6 June, 2020
 

San Candido, il cubo che sfregia la perla delle Dolomiti

L’equilibrio e il senso della misura non sono mai state le virtù di Vittorio Sgarbi, spumeggiante critico d’arte e  parlamentare di Forza Italia, ma stavolta la sua indignazione per la colata di cemento che sta rovinando la principale piazza di San Candido, noto centro turistico e autentica perla delle Dolomiti, coglie nel segno e interpreta pienamente il disappunto di migliaia di turisti e di larga parte della popolazione locale.

Sul banco degli imputati, in una polemica che cresce di giorno in giorno, c’è il nuovo Pavillon della musica, un cubo di cemento di 9 metri quadrati per 9 voluto dall’amministrazione comunale e collocato nella centrale Piazza del Magistrato. L’accusa è duplice: la prima riguarda la totale estraneità dell’opera rispetto al suggestivo contesto artistico che caratterizza la piazza e la seconda è il parziale oscuramento che il Cubo della discordia provoca a danno della storica Collegiata romanica dell’anno 1000 e della splendida Chiesa di San Michele del XII secolo, senza dire dei guasti di visibilità che la nuova costruzione sta producendo al rinomato Hotel Post e alle abitazioni che si affacciano sulla piazza.

“Siamo di fronte – tuona Sgarbi – a una forma di architettura “nazista” e a un abuso che va punito con severità e contro il quale presenterò denuncia”. Ma, insieme a Sgarbi, sono insorti anche l’Azienda Provinciale del Turismo, il Curatorio per i beni tecnici e culturali di Bolzano e Italia Nostra.

Subissata dalle critiche l’amministrazione comunale di San Candido si difende sostenendo che l’opera è il frutto di un regolare bando pubblico che all’unanimità ha scelto il progetto in questione. Nel merito, l’assessore Schmieder, si dice convinto che “a lavori ultimati, le critiche saranno riviste”. E aggiunge: ” Anche la Piramide nel cortile del Louvre a Parigi è stata inizialmente criticata”.  Vero, ma San Candido non è Parigi e la Piazza del Magistrato non è il Louvre ma il cuore della cittadina turistica della Val Pusteria che rischia un danno d’immagine che non meritava e di cui turisti e residenti avrebbero sicuramente fatto molto volentieri a meno.

Written by

FIRSTonline è un giornale web indipendente di economia, finanza e borsa edito da A.L. Iniziative Editoriali S.r.l. con sede legale a Roma, fondata e controllata da <a href="https://it.wikipedia.org/wiki/Ernesto_Auci">Ernesto Auci</a> e <a href="https://www.firstonline.info/author/franco-locatelli/">Franco Locatelli</a> e partecipata da tre soci di minoranza (Andrea Gilardoni, Alessandro Pavesi e Laura Rovizzi). Il portale e le sue applicazioni sono nel quotidiano realizzate da due agili redazioni, una a Milano e una a <a href="https://www.firstonline.info/contatti/">Roma</a>, e da un innovativo ed efficace team di manager dell’innovazione e del web.

No comments

LEAVE A COMMENT