera professionale con Gagosian nel 1983, rimanendo per quindici anni, per poi riunirsi alla galleria nel 2018.
“Andrew ha guadagnato una reputazione stellare nel mondo dell’arte moderna e contemporanea per la sua conoscenza e la sua comprensione globale del mercato internazionale dell’arte. Assumere questo nuovo ruolo di gestione riflette un naturale progresso della sua già illustre carriera “, ha affermato Gagosian.
In riconoscimento del loro significativo contributo alla società, i seguenti professionisti di alto valore sono stati nominati membri fondatori dell’Advisory Board: Andy Avini, Serena Cattaneo Adorno, Virginia Coleman, Jean-Oliver Després, Chrissie Erpf, Andrew Fabricant, Pepi Marchetti Franchi, Mark Francis, Victoria Gelfand-Magalhaes, Melissa Lazarov, Ken Maxwell, Alison McDonald, Deborah McLeod, Frank Moore, Louise Neri, Gareth O’Loughlin, Sam Orlofsky, Stefan Ratibor, Nick Simunovic, Rebecca Sternthal, Kara Vander Weg, Millicent Wilner ed Ealan Wingate. Gagosian e Matthew S. Dontzin, socio fondatore dello studio legale di New York Dontzin Nagy e Fleissig, faranno parte dell’Advisory Board.

Written by

Marika Lion, curatrice del magazine FIRST Arte. Specialista di arte XIX, XX secolo, contemporanea e mercato dell’arte. Opera nel settore dell’Art Heritage Management e nello specifico in area patrimoniale, collezionista e curatore di mostre d’arte. Docente universitario in Economia dell’Arte, Marketing e Comunicazione degli eventi culturali e strategie di comunicazione per la valorizzazione e promozione di patrimoni artistico culturali. Autore di libri e responsabile di collane editoriali dedicate all’arte.

No comments

LEAVE A COMMENT