29 May, 2020
 

Pablo Picasso: grande attesa per l’asta di “Les femmes d’Algies (F)”

Il 10 luglio andrà all’asta l’opera Les femmes d’Algiers di Pablo Picasso (versione “F”), del 17 gennaio 1955, con la stima di $ 25 milioni. Ma le attese sono molte e il risultato di questa asta di Christie’s sarà sicuramente superiore alla base stimata.

Il presente dipinto proviene dalla celebre serie delle 15 tele che Picasso eseguì tra il 13 dicembre 1954 e il 14 febbraio 1955 sulla base del capolavoro di Les Femmes d’Agiers di Eugène Delacroix. Questi dipinti costituiscono il più grande successo di Picasso nei decenni successivi alla fine della seconda guerra mondiale. Ognuna delle singole tele è singolare a sé stante, una meraviglia di brulicante e geniale invenzione.

Jessica Fertig, Head of Evening Sale, Impressionist and Modern Art, ha osservato: “I dipinti di Women of Algiers sono una delle serie più importanti e complesse di Picasso – dimostrando le influenze sia del passato di Delacroix che del suo contemporaneo con Matisse. È quindi appropriato che Les femmes d’Alger (versione ‘F’) sia alla guida di questa rivoluzionaria vendita, riunendo gli artisti più importanti del XX secolo – molti dei quali annoverano Picasso tra le loro maggiori fonti di ispirazione – e presentandoli a un pubblico globale pubblico. Questo è un momento particolarmente tempestivo per portare questo capolavoro sul mercato, in quanto rappresenta tutte le virtù che un mercato forte e giudizioso sta cercando, tra cui eccellente provenienza, freschezza sul mercato e qualità straordinaria. “

Picasso dipinse l’attuale Women of Algiers, versione F il 17 gennaio 1955, intorno alla metà del ciclo. È la tela culminante e maggiormente risolta della prima fase della serie, quando Picasso prediligeva i formati di medie dimensioni. Con il suo colore brillante, la complessità spaziale e la risoluzione compositiva, la Versione F rappresenta il ponte verso le opere successive su larga scala nell’ensemble e una controparte con la versione magistrale O, che chiude la seconda metà della serie.

Le quindici versioni di Women of Algiers furono esposte per la prima volta nel giugno-ottobre 1955 al Musée des Arts Décoratifs di Parigi, installate insieme come i dipinti più recenti in una grande retrospettiva dell’opera di Picasso. L’artista supponeva che le singole tele sarebbero finite con diversi collezionisti. Kahnweiler stipulò ai potenziali acquirenti, tuttavia, che i quindici dipinti dovevano essere acquistati come gruppo, apparentemente su richiesta di Picasso, che l’artista negò. Victor e Sally Ganz di New York avevano acquisito, tra la fine degli anni ’40 e l’inizio degli anni ’50, alcune delle immagini più impegnative di Picasso, tra cui le opere in tempo di guerra. Accettarono le condizioni di Kahnweiler e acquisirono l’intera serie nel giugno del 1956 per 80 milioni di franchi (quasi $ 213.000).

Nel maggio 2015, la versione O della serie ha fatto la storia dell’asta quando è stata venduta per $ 179,4 milioni nella vendita di Christie’s Looking Forward to the Past, raggiungendo il prezzo più alto per qualsiasi lotto mai venduto in quel momento e stabilendo il record mondiale di aste per Picasso .

La vendita globale del 20 ° secolo: a luglio Christie lancerà un rivoluzionario concetto di asta in stile staffetta. Intitolata ONE: una vendita globale del 20 ° secolo, questa vendita presenterà opere d’arte a livello di capolavoro del 20 ° secolo insieme in una vendita ibrida dal vivo online, sfocando i confini della categoria e riunendo i clienti in un modo senza precedenti.

Dopp l’esposizione a Hong Kong, la vendita passerà quindi ai banditori di Parigi e Londra, per concludersi a New York. Ogni città ospiterà una mostra pubblica di pre-vendita allestita in linea con gli opportuni consigli sanitari regionali dell’epoca, integrata da un’innovativa mostra virtuale e una campagna di marketing digitale per connettersi con il pubblico globale e supportare l’evento dell’asta. Gli offerenti saranno in grado di partecipare sia online, tramite il canale di offerte online LIVE di Christie, sia laddove la consulenza regionale e governativa lo consenta, i clienti e gli offerenti telefonici saranno i benvenuti in ogni area della sala.

Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT