6 July, 2020
 

Piero Dorazio, in 10 opere la sua storia di maestro della forma e del colore

L’opera scelta come immagine della mostra è “Nel cuore verde” eseguita nel 1965 e che nell’anno seguente partecipò alla Biennale di Venezia.

”Per me –  afferma Casamonti – Dorazio è stato molto di più che un protagonista vero della pittura astratta europea e un importante intellettuale che ha saputo contribuire a rafforzare legami tra il nostro Paese, l’Europa e gli Stati Uniti. E’ stato un amico caro. Al di là di ogni dubbio, aggiunge Roberto Casamonti, Dorazio ha avuto un ruolo chiave nell’arte del suo momento, un avanguardista di primo piano della pittura astratta europea. E allo stesso tempo, scrittore, critico d’arte, colto polemista, docente per un decennio all’Università di Pennsylvenia, sperimentatore nell’ambito delle arti decorative e del design urbano, organizzatore di eventi, osservatore attento e avveduto commentatore della ricerca artistica contemporanea. Un artista e intellettuale che la ricchezza e la poliedricità dei suoi interessi rendono oggi difficilmente incasellabile in classificazioni rigide”.

Piero Dorazio, Arcanciel nuovo I, 2002, olio su tela, cm. 160×130

Il loro primo incontro avvenne negli anni ‘80  quando Casamonti iniziò la carriera di collezionista e gallerista di arte contemporanea interessandosi e frequentando già artisti come Vedova, Rotella, Fontana, Burri, Pomodoro e Ceroli. Ma per Dorazio ci fu qualcosa di diverso, di speciale, nacque una vera amicizia che fu interrotta solo alla morte di Dorazio nel 2005.

Piero Dorazio, Apotropaico I, 1994, olio su tela, cm. diam.120

La mostra presenta opere che partecipano al ricordo, tele che rappresentano precisi episodi vissuti tra casamonti e Rotella. Tutte tele dove la capacità calligrafica dell’artista vive nel colore.

Piero Dorazio

Piero Dorazio, Tre acque 2, 1972, olio su tela, cm 136×361

Concordo – ricorda Casamonti – con quanto ha scritto Serge Lemoine nel catalogo di una recente, grande mostra parigina su Dorazio: “Grazie a Dorazio, l’arte italiana si è liberata dal provincialismo, è tornata all’altezza del suo passato e l’Italia ha scoperto nuovi orizzonti”.

immagine di copertina: Piero Dorazio, Tre acque 2, 1972, olio su tela, cm 136×361

Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT