30 March, 2020
 

Parigi: Sex, Religion, Politique, i nuovi dipinti di Albert Oehlen

Attraverso audaci pennellate espressioniste, metodologia surrealista, linee generate al computer e un’acuta consapevolezza dell’atto autocosciente della pittura, Oehlen si impegna senza timore con la storia dell’astrazione, moltiplicando il potenziale dei codici visivi attraverso processi di stratificazione ed erosione. Al centro della sua ampia opera è la libertà innata dell’atto creativo.

Dipinti su Alubond in olio e lacca, questi nuovi lavori contengono gli echi delle serie precedenti di Oehlen –  figure tratteggiate, macchie di pigmenti artificiali e combinazioni di varie regole e vincoli – eppure producono risultati completamente nuovi. I dipinti presentano linee nere e forme dinamiche su campi di giallo brillante tuorlo d’uovo. A volte la vernice nera è viscosa come il catrame, e in altri lo è opaco e opaco, come Oehlen transizioni senza soluzione di continuità tra spessa fluidità e spigolosa spigolosità. Le tele dei dipinti sono così enigmatiche quanto evocative dal re Inna

In molti dei lavori, Oehlen dipinge su sezioni di nero con la vernice gialla più sottile, producendo forme gbostly, verdastre. Frammenti di estremità, come arti che si agitano e rami sporgenti, appaiono momentaneamente, solo per dissolversi, gocciolare o semplicemente sparire. In questo modo, le composizioni richiamano le pitture rupestri di Lascaux a Montignac, in Francia. Scoperti nel 1940, questi dipinti paleolitici raffigurano animali vivi, piante e figure umane, intervallati da punti elegantemente posizionati e! Ines. Quando le folle di turisti hanno iniziato a visitare le caverne, i cambiamenti nella qualità dell’aria hanno causato licheni e funghi a oscurare i dipinti, portando alla chiusura e al restauro delle grotte. Rispecchiando questa traiettoria, i nuovi dipinti di Oehlen rivelano poeticamente le tensioni tra creazione e cancellazione, umidità e aridità, catturando l’urgenza del gesto artistico, come il dolore della sua imminente scomparsa.

Albert Oehlen, Bam Bam, lacquer and oil on alubond,
260 x 260 cm, 2 parts, 260 x 130 each, 2018

La mostra è realizzato insieme a Gagosian e alla Galerie Max Hetzler, Parigi; questo nuovo corpo di lavoro rivela senza scusarsi la continua resistenza di Oehlen alle aspettative pittoriche.

Albert Oehlen è nato nel 1954 a Krefeld, Gerrnany, e attualmente vive e lavora in Svizzera. Le collezioni includono il Museum of Modem Art, New York; Cleveland Museum of Art; Museo di arte contemporanea, Los Angeles; Museum of Contemporary Art North Miami, FL; Broad, Los Angeles; Museum fiir Moderne Kunst Frankfurt am Main, Gerrnany; Centro de Arte Contemporaneo de Malaga, Spagna; Centre Pompidou, Parigi; Tate, Londra; Modem di Istanbul; e Museo) umex, Città del Messico. Recenti mostre istituzionali includono il Museo di Capodimonte, Napoli, Italia (2009); Réalité Abstraite, Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris (2009); Terpentin, Kunstmuseum Bonn, Gerrnany (2012); Albert Oehlen: Ma / erei, Museum Modemer Kunst Stiftung Ludwig Wien, Vienna (2013); 55. Biennale di Venezia (2013); Die 5000 Finger von Dr. 0, Museum Wiesbaden, Gerrnany (2014); Home and Garden, New Museum, New York (2015); An Ofd Painting in Spirit, Kunsthalle Zürich (2015); Albert Oehlen: dietro l’immagine, Guggenbeim Bilbao, Spagna (2oq); e Albert Oehlen: Woods near Oeh / e, Cleveland Museum of Art (2017).

Albert Oehlen: Cows by the Wateris attualmente in mostra a Palazzo Grassi, Venezia, througb) anuary 6, 2019. Una mostra personale delle opere di Oehlen aprirà anche alla Aïshti Foundation, a Beirut, il 21 ottobre 2018.

Un catalogo completamente illustrato progettato da Albert Oehlen è pubblicato da Holzwarth Publications.

Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT