5 July, 2020
 

Paul Getty Museum: esposizione di manoscritti nell’età della stampa

Durante tutto il Medioevo i testi e le immagini furono diffusi principalmente attraverso materiali scritti a mano e disegnati a mano. Nel 15° secolo, con l’invenzione di nuove tecnologie di stampa, una rivoluzione attraversò l’Europa dando origine a una ricca fecondazione incrociata tra innovazione meccanica e tradizione pittorica.

Compresi sia i capolavori stampati che quelli illuminati, Blurring the Line: Manuscripts in the Age of Print (in mostra dal 6 agosto al 27 ottobre 2019 al J. Paul Getty Museum al Getty Center) contesta l’assunto che i media stampati hanno immediatamente sostituito la produzione di libri fatti a mano, rivelando invece una convergenza di tecnologia e arte durante il Rinascimento.

“Un’innovazione del mondo medievale, la stampa è stata un mezzo che è cresciuto e cambiato in risposta a coloro che l’hanno creata e consumata”, afferma Timothy Potts, direttore del J. Paul Getty Museum. “Ciò è particolarmente evidente nei periodi medievale e rinascimentale, ma l’interazione dinamica tra tecnologia e cambiamento artistico è senza tempo, come vediamo nel passaggio dalla pittura alla fotografia, dal film al digitale e dai libri di carta agli eReader.”

In un mondo prima della stampa, testi e immagini venivano copiati manualmente in libri e su pannelli da artisti qualificati, introducendo inevitabilmente variazioni. La replica esatta era associata all’intervento divino, percepito come un trasferimento miracoloso di somiglianza attraverso un santo intermediario. L’immagine stampata ha aperto nuove e più semplici possibilità per una riproduzione precisa mentre attingeva fortemente alle convenzioni di composizione medievali, come iconografia, bidimensionalità, colore aggiunto e dimensioni portatili.

The Raising of the Cross, about 1720 – 1730, Jean Pierre Rousselet (French, active about 1677 – 1736). Tempera and gold leaf on paper bound between pasteboard covered outside in original dark blue morocco, and inside in red morocco in fanfare style. Leaf: 11.9 × 7.1 cm (4 11/16 × 2 13/16 in.). The J. Paul Getty Museum, Los Angeles, Ms. Ludwig V 8, fol. 19v.

Proprio come molte tecnologie diverse si sovrappongono nel mondo di oggi, la stampa non ha immediatamente eclissato tutte le altre forme di arte del libro nel XV secolo; era una relazione molto più complessa. Stampanti e illuminatori condividevano prontamente idee, prendendo spesso in prestito composizioni l’una dall’altra. Gli stampatori hanno riconosciuto l’importanza di valorizzare i loro nuovi prodotti imitando l’artigianato nei manoscritti miniati, una forma associata a ricchezza e prestigio. Tuttavia, l’abilità ha continuato a essere valutata da coloro che avevano i mezzi per commissionare libri di lusso fatti a mano. Come risultato della competizione e della coesistenza di questi due media, il 15 ° secolo vide un’espansione dell’alfabetizzazione pittorica e una nuova era di immagini a prezzi accessibili mentre l’arte dell’illuminazione fu spinta a nuovi livelli di realizzazione creativa.

La mostra comprende una selezione di libri fatti a mano prodotti nei secoli successivi all’introduzione della macchina da stampa. Sebbene la produzione di manoscritti miniati sia rallentata, i libri fatti a mano sono stati apprezzati per il loro artigianato specializzato e il prestigio della tradizione che rappresentavano. Erano apprezzati in ambienti religiosi, cortesi, governativi e di altro genere. Tali libri personalizzati su ordinazione attestavano la ricchezza, l’elevato status sociale e il buon gusto dei loro clienti e proprietari. Mentre la stampa divenne sempre più il modo dominante di produrre libri, i manoscritti miniati furono conservati e reinventati nell’era post-medievale.

Secondo Larisa Grollemond, assistente curatrice del dipartimento di Manoscritti e curatrice della mostra, “La fine del XV secolo è un momento affascinante in termini di artisti che sperimentano l’illuminazione e la stampa di manoscritti, fondendo spesso i due media nello stesso libro. Tendiamo a pensare che quando la stampa è stata introdotta in Europa occidentale, l’illuminazione è diventata un ricordo del passato. C’è in realtà una negoziazione artistica davvero complessa tra queste due forme che penso sia simile a ciò che sta accadendo oggi tra il digitale e la stampa. Spero che i visitatori possano trovare dei parallelismi (forse sorprendenti) tra il XV e il XXI secolo! ”

Immagine di copertina: The Sudarium, Displayed by Two Angels, 1513, Albrecht Dürer (German, 1471 – 1528). Unframed: 10.2 × 14.3 cm (4 × 5 5/8 in.). Framed: 39.7 × 52.4 × 3.2 cm (15 5/8 × 20 5/8 × 1 1/4 in.). L.2018.147. Los Angeles County Museum of Art, Los Angeles County Fund.

Share Post
Written by

Marika Lion, curatrice del magazine FIRST Arte. Specialista di arte XIX, XX secolo, contemporanea e mercato dell’arte. Opera nel settore dell’Art Heritage Management e nello specifico in area patrimoniale, collezionista e curatore di mostre d’arte. Docente universitario in Economia dell’Arte, Marketing e Comunicazione degli eventi culturali e strategie di comunicazione per la valorizzazione e promozione di patrimoni artistico culturali. Autore di libri e responsabile di collane editoriali dedicate all’arte.

No comments

LEAVE A COMMENT