30 September, 2020
 

Say it Loud: Una mostra virtuale che celebra il lavoro di 22 artisti neri internazionali

In collaborazione con il visionario curatore Destinee Ross-Sutton, Christie’s è presenta “SAY IT LOUD (Sono nero e sono orgoglioso)”, una mostra virtuale di vendita dedicata alla promozione e all’empowerment dell’arte nera. La mostra, che sarà aperta dal 31 luglio al 18 agosto, mette in luce 22 artisti neri emergenti che esplorano ciascuno il concetto di identità e percezione, fornendo loro una piattaforma globale per la celebrazione e l’amplificazione del loro lavoro. Prende il nome dall’inno di James Brown del 1968 “Say it Loud, I’m Black and I’m Proud”, questa mostra segna la prima di una serie di mostre e iniziative educative organizzate da Christie’s CSR Diversity & Inclusion Initiatives che forniranno una piattaforma necessaria affinché le voci della comunità della Black Art vengano amplificate e potenziate.

Tutte le opere sono disponibili per la vendita tramite gli artisti e i loro rappresentanti. Tutte le parti interessate alle singole opere possono inviare un’e-mail a sayitloud@christies.com per essere messe in contatto diretto con il contatto dell’artista appropriato. Il 100% del prezzo di vendita di ogni opera andrà al rispettivo artista.

La signora Ross-Sutton ha co-curato e curato mostre collettive internazionali di successo presso rinomate istituzioni come il Museum of Contemporary African Diasporan Arts (MoCADA) e CFHILL, Stoccolma, Svezia. In modo indipendente, consiglia diverse istituzioni private e collezionisti internazionali su acquisizioni di arte contemporanea con un focus sull’arte africana e afroamericana. Ai suoi occhi, “mostrare una vasta gamma di opinioni, voci e innumerevoli espressioni di bellezza è essenziale in un mondo in cui la compassione e la connessione sono necessarie ora più che mai” (D. Ross, citato in catalogo, Black Voices / Black Microcosm, 8 aprile-9 maggio 2020.

Incorporando aspetti profondamente personali, ciascuno di questi artisti utilizza i propri mezzi come forze guida per costruire immagini di identità – sia essa la propria, una società o una comunità trascurata – al fine di potenziare le voci che sono state tradizionalmente messe a tacere.

La vulnerabilità dell’identità è mostrata in queste opere, sia in modo evidente, sia con il lavoro di Josh Paige, che raffigura uomini neri con obiettivi sui loro corpi, e Nelson Makamo che affronta gli stereotipi neri frontalmente, o più sottilmente, come con il lavoro di Yoyo Lander e Barry Yusufu che evocano rispettivamente l’emotività universale e la vulnerabilità del tempo e del progresso.

Tra i punti salienti della mostra c’è Untitled, from Blue Series, 2020 di Nelson Makamo.

NELSON MAKAMO (B. 1982, MODIMOLLE, LIMPOPO, SOUTH AFRICA), Untitled, from Blue Series; mixed media on canvas; executed in 2020.

L’artista Nelson Makamo, con sede a Johannesburg, è meglio conosciuto per i suoi dipinti a carboncino e ad olio di giovani donne, uomini e bambini che stanno rimediando a decenni di immagini che hanno perpetuato lo stereotipo secondo cui gli africani sono indigenti; il suo lavoro fornisce una fonte di speranza e ottimismo. Per circa sedici anni da quando ha ricevuto la sua formazione formale presso gli studi di prova d’artista a Johannesburg, Makamo si è impegnato a distrarre da quell’immagine umiliante ritraendo gli africani in un modo che inverte questo tipo di pensiero.

Il lavoro di Makamo ha sempre rappresentato un senso di desiderio per la libertà di esistenza, una libertà che sembra estranea alla maggior parte delle comunità nere e marroni in tutto il mondo – a causa della violenza sia sistematica che diretta che la comunità nera sta sperimentando storicamente in tutto il mondo come bene come oggi. La casa malata a casa e il blu rappresentano alcuni dei temi che Makamo sta esplorando in profondità nel suo studio in questo momento, creando figure che ispirano e diffondono ottimismo durante questi tempi difficili per le comunità nere a livello globale.

L’artista Yoyo Lander è rappresentato da due opere in mostra, tra cui The Deeper Longing is Greater Than Discomfort, 2020, che è raffigurato a destra. Le opere di Lander dimostrano di abitare un netto contrasto di tonalità e colore. Raggiunge questo dipinto dipingendo con gli acquerelli e collezionando le sue opere insieme, riutilizzandole in fragili ritratti di identità. La vulnerabilità è palpabile, ma la forza prevale su qualsiasi trepidazione che si possa trovare nelle sue opere.

Nel 2018 Lander ha iniziato a pensare alle idee che circondano la vulnerabilità e cosa significa per le persone di colore, in particolare le donne di colore. Ha deciso di chiamare la serie Time Off. Il suo lavoro Have Tears Tales affronta la stessa idea, ma per uomini di colore. Queste serie hanno segnato un cambiamento nell’approccio artistico di Yoyo Lander, in cui il contesto ora gioca un ruolo significativo nella rappresentazione degli individui.

La mostra includerà anche Untitled, 2020 di Collins Obijiaku che è un ottimo esempio della celebrazione dell’artista dell’oscurità attraverso ritratti elegantemente costruiti. Attraverso il loro sguardo, lo spettatore deve essere trasportato in un mondo in cui i neri esistono come se stessi, innato elegante e non distratto dal mondo e dai suoi infiniti costrutti. Obijiaku ha un notevole rapporto con le linee; le sue pennellate sono apparentemente topografiche, portando lo spettatore in un paesaggio di meraviglia e magia del volto.

Mentre questi artisti giocano sulla percezione, richiamano l’attenzione sulla percezione storica della “Blackness” e la mettono in testa, sfidando ambiziosamente lo spettatore a ridefinire le loro nozioni pre-concepite e sistematicamente insegnate di percezione e identità nere. Le opere esposte vivono nei loro mondi auto-costruiti, spingendoci a confrontare le percezioni dell’identità nera, il valore che diamo alle conversazioni e agli impegni curativi necessari per far avanzare la nostra società.

Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT