30 March, 2020
 

Richard Serra: politica e arte nei nuovi film e video

Per undici anni (1968-1979), il rinomato scultore e artista americano Richard Serra (nato nel 1938) ha scoperto i confini fenomenologici inesplorati del film, spingendolo a eccitanti altezze in linea con il periodo spartiacque nella storia del cinema da cui il suo film e il lavoro video è così nato.

Hand Catching Lead è stato realizzato meno di un anno dopo la comparsa dell’artista e cineasta canadese Michael Snow’s Wavelength (1967), un film di riferimento che ha incoraggiato Serra a prendere la macchina fotografica e usarla come dispositivo in una serie di notevoli studi cinematografici percezione: i film a mano che ha realizzato per la galleria di Leo Castelli; un’opera di tipo Snow in un loft di New York in cui una finestra apparentemente rettangolare si rivela essere un trapezio (Frame); video che rivelano l’ideologia in cui ha parodiato e, nelle sue parole, “esposto la struttura della televisione commerciale”; alcuni film di processo che si nascondono in profondità nella vita di ponti o di fabbriche che hanno polverizzato le orecchie e le anime degli uomini per generazioni non raccontate.

In passato, di solito a scapito di ciò che accade nei film, alcuni critici hanno cercato di collegare l’esperienza, le preoccupazioni materiali o i confini estetici di queste opere con quelli della pratica più nota di Serra, la scultura. Lo stesso Serra è stato irremovibile nella sua ostilità verso tali connessioni: “Non ho esteso i problemi scultorei al cinema o al video. Ho iniziato a realizzare sculture, film e video nello stesso momento, quindi non può essere una questione di sviluppare una forma nell’altra. Il mio coinvolgimento con diversi media si basa sul riconoscimento delle diverse capacità materiali e non ha senso pensare che film o video possano essere scultorei. “

I film e i video di Serra richiamano costantemente l’attenzione su se stessi come film, ma sempre con il lato politico e artistico su binari paralleli vicini, vale a dire, mai esotericamente. Forse quelli che più richiedono oggi la nostra attenzione sono Anxious Automation e Television Fornisce Persone. Il primo è un video la cui giocosità contribuisce all’amaro punto: prende in giro le tecniche di editing sintetico utilizzate da Hollywood per mantenere breve l’intervallo di attenzione dello spettatore, degradare lo spazio e rappresentare il tempo come un flusso lineare grottescamente scorciato. È una parodia di MTV avant la lettre. I colpi di Serra sui mass media trovano il loro apice in Television Delivers People, un nastro di sei minuti realizzato in collaborazione con Carlota Fay Schoolman in cui ciò che viene sfacciato è la creduloneria di una popolazione che non si rende conto che viene venduto dal torrente dai lucenti oggetto di un capitalismo malato.

Nei due film della Serra della fine degli anni ’70, la spinta sfacciata, omicida, dei bastardi dei video è mescolata con un obiettivo-oggetto-ambientazione in un periodo di tempo ipnotico e warholiano. Ciò che distingue Railroad Turnbridge e Steelmill è la loro straordinaria coscienza storica. I film hanno Eisenstein nel loro DNA (Snow è il più presente), ma è l’Eisenstein dell’incompiuto ¡Que viva México !, in cui il montaggio frenetico che collega storia, arte, politica e filosofia avviene all’interno della testa dello spettatore, incorporando la sua gamma di esperienze, i suoi montaggi mentali. Il lavoro diventa quindi collaborativo e si apre in un modo che sfida il tipico processo di presentazione dei film agli spettatori, lanciato o lanciato contro di noi, costringendoci a impegnarci con un sistema Monoform triste, prepotente e chiuso che condiscende alla nostra intelligenza. – Carlos Valladares, adattato da The Art of Perception: Richard Serra’s Films (pubblicato originariamente su Gagosian Quarterly, autunno 2019).

Immagine di copertina: Image: Richard Serra HANDS TIED, 1968 (still), Museum of Modern Art, New York. Artwork ©2020 Richard Serra/Artists Rights Society (ARS), New York

Quanto vale: Tra le ultime aggiudicazioni di una sua opera scultorea: Untitled, 1985 – Acciaio (hot-rolled ) – Ed. 3 / 3- 130 x 61 x 61 cm. Prezzo di aggiudicazione: 350.000 € Prezzo incluso spese : 422.500 €Stima: 250.000 € – 300.000 Christie’s, 11/04/2017 Amsterdam, Paesi Bassi 

Post Tags
Share Post
Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT