30 September, 2020
 

Parigi, trionfo per Diego Giacometti, 657 mila euro per coppia di portacandele

Un totale di € 11,6 milioni per 134 lotti venduti é il risultato dell’asta di Sotheby’s Paris.

La vendita ha aperto con un gruppo di opere dell’ex collezione del Maharajah di Indore, che ha portato oltre 1 milione di euro su otto lotti. Il prezzo più alto è andato alla chaise longue basculante di Charlotte Perriand, Pierre Jeanneret e Le Corbusier, che ha ottenuto il record d’asta mondiale per questo modello a € 405.000. La “Rest Machine”, come è stata umoristicamente soprannominata dai suoi designer, è un’icona dei mobili del XX secolo (stima: € 120.000-180.000). La lampada da terra disegnata da Eckart Muthesius, commissionato dal Maharajah per l’interior design del suo palazzo, ha più che raddoppiato la sua stima di € 80.000-120.000, vendendo per € 273.000.

Le ceramiche di Henri Simmen e Eugénie O’Kin della collezione Jules Dormeuil hanno superato le loro stime, raggiungendo un totale di oltre 1 milione di euro, con più di cinque offerenti in competizione per ogni lotto. Un nuovo record mondiale è stato raggiunto con un vaso con tappo, c. 1925, che ha raccolto € 181.250 ( stima: € 15.000-20.000).

Le opere del periodo Art Deco sono state molto apprezzate dagli acquirenti internazionali, come lo schermo di Jean Dunand in legno laccato e foglia d’oro con un motivo di cani e un gatto che gioca, c. 1928, che ha venduto per € 261.000 (stima: € 150.000-200.000), e una maschera di serpente (Masque aux serpents applique), 1934, di Alberto Giacometti, che ha venduto per € 249.000 (stima: € 80.000- 120.000).

Anche Diego Giacometti ha trionfato con un paio di portacandele in bronzo dorato patinato 1968-1970 con 657.000 €, il secondo prezzo più alto della vendita (stima: € 200.000-300.000).

Un gruppo di specchi di Line Vautrin ha ispirato una splendida competizione. Il lotto più ricercato dei cinque in vendita era lo specchio di crête de coq [cockscomb], c. 1955, che ha effettuato € 187.500 (stima € 50.000-70.000).

Molto interesse per gli anni ’50, la libreria Maison du Mexique di Charlotte Perriand ha raggiunto 206.250 € (stima: 70.000-100.000 €), un piccolo totem rosso-laccato di Serge Mouille, c. 1962, ha superato la sua alta stima di molto € 90.000 (stima: € 30.000- 50.000) e il tavolo Flavigny N.504 di Jean Prouvé in legno e metallo laccato, è stato aggiudicato per € 150.000 (stima: € 60.000- 80.000).

I risultati ottenuti per i pezzi di Claude e François-Xavier Lalanne, che ha concluso l’asta, sono la prova del costante interesse degli acquirenti per questi artisti. Il tavolo da disegno unico che Karl Lagerfeld commissionò a François-Xavier Lalanne nel 1964, ottenne il prezzo più alto della vendita: € 753.000 (stima: € 500.000-700.000). Verso il 1970, questo straordinario oggetto entrò nella collezione di un altro esteta, l’interior designer Jacques Grange, e rimase nella sua collezione fino agli anni ’80.

 

Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT