6 July, 2020
 

Le fontane pubbliche in mostra a Ruvo di Puglia

L’acqua e il Sud. Il principio della vita sovrapposto alla sua disponibilità come riscatto dei “cafoni” di un tempo. Il bisogno della gente del Sud di avere fonti, fiumi, impianti, adatti alle necessità hasegnato la storia e le cronache di milioni di persone. Nel dopoguerra una delle grandi iniziative dell’intervento straordinario nel Mezzogiorno interessò la costruzione di invasi e reti distributive. In questo contesto, è  stata inaugurata ieri la suggestiva mostra “La Fontana si raccontanella Pinacoteca comunale di Ruvo di Puglia , a pochi chilometri da Bari.

Nell’ex convento dei Domenicani, l’ esposizione promossa dall’Acquedotto Pugliese celebra una fontanina  donata dallo stesso Acquedotto. Alla rassegna offrono  collaborazione Comune di Ruvo e Pro Loco che in questo modo rievocano il primo centenario della disponibilità  di acqua in città . Il 25 maggio del 1918, infatti, i cittadini riscattavano la loro condizione di arretratezza con l’acqua pubblica e corrente. Le foto d’epoca narrano un percorso artistico insieme all’evoluzione dei servizi pubblici. E pubblico voleva dire all’aperto, non affatto in casa.

L’Acquedotto Pugliese ha qui le sue radici industriali.É la maggiore azienda di servizi idropotabili italiana in competizione con operatori europei per qualità e tradizione dei processi gestionali. In una nota diffusa,  a margine dell’evento di Ruvo, l’azienda  ha reso noto che la qualità e l’erogazionedell’acqua è certificata da oltre 4.500 sensori e 480mila controlli di laboratorio. Un recente App disposizione dei cittadini fornisce, poi, consigli e buone pratiche per mantenere la qualità dell’acqua fino al rubinetto di casa. Gli scatti esposti sono di appassionati di antiche fontanelle pubbliche in ghisa, a testimonianza del rudimentale servizio collettivo agli angoli delle strade, nelle piazze, in fila aspettando il turno.

La mostra è accompagnata da una serie di eventi collaterali : escursioni, presentazioni di libri , letture tematiche, una cartolina a con annullo filatelico. La conclusione è fissata al 27 maggio.

Share Post
Written by

Nato a Pomigliano d’Arco (Napoli) è laureato in Scienze Politiche. Dagli anni ’80 è giornalista freelance per scelta. Ha scritto per Paese Sera, Il Mattino, Libero, Il Denaro, Specchio Economico, Reportage, EspressoSud occupandosi prevalentemente di Mezzogiorno, energia, green economy, ambiente. Responsabile di azienda energetica, è stato membro di commissioni e Consigliere nazionale dell’Ordine dei Giornalisti. Attualmente collabora con FIRSTonline, EspressoSud, ilMediano.com

No comments

LEAVE A COMMENT