6 July, 2020
 

Phillips: Liu Ye e il colore rosso attraggono il collezionismo internazionale

Noto per aver adottato le caratteristiche di un bimbo paffuto e aver iniettato le sue opere con un’aria innaturalmente fumettistica, Liu Ye ha creato Untitled nel 1997, tre anni dopo il suo ritorno da Berlino alla Cina, proprio come l’artista ha iniziato a progredire nei suoi stessi termini tenendo il suo primo mostra personale alla Ming Jing Di Gallery di Pechino.

Dopo il ritorno di Liu a Pechino nel 1994, iniziò a usare il colore rosso in modo sostanziale nelle sue opere. Untitled viene dal corporeo di opere di Liu che presenta un motivo iconico: la tenda rossa. Dipinto con una delicata sfumatura di rossi, la tenda domina ulteriormente la tela e fa da sfondo alla scena. Il senso del volume viene creato attraverso l’uso preciso e ondulato di luci e ombre. Nonostante le molte connotazioni che si possono associare alla tonalità rossa di Untitled, è fondamentale notare che il tempo trascorso a Berlino da Liu ha portato l’artista fuori dalla Cina in un momento cruciale della sua storia recente, permettendo al suo lavoro di svilupparsi indipendentemente, lontano da un punto di vista politico e guardare gli eventi svolgersi da una prospettiva occidentale. Il rosso serve così come un colore che Liu ritorna in memoria della sua infanzia, dove era una volta l’unica scelta di colore in un mondo di leadership rossa, eppure attraverso la sua pittura, l’ombra del rosso raggiunge la libertà. Non è più il colore politico che era una volta, ma qui è trattato astrattamente sotto forma di una cortina scenica, diventando portatore di significati da un’ampia sfera di tempo e spazio. Ambientando la scena su un palcoscenico teatrale, questo luogo stimola la propria immaginazione mentre Liu Ye evoca i sogni e ci porta via dalla realtà. Il teatro era un ambiente con cui Liu era più intimo durante i suoi primi anni d’infanzia: serviva non solo come il luogo in cui venivano eseguiti i giochi per bambini di suo padre, ma era anche usato per la propaganda rossa sotto forma di opere rivoluzionarie o spettacoli di coro in un contesto sociale più ampio.

Le prime trattazioni tematiche dell’artista sul palcoscenico del teatro hanno inizio a Beijing Madonna (1995), con membri del coro come cherubini arrotondati con le ali, che si esibiscono davanti al sipario rosso con un distinto senso dell’ordine. Liu pone l’accento sui bambini, mettendoli in primo piano nella composizione e, a sua volta, dando alla tenda rossa un ruolo simile a quello di un oggetto scenico. Vediamo più significato dato alla tenda rossa nella sua serie navale, Untitled (1997-98). Tuttavia, è nel presente lavoro che vediamo il primo vero tentativo di Liu di affrontare il motivo del sipario rosso come parte integrante della sua composizione e di elevarlo per assumere il ruolo di protagonista a pieno titolo. La rappresentazione di un sipario è simbolica e spesso può essere accennata all’atto di nascondere, ma in Untitled vediamo una possibilità di auto-scoperta dell’artista. Giocando con la forma circolare del riflettore contro la composizione quadrata, crea immaginazione spaziale, che assomiglia a Tondo art, o film muti in bianco e nero, in cui un blackout apparirebbe, lasciando il personaggio principale a fuoco. L’artista torna su questo tema del palco di Poet (1999). Questo periodo ha visto una delle serie più importanti dell’artista con il frequente utilizzo del colore rosso dal suo ritorno a Pechino. Il motivo del sipario riemerge nelle sue opere dopo il 2000, ma vede uno spostamento artistico in cui si allontana dal rosso, e comincia a usare più tonalità bluastre e verdastre.

Liu Ye, Untitled, 1997-1998

Untitled 1997-1999 è una versione molto più giocosa del tema del palco rispetto agli altri lavori della serie, in cui un riflettore evidenzia due piccoli bambini cherubici, occhiali da sole sul posto, che sporgono la testa dalla tenda e attaccano maliziosamente le loro lingue fuori; rivelando un frammento di uno scenario all’aperto con un assaggio di cieli blu e rosa.

Liu conserva la sua immagine in Untitled nella forma di un ragazzino di sinistra che ha una sorprendente somiglianza con l’artista. Liu ha iniziato a incorporare il personaggio di un ragazzo con gli occhiali da sole all’inizio degli anni ’90, come in Interior (1993), che rappresentava il suo amore per il genere comico attraverso la sua infatuazione con attori come Stephen Chow, Charlie Chaplain e Buster Keaton. I personaggi di Liu erano vestiti con camicie a righe, indicative dell’abbigliamento che era molto comune per i bambini più piccoli nella parte occidentale della metà degli anni ’90, l’età d’oro dei film Disney. L’artista ha sempre avuto un fascino per il mondo delle fiabe, ricordando la sua infanzia, essendo nato da un padre che era un commediografo per bambini, e scoprendo un grande scrigno nero di libri di storia occidentali sotto il suo letto. Forse l’unico scorcio dello scenario esterno che abbiamo è in realtà una finestra per la scoperta di sé di un artista attraverso un nostalgico che guarda indietro nel suo passato.

Nato a Pechino nel 1964 e cresciuto sullo sfondo della Rivoluzione Culturale, Liu trascorse la maggior parte della sua infanzia vivendo una vita censurata e controllata in campagna con suo padre, ma trovò la libertà sotto forma di libri di storia nascosti dai suoi genitori.

È arrivato ad amare Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde, che racconta la storia di un artista che si è infatuato della giovinezza e della bellezza del soggetto del suo ritratto a figura intera; vendendo così la sua anima per assicurare che il ritratto, piuttosto che se stesso, invecchi e svanisca. La storia getta i semi per lo stile artistico di Liu negli anni a venire ed è la vera ragione per cui Liu non manca mai di impiantare sui suoi personaggi un senso di eterna innocenza infantile, con la faccia rotonda, le guance rubiconde e le brevi stature. bambini cherubici. Ma al di là di queste caratteristiche infantili, Liu trasmette un atteggiamento di vita. Tornando alle immaginazioni e fantasie del suo io più giovane attraverso il ragazzino e la ragazza in Untitled, Liu getta la maschera e gli indumenti esterni dell’età adulta, ripristinando lo stato di un bambino sognatore immerso nei suoi pensieri.

LIU YE

Untitled

1997
signed and dated ‘Ye [in Pinyin and Chinese] 97’ on the reverse
acrylic and oil on canvas
90 x 90 cm. (35 3/8 x 35 3/8 in.)
Executed in 1997.

Stima
€281,000-449,000

  • Provenienza

    Galerie Serieuze Zaken, Amsterdam
    Private Collection, Netherlands
    Canvas International Art, Amsterdam
    Acquired from the above by the present owner

  • Esposizioni

    Austria, Kunstraum Innsbruck; Finland, Kuopio Art Museum; Finland, Salo Art Museum; Norway, Haugar Vestfold Kunstmuseum; Sweden, Ystad Konstmuseum; Netherlands, Singer Laren Museum; Germany, Kunsthalle Recklinghausen, Facing China: Works of Art from the Fu Ruide Collection, 17 May 2008 – 24 June 2012, pp. 58, 65 (illustrated, p. 58)

  • Bibliografia

    Christoph Noe, ed., Liu Ye Catalogue Raisonné 1991-2015, Germany, 2015, no.97-13, p. 275 (illustrated)

    20th Century & Contemporary Art Evening Sale – Hong Kong Auction 25 November 2018

Written by

Marika Lion, curatrice del magazine FIRST Arte. Specialista di arte XIX, XX secolo, contemporanea e mercato dell’arte. Opera nel settore dell’Art Heritage Management e nello specifico in area patrimoniale, collezionista e curatore di mostre d’arte. Docente universitario in Economia dell’Arte, Marketing e Comunicazione degli eventi culturali e strategie di comunicazione per la valorizzazione e promozione di patrimoni artistico culturali. Autore di libri e responsabile di collane editoriali dedicate all’arte.

No comments

LEAVE A COMMENT