5 July, 2020
 

Pregiati vini della collezione Vandermeulen in asta a Londra

L’asta si apre con una favolosa selezione di Vandermeulen, il famoso imbottigliatore belga, con pacchi di Cheval Blanc e Margaux 1947, Petrus 1949 e 1952 e La Mission Haut Brion 1955. Questa collezione è seguita da un superlot Talbot, dal 1926 all’eccezionale annata 2010, tutto direttamente dal castello. Ulteriore glamour è fornito dai vini del noto stilista francese Jean Patou, l’uomo più elegante degli anni ruggenti.
 
LA GRANDE COLLEZIONE VANDERMEULEN (Cantina Vandermeulen).
Questa superba schiera è di proprietà di un discendente dell’originale famiglia Vandermeulen. La collezione è sempre stata in famiglia e quindi viene offerta con provenienza impeccabile. È stato recentemente rimosso da depositi sotterranei di alta qualità nell’Europa continentale settentrionale. Le bottiglie sono state spostate una volta, negli anni ’80, essendo rimaste indisturbate nella loro precedente cantina di campagna dall’acquisizione originale negli anni ’40 e ’50. La ditta belga di Vandermeulen è un superbo esempio dell’età d’oro degli imbottigliamenti mercantili. I Vandermeulen-Decannière, come viene correttamente chiamata la società, hanno etichette che sono altamente identificabili per il loro stemma del marchio e le annate stampate con inchiostro. Questo stemma rappresenta l’antica città fortificata di Ostenda con tre chiavi per i tre ingressi. Per i collezionisti di vini pregiati, questo imbottigliamento è un solido indicatore di qualità e longevità ed è caratterizzato dagli iconici vini e annate che il commerciante ha venduto.
  
Botti di Vandermeulen
La società è stata fondata nella città costiera di Ostenda, nel Belgio occidentale, da Jules Vandermeulen (n. 1865). Le etichette delle bottiglie portano il suo nome iniziale e familiare, oltre a quello di sua moglie, Irma de Cannière (nata nel 1869), che sposò nel 1892. Poco dopo l’annata a Bordeaux e in Borgogna, Jules Vandermeulen selezionava le singole botti che verrebbe quindi inviato a Ostenda per un’ulteriore maturazione, un processo comune ai maggiori commercianti belgi dell’epoca. Questo difficile e lungo processo di selezione è stato tuttavia fondamentale per il successo a lungo termine di questi vini. I primi clienti erano le classi professionali, i proprietari delle fabbriche e il clero, e le raccolte di questi ottimi vini venivano spesso tramandate attraverso le famiglie come doti. La ditta fu successivamente rilevata dalla loro figli, Polydore e Maurice.
Questa collezione rappresenta la maggior parte dei castelli di Bordeaux gestiti da Vandermeulen. I vini, e in particolare le annate, selezionati dall’imbottigliatore hanno avuto davvero molto successo. Potrebbero aver cessato l’imbottigliamento alla fine degli anni ’50, ma questa insistenza sulla qualità è ciò che continua a dare a queste bottiglie una tale fama anche oggi.

I punti salienti dell’asta includono Margaux 1947, Vandermeulen, 2 bottiglie, stima £ 1.100-1.400 (1), 5 bottiglie, stima £ 2.800-3.500 (2), 12 bottiglie, stima £ 6.500-8.500 per lotto (3-5); Petrus 1949, Vandermeulen, 2 bottiglie, stima £ 4.000-5.200 (13), 8 bottiglie, stima £ 14.500-19.000 (14), 12 bottiglie, stima £ 22.000-30.000 (15); e Petrus 1952, Vandermeulen, 2 bottiglie, stima £ 1.400-1.800 per lotto (21-22), 12 bottiglie, stima £ 8.500-11.000 per lotto (23-28).

LA COLLEZIONE UNICA DI TALBOT, 100 ANNI DELLA FAMIGLIA CORDIER (Lotto 52) 128 bottiglie, 10 magnum, 3 doppi magnum e 1 Imperial, oltre a una visita privata al castello e pranzo per 4 persone con la famiglia Cordier, circa £ 30.000-60.000
Questa offerta è lunga un secolo, dal 1926 all’eccezionale annata 2010, comprende 128 bottiglie, 10 magnum, 3 doppie magnum e una imperiale. Tra queste meraviglie ci sono le annate del 1926, 1945, 1949, 1953, 1959, 1961 e tutti i grandi anni degli ultimi quattro decenni. Ciò che rende questa verticale ancora più speciale è la sua provenienza impeccabile: nessuna singola bottiglia di questa collezione è mai emersa dalle cantine del castello e sono offerti per la prima e ultima volta per celebrare il 100 ° anniversario della proprietà della famiglia Cordier. L’offerente più di successo e tre ospiti riceveranno un invito esclusivo a un pranzo privato presso lo Château con la famiglia Cordier, dove verranno serviti magnum di Talbot 1945 e 2003 e il rarissimo Caillou Blanc 2015.

RARE BOTTIGLIE DELLA CANTINA PRIVATA DI JEAN PATOU DALLA FINALE DEL CAPPONE (Lotti 53-67)
Una selezione di vini rari appartenuti al designer e creatore Jean Patou (1887-1936) è un’entusiasmante aggiunta alla vendita. Edonista, era considerato lo stilista più appariscente dei ruggenti anni Venti, che inventò Joy, “il profumo più costoso del mondo” e vestì stelle, dall’attrice francese Mistinguett a Josephine Baker. Un vero “dandy”, aveva la reputazione di essere l’uomo più elegante d’Europa e amava intrattenere nella sua sontuosa villa, un capolavoro dell’Art Déco sulle colline che dominano Biarritz.

Tutti i vini sono stati rimossi di recente da uno specialista del vino Sotheby’s dalla cantina di questa villa dove erano rimasti indisturbati per quasi un secolo. La maggior parte delle bottiglie sono state acquistate dal famoso ristorante Chapon Fin di Bordeaux, uno dei primi tre ristoranti con stelle Michelin e una destinazione per la crema della società.
I punti salienti includono una bottiglia di Latour 1916, stima £ 2.000-3.000 (53) e due bottiglie di Cheval Blanc 1926, stima £ 2.200-2.800 (63), tra le altre rarità.

Post Tags
Share Post
Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT