Condividi

Magritte e Picabia: due capolavori in asta da Sotheby’s

Attesa per l’asta londinese di Sotheby’s che propone opere straordinarie di maestri del Surrealismo, tra cui L’Etoil du Martin di René Magritte e Atrata di Fran si Picabia.

Magritte e Picabia: due capolavori in asta da Sotheby’s


L’asta Surrealist Art Evening di Sotheby’s Londra del 26 febbraio prossimo presenta una selezione di dipinti, opere su carta e oggetti di molti di artisti del calibro di Man Ray, Duchamp, Miró, Ernst e Arp. A guidare la vendita è L’Etoile du matin di René Magritte  (stima 3,893,765 — 5,006,269   Euro) un dipinto di eccezionale potenza visiva e inventiva.

René Magritte
1898 – 1967
L’ÉTOILE DU MATIN
firmato Magritte (in alto a destra);
firmato Magritte, intitolato e datato 1938 sul retro
olio su tela
50 per 61 cm.
Dipinto nel 1938.

Ispirato da una fotografia fornita dal suo amico, il poeta Marcel Mariën, giustappone il profilo di un nativo americano a quello della sua amata moglie Georgette.

Risalente al 1938, L’Etoile du Matin è tra le più significative e significative opere di Magritte del periodo. La scelta del soggetto – combinando una figura indigena con quella di sua moglie Georgette al centro della composizione – è unica nel suo genere e ha un forte impatto visivo. È una composizione di apparente semplicità, eppure questo smentisce una ricca complessità che ha permesso a Magritte di continuare la sua esplorazione di alcune delle idee e dei temi più importanti che lo avevano occupato nel decennio precedente.
Il soggetto singolare del presente lavoro sembra essere stato ispirato dalla genesi di un altro dipinto, La chaîne sans fin (ora distrutto) su cui Magritte stava lavorando lo stesso anno. Lottando con quella composizione Magritte si rivolse al suo amico Marcel Marien che aveva una vasta collezione di fotografie, tra cui l’immagine di un nativo americano in abito da cerimonia. Magritte fu evidentemente colpito da questa immagine e nell’aprile del 1938 scriveva al suo mecenate, il grande collezionista surrealista inglese Edward James, per discutere di questo nuovo argomento.

Un altra opera importante dell’asta è il monumentale Atrata di Francis Picabia – uno dei più straordinari esempi della celebre serie di trasparenze dell’artista eseguita alla fine degli anni ’20. L’opera è stata stimata 1,668,756 – 2,225,009 Euro.

Francis Picabia
1879 – 1953
atrata
firmato Francis Picabia (in basso a destra) e intitolato (in alto a sinistra)
olio e matita su pannello
149,5 per 95 cm.
Dipinto intorno al 1929.

Ricco di immagini e riferimenti storici, misterioso nell’umore e delicato nell’esecuzione, Atrata è uno dei più straordinari esempi di trasparenza di Picabia. Creato tra la fine degli anni ’20 e l’inizio degli anni ’30, questo corpo di lavoro deriva il suo nome da molteplici strati di immagini sovrapposte, unite a grande virtuosismo e al raggiungimento di un effetto cinematografico. Nel presente dipinto, diversi volti, animali e frutti sono amalgamati in un’immagine di bellezza senza tempo ed enigmatica. Nonostante la loro qualità trasparente, il significato dei volti rimane sconosciuto, e la composizione sembra essere un’allegoria apparentemente impenetrabile con le caratteristiche di un sogno o di una visione mistica.

Mentre Picabia tornava agli antichi maestri per trarne ispirazione, la sua arte era al contempo rivoluzionaria e iconoclasta, e continua ad influenzare generazioni di artisti fino ai giorni nostri. Nel 2016-17 l’arte di Picabia è stata oggetto di una grande e acclamata retrospettiva tenutasi a Zurigo e New York, e nel catalogo della mostra Cathérine Hug analizza il suo impatto sull’arte contemporanea: “Picabia è stata a lungo descritta come un’artista, la sua influenza visto nel lavoro di una lunga e variegata lista di talenti negli ultimi decenni che sfidano facilmente la sintesi, un antenato di correnti così diverse del XX secolo come la Pop art, il Neo-espressionismo e l’Arte concettuale – in effetti, un artista che Peter Fischli è giustamente definito “pre-postmoderno” e uno che continua ad affascinare una giovane generazione di artisti oggi “.

In questa serie di opere, Picabia spesso sceglieva titoli basati su personaggi biblici e mitologici greco-romani, nonché su nomi di insetti e animali. La parola latina atrata – che significa ‘vestito di nero’ – è usata per designare diverse specie animali, e potrebbe essere stata presa dall’Atlante de poche des papillons de France, Suisse et Belgique di Paul Girod, un piccolo volume di cui Picabia possedeva una copia e alla quale si rivolgeva spesso alla ricerca di titoli esotici.
 
Picabia creò le sue prime trasparenze nel 1928 ei primi esempi di questa serie furono esposti alla galleria Théophile Briant di Parigi nel 1928. Essendo stato dimissionario della precedente produzione di Dada di Picabia, il rivenditore Léonce Rosenberg rimase molto colpito da questi nuovi lavori. Non solo ne acquistò immediatamente tre, ma commissionò anche a Picabia, insieme a Léger e De Chirico, di creare pannelli decorativi per la sua casa parigina. Rosenberg promosse appassionatamente l’arte di Picabia eseguita durante questo periodo, e fu grazie ai suoi sforzi che Atrata fu inclusa in due importanti prime mostre: nell’ottobre-novembre 1930 apparve in Produktion Paris 1930, secondo Maria Lluïsa Borràs – una mostra molto ambiziosa – che comprendeva opere di Arp, Delaunay, Ernst, Gleizes e Mondrian, tra gli altri. Nel dicembre dello stesso anno Rosenberg ha incluso Atrata in uno spettacolo nella sua galleria di Parigi, la prima grande retrospettiva di Picabia che copre diversi decenni della sua opera. Dopo essere stato venduto all’asta a Parigi nel 1974, Atrata è rimasto nella stessa collezione privata per oltre quaranta anni.

Commenta