6 July, 2020
 

Raro dipinto di Sanyu in asta la prossima primavera 2020 da Sotheby’s

I dipinti di Sanyu che ritraggono un gruppo di i nudi femminili compaiono raramente sul mercato, non ultimo quelli su larga scala, rendendo l’emergere di questo eccezionale lavoro dagli anni successivi dell’artista un evento importante.

Il periodo di pace tra la fine degli anni ’50 e ’60 offrì a Sanyu una preziosa opportunità per reinventare il suo approccio alle materie consolidate e importanti sin dalla sua carriera iniziale, incluso il nudo femminile. Il movimento emergente del dopoguerra emergente aveva suscitato in lui una nuova passione creativa e ha continuato a creare una serie di nudi femminili di grande formato di un genere che il suo pubblico non aveva mai visto prima. Questi si sono rivelati i capolavori dei suoi ultimi anni.

I primi dipinti di nudo femminili di Sanyu tendevano a rappresentare una singola figura, mentre le sue successive creazioni che rappresentavano un gruppo di nudi segnarono una svolta nella composizione, nello stile e nell’uso della prospettiva. Dall’inizio della sua carriera, Sanyu aveva creato più dipinti con composizioni simili, in diversi colori o pennellate, soprattutto se gli piaceva il lavoro. Quatre Nus è una di queste creazioni, completata dopo un meticoloso processo artistico e la composizione più rappresentativa della serie.

Secondo il catalogo SANYU Raisonné: dipinti ad olio, l’artista ha prodotto solo sei dipinti raffiguranti gruppi di tre o più nudi femminili, tra cui Quatre nus sur un tapis d’or, nella collezione del National Museum of History di Taipei. Queste sei opere dedicate a figure di gruppo furono completate negli anni ’50 e tra queste Quatre Nus è la più vivida nella sua composizione. Superando un metro sia in altezza che in larghezza, Quatre Nus applica una composizione diagonale nella sua rappresentazione di quattro figure femminili reclinabili nude. Le loro posture, il colore dei capelli e i lineamenti del viso sono diversi: uno poggia la testa sul braccio, due sussurrano insieme e uno ha una mano sulla guancia. Sembrano tutti godersi una calda giornata estiva sdraiati sull’erba.

Contemporaneamente alla creazione di Quatre Nus, Sanyu stava lavorando a due ulteriori dipinti ad olio: Trois nus (87 x 122 cm) e Quatre nus (95,5 x 125 cm), entrambi di composizione simile e su scala ridotta. Il lotto attuale, Quartre Nus, combina i migliori elementi di queste due opere, raggiungendo un equilibrio tra l’astratto e il figurativo e impregnando la scena di un elegante controllo. Nel perfezionare il suo capolavoro attraverso uno sforzo scrupoloso, questo dipinto ha sicuramente avuto un posto importante nel cuore dell’artista.

I nudi femminili nei dipinti di Sanyu sono spesso distorti ed esagerati. Nel 1920, il famoso poeta cinese Xu Zhimo si riferì con umorismo a quello di Sanyu nudi come le “cosce dell’universo”, sicuramente una loro descrizione originale
bellezza. Ad un esame più attento, le forme sottili nel dipinto evocano un aspetto sano corpo femminile in tutto il suo fascino, mentre si allunga e si rilassa. Su uno sfondo verde semi-astratto luminoso, lo spettatore è invitato a fissare le posture delle figure, che sono piene di facilità, e il tono della pelle quasi traslucido. Il modo di rappresentare queste donne era una deviazione dallo stile del cannone occidentale della pittura classica, un’evoluzione dell’approccio ai nudi femminili esplorato da Sanyu negli anni ’20 e ’30. La spinta dei confini da parte dell’artista significava che era davvero un artista del suo tempo, se non addirittura davanti a sé.

Vinci Chang, Head of Modern Asian Art di Sotheby’s, ha commentato: “Questo autunno, abbiamo fissato un nuovo punto di riferimento per Sanyu quando Nu è stata venduta per un record di 198 milioni di HK $ (25,2 milioni di USD). Con l’interesse per l’artista al massimo storico, i dipinti di Sanyu di nudi femminili, in particolare le opere su larga scala, hanno dato vita a vivaci conversazioni tra collezionisti e amanti dell’arte in tutto il mondo, sia per il loro valore estetico che per il loro posto nella storia dell’arte moderna. Quando creò Quatre Nus negli anni ’50 del dopoguerra, la vita e l’arte per Sanyu stavano raggiungendo nuove vette espressive, il suo timore reverenziale per il nudo femminile, in tutta la sua vitalità, fornendo l’impeto per uno straordinario corpus di opere. Quatre Nus è senza dubbio il più affascinante di questi capolavori, e senza dubbio di grande richiamo per i collezionisti di oggi “.

Immagine di copertina: Sanyu, Quatre Nus – 1950s, olio su masonite, 100 x 122 cm, stima a richiesta

Share Post
Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT