5 July, 2020
 

Parigi, l’arte di Emilia Kabakov in “Chamber Music”

Galerie Thaddaeus Ropac presenta Chamber Music, una mostra, aperta fino al 24 febbraio prossimo, di installazioni di artisti concettuali Ilya ed Emilia Kabakov. Di origine russa e americana, oggi sono riconosciuti come gli artisti internazionali più significativi che sono emersi alla fine del XX secolo.

Esibito oggi nella Galleria del Marais, il lavoro viene rinnovato. Emilia Kabakov afferma che questa installazione: “parla di una persona che non può sfuggire alle paure, ai problemi, all’oppressione della vita quotidiana. Speriamo che oggi, a Parigi, nonostante tutte le paure e le insinuazioni della politica, quest’opera, essendo così poetica, sarà accettata ancora una volta e goduta “.

Al centro dell’installazione, una mosca di carta pende dal soffitto. Dodici sedie vuote e basi musicali sono disposte in cerchio attorno ad esso.

Ogni stand contiene un foglio bianco con disegni colorati e testi russi, tradotti in inglese. Alcuni includono anche spartiti musicali. Tutto sembra puntare verso la mosca immobile, che funge da punto focale, dirigendo lo sguardo verso l’alto e orchestrando i nostri movimenti. Un suono continuo di musica classica emerge da una fonte indefinita. Contiene note astratte, evocando lo spettatore in uno stato di attesa, come se aspettasse l’inizio di un concerto.

Il fascino per la natura parassitaria della mosca e le sue corrispondenti qualità antropomorfiche ha a lungo attanagliato gli artisti; la mosca è un personaggio e un concetto ricorrenti in tutta la loro opera. Per loro, il concetto di mosca è tanto volatile quanto la mosca stessa. Concert for a Fly (Chamber Music) è un esempio di “installazione totale”, un termine coniato da Ilya Kabakov. Lo storico dell’arte Oskar Bätschmann, nel catalogo degli artisti raisonné, li descrive come costruzioni enciclopediche che possono essere inserite, invitando e allettando lo spettatore a diventare un partecipante attivo. Anche se lo spazio è completamente occupato dall’installazione, lo spettatore rimane con un senso di illusione e una sensazione di vuoto persistente. Questo stato sospeso è un tema ricorrente durante il loro lavoro.

Quindi una seconda installazione ci porta in un’altra stanza per Concert For A Fly (1993), accompagnata da un arrangiamento musicale di Joseph Morag. La stanza contiene un bagno usato con una singola lampadina vintage. Pareti fatiscenti e vecchi lavori di pittura circondano una finestra che si affaccia sul vuoto. Una moltitudine di mosche brulica intorno alla finestra, riunendosi attorno alla colonna sonora di “A Fly Symphony”, appoggiata sul leggio solitario e contribuendo alla sensazione generale di trascuratezza malinconica.

The Fallen Chandelier (1997), situazione tra queste due installazioni, ci sorprende. Il lampadario si è chiaramente spezzato dal filo elettrico e si è schiantato sul pavimento, un suono di cristalli tintinnanti riempie lo spazio.

Parla della natura transitoria della funzionalità, dell’assenza o della scomparsa di oggetti pratici e della loro ri-materializzazione come presenze fantasma. “Che cosa è successo qui?”: Una catastrofe inaspettata, chiaramente fuori dall’ordinario, che utilizza l’improvvisa inerzia del visitatore affascinato per scuotersi dal quotidiano e in uno stato di pensiero e di intrigo.

Negli ultimi anni, Parigi è stata di importanza cruciale per i Kabakov come Strange City durante Monumenta al Grand Palais nel 2014. Mentre il loro lavoro è profondamente radicato nel contesto sociale e culturale sovietico in cui i Kabakov sono diventati maggiorenni, il loro lavoro ha raggiunto l’importanza universale. I loro progetti su larga scala includono il padiglione russo della 45 ° Biennale di Venezia del 1993, il documenta IX Kassel, Germania 1992, e il Grand Palais ‘Monumenta 2014 The Strange City che nel 2015 si è recato a Shanghai alla Powerstation.

Written by

Marika Lion, curatrice del magazine FIRST Arte. Specialista di arte XIX, XX secolo, contemporanea e mercato dell’arte. Opera nel settore dell’Art Heritage Management e nello specifico in area patrimoniale, collezionista e curatore di mostre d’arte. Docente universitario in Economia dell’Arte, Marketing e Comunicazione degli eventi culturali e strategie di comunicazione per la valorizzazione e promozione di patrimoni artistico culturali. Autore di libri e responsabile di collane editoriali dedicate all’arte.

No comments

LEAVE A COMMENT