9 August, 2020
 

Leonardo da Vinci a Buckingham Palace

Selezionata interamente dagli impareggiabili possedimenti della Collezione Reale, la mostra “Leonardo da Vinci: A Life in Drawing” esplora l’intera gamma degli interessi di Leonardo – pittura, scultura, architettura, anatomia, ingegneria, cartografia, geologia e botanica – fornendo una panoramica completa della vita di Leonardo e una visione unica del funzionamento della sua mente.

La mostra segue 12 mostre simultanee di disegni di Leonardo dalla Royal Collection presso musei e gallerie in tutto il Regno Unito, che ha attirato oltre un milione di visitatori. Nel novembre 2019, una selezione di 80 disegni si recherà alla Queen’s Gallery, Palazzo di Holyroodhouse, Edimburgo per formare la più grande mostra di opere di Leonardo mai mostrata in Scozia (22 novembre 2019 – 15 marzo 2020). Insieme, queste 14 mostre offrono al pubblico più vasto del Regno Unito l’opportunità di vedere il lavoro del maestro del Rinascimento.

Leonardo è stato venerato ai suoi tempi come pittore, ma ha completato solo circa 20 dipinti. Fu rispettato come scultore e architetto, ma nessuna scultura o edifici da lui sopravvissuti. Era un ingegnere militare e civile che complottò con Machiavelli per deviare il fiume Arno, ma lo schema non fu mai realizzato. Come scienziato, ha sezionato 30 cadaveri umani con l’intenzione di compilare un trattato illustrato sull’anatomia e ha pianificato altri trattati su luce, acqua, botanica, meccanica e molto altro ancora, ma nessuno di questi è mai stato completato. Dato che gran parte del lavoro di Leonardo non è stato realizzato, molti dei suoi risultati sopravvivono solo nei suoi disegni e manoscritti. Pochi dei disegni di Leonardo erano destinati ad altri: il disegno serviva come laboratorio di Leonardo, permettendogli di elaborare le sue idee su carta e di cercare le leggi universali che credeva sostenessero tutta la creazione.

Il curatore della mostra, Martin Clayton, Responsabile delle stampe e disegni, Royal Collection Trust, ha dichiarato: “I disegni di Leonardo da Vinci sono entrambi belli e la fonte principale della nostra conoscenza dell’artista. Speriamo che il maggior numero possibile di persone cogli questa opportunità unica di vedere queste opere straordinarie, che ci permettono di entrare in una delle più grandi menti della storia “.

Leonardo da Vinci: A Life in Drawing è organizzata cronologicamente e tematicamente. Il lavoro di Leonardo è caratterizzato da una moltitudine di attività simultanee – progetti artistici che si estendono per anni o addirittura decenni, e interessi scientifici che si sono evoluti dal 1480 in poi. Nell’ampiezza dei suoi interessi, Leonardo era l’archetipo ‘uomo del Rinascimento’, ma la piena estensione delle sue realizzazioni, dimostrate esplicitamente attraverso questi disegni personali, era sconosciuta ai suoi contemporanei e ai suoi immediati successori.

Ogni raggruppamento tematico nella mostra contiene esempi dei migliori disegni dell’artista. Studi anatomici chiave includono il feto nell’utero (c.1511), il cuore e le coronarie (c.1511-13) e il sistema cardiovascolare e gli organi principali di una donna (c.1509-10) (su cui l’impronta digitale di Leonardo può essere visto). Gli studi preparatori per i dipinti comprendono studi per Salvator Mundi (c.1504-8), La Madonna col Bambino con Sant’Anna e un agnello (c.1508-19), e gli unici sei studi preparatori superstiti per l’Ultima Cena (1495-8 ). Uno di questi è l’unico studio compositivo che esiste per la pittura, abbozzato fluidamente da Leonardo su un foglio di carta coperto con altri disegni.

Il mondo naturale viene esplorato da Leonardo attraverso paesaggi dettagliati, studi sull’acqua e in numerosi studi botanici sviluppati dall’artista in preparazione per la pittura perduta Leda e il Cigno. Mappe come una mappa di Imola (1502) sono state create utilizzando tecniche di misurazione altamente accurate. I disegni di cavalli abbondano per tutto il lavoro di Leonardo, compresi gli studi per tre monumenti equestri.

Attributed to Francesco Melzi, A portrait of Leonardo, c.1515–18
 ©
 

Oltre a più di 200 opere di Leonardo, la mostra presenta una serie di opere dei contemporanei di Leonardo. Questi includono gli unici due disegni di Leonardo realizzati durante la sua vita. Uno è il noto ritratto formale dell’artista, disegnato dal suo allievo Francesco Melzi (Ritratto di Leonardo 1515-18). Il secondo, in esposizione pubblica per la prima volta, è uno schizzo di Leonardo (1517-18), realizzato da un secondo assistente. Completato negli anni poco prima della morte di Leonardo nel 1519. Queste raffigurazioni dell’artista, esposte insieme a gran parte del lavoro della sua vita, ci avvicinano al senso di Leonardo l’uomo.

Written by

Marika Lion, curatrice del magazine FIRST Arte. Specialista di arte XIX, XX secolo, contemporanea e mercato dell’arte. Opera nel settore dell’Art Heritage Management e nello specifico in area patrimoniale, collezionista e curatore di mostre d’arte. Docente universitario in Economia dell’Arte, Marketing e Comunicazione degli eventi culturali e strategie di comunicazione per la valorizzazione e promozione di patrimoni artistico culturali. Autore di libri e responsabile di collane editoriali dedicate all’arte.

No comments

LEAVE A COMMENT