30 March, 2020
 

Londra, ecco DASHA la scultura di cera di Urs Fischer

Uno stoppino nella parte superiore della sua testa sarà illuminato e la candela si scioglierà lentamente nel corso dell’esposizione. Gli stoppini aggiuntivi posizionati strategicamente sulla figura saranno illuminati fino a quando la scultura non sarà ridotta a un mucchio di gocce di cera.
Le sculture di candele di Fischer sono accattivanti nella loro materialità e inquietanti nelle loro implicazioni; servono sia come ritratti che come meditazioni su tempo e gravità, vita e morte.

Come nel tradizionale memento mori, agli spettatori viene ricordata la transitorietà della vita, della bellezza e persino dell’arte. Fischer ha iniziato a fare le candele nei primi anni 2000, con una serie di nudi femminili resi rozzamente, in piedi o sdraiati in gruppo. Dopo un periodo di continua ricerca sulla creazione di stampi e sul casting, iniziò a realizzare candele figurative più realistiche che potevano bruciare per diversi mesi alla volta, come Untitled (2011), che includeva una replica a grandezza naturale della scultura del XVI secolo del Giambologna. The Rape of the Sabine Women e Marsupiale (Fabrizio) (2017), ibrido del mercante antiquario fiorentino Fabrizio Moretti e un busto fuori misura di San Leonardo. La figura di Moretti è stata colata in cera rossa, e stoppini disposti in modo che si sciogliesse nel busto bianco, che è rimasto intatto e incombusto, lasciando una ferita sanguinosa attraverso il santo patrono dei prigionieri.

URS FISCHER Dasha, 2018 Paraffin wax, microcrystalline wax, pigment, stainless steel and wicks 66 7/8 x 57 1/4 x 58 1/2 in 169.9 x 145.4 x 148.6 cm © Urs Fischer Photo: Stefan Altenburger Courtesy of the artist and Gagosian

Urs Fischer è nato a Zurigo nel 1973 e vive e lavora a New York. Le collezioni includono il Museum of Modern Art, New York; Museo di arte contemporanea, Los Angeles; Vanhaerents Art Collection, Bruxelles; FRAC-Provenza-Alpi-Costa Azzurra, Marsiglia, Francia; Fondation Carmignac, Parigi; Kunstmuseum Basel, Svizzera; Museo Migros für Gegenwartskunst, Zurigo; e Museo d’arte della Svizzera italiana, Lugano, Svizzera. Recenti mostre istituzionali includono Kir Royal, Kunsthaus Zürich (2004); Non My House Not My Fire, Centre Pompidou, Parigi (2004); Mary Poppins, Blaffer Gallery, Art Museum dell’Università di Houston, TX (2006); 52. Biennale di Venezia (2007); Marguerite de Ponty, New Museum, New York (2009-10); 54a Biennale di Venezia (2011); Skinny Sunrise, Kunsthalle Wien, Vienna (2012); Madame Fisscher, Palazzo Grassi, Venezia (2012); Museum of Contemporary Art, Los Angeles (2013); SÌ, DESTE Foundation Project Space, Slaughterhouse, Hydra, Grecia (2013); Small Axe, Garage Museum of Contemporary Art, Mosca (2016); Mon cher …, Fondation Vincent Van Gogh, Arles, Francia (2016); e Urs Fischer: Il pubblico e il privato, Legion of Honor, Fine Arts Museums di San Francisco (2017).

URS FISCHER – DASHA

12 settembre – 3 novembre 2018

Gagosian

17- 19 Davies Street, London 

Cover Image:

URS FISCHER

Dasha, Installation View, 2018
© Urs Fischer
Courtesy of the artist and Gagosian
Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT