1 April, 2020
 

TEFAF 2020 (Maastricht): le vendite delle prime giornate

La 33a edizione di TEFAF Maastricht ha accolto ad oggi circa 10.000 visitatori internazionali durante il Early Access Day (5 marzo) e il Preview Day (6 marzo). Gli espositori hanno visto vendite realizzate in tutte le sezioni della fiera, con opere d’arte destinate a collezionisti privati ​​e istituzionali. La fiera continua fino a domenica 15 marzo 2020 presso il MECC di Maastricht.

Le vendite sono state riportate dai primi momenti della fiera.

J. Kugel (Stand 200) ha venduto a un importante museo il fulcro del suo stand, The Orpheus Cup, 1641-1642. Realizzata in oro smaltato e rubini, la coppa è un risultato straordinario per quattro mani distinte: Jan Vermeyen, gioielliere di corte dell’imperatore Rodolfo II; Johann Wilhelm Baur, pittore dell’imperatore Ferdinando III; Hans Georg Baur, orafo di corte dell’imperatore Ferdinando III; e un anonimo pittore viennese su smalto. L’opera fu quasi certamente commissionata dall’imperatore Ferdinando III. Anche Shibunkaku (Stand 166) ha riportato vendite alle istituzioni: la galleria ha venduto due handolloll, un cinese della dinastia Ching, Cento bambini, di Xu Yanghong, della collezione di Watanabe e l’altra versione giapponese del 1804. Copia dei cento bambini di Xu Yanghong, entrambi al Rijksmuseum di Amsterdam.

Nicolás Cortés Gallery (Stand 369) ha venduto sette opere durante il giorno di apertura, tra cui le ali di una pala d’altare, raffiguranti San Girolamo e Santa Chiara, che avevano un prezzo richiesto di 3 milioni di euro. Le ali di una pala d’altare furono acquisite da una fondazione privata nei Paesi Bassi.

Tomasso Brothers Fine Art (Stand 304), con sede nel Regno Unito, ha registrato buone vendite durante i giorni di apertura, con un bronzo del giovane Lucius Verus (130 – 169 d.C.), del primo quarto del XVI secolo, venduto per circa 950.000 €, e un XVII secolo, Busto di moro italiano, venduto per circa 375.000 €.

Lisson Gallery (Stand 441) che ha venduto Dialogue, 2019, acrilico su tela, di Lee Ufan (nato nel 1936), per $ 500.000; Morning Song, 2020, olio su tela, di Stanley Whitney (nato nel 1946) per $ 200.000; e Untitled, 1987, microsfere di vetro in acrilico su tela, di Mary Corse (nata nel 1945) per $ 550.000.

Abbiamo inviato un segnale molto positivo al mondo dell’arte. I primi due giorni di apertura hanno avuto un’atmosfera fantastica e sebbene mancassero alcuni clienti oltremare, siamo rimasti sopraffatti dalla qualità dei visitatori, soprattutto europei, di ottimo umore e acquisti “, ha dichiarato Georg Laue, espositore e presidente dell’antiquariato per TEFAF.

Altre vendite:

Charles Ede (Stand 426). Kylix bilingue greca, c.530 a.C., verso un privato collezionista per £ 96.000.

Symbolic & Chase (Stand 247). Un certo numero di vendite sono state segnalate durante i giorni di apertura, tra cui un rubino scolpito con rubini, smeraldi e diamanti, 1938, di René Boivin (1864-1917); un paio di micro orecchini a mosaico, turchese verde e diamante di Vamgard; e una straordinaria collana JAR con centro di diamanti da 103 carati.

Galerie Maria Wettergren (Stand 624). Diverse vendite significative riportate tra cui Rondo, 2005 – 2008, realizzate in legno, filo di ferro e pasta di carta, da Gjertrud Hals (nato nel 1948); e Light Object, 2018, cipresso e LED, di Ane Lykke.

Antonacci Lapiccirella Fine Art (Stand 334) ha venduto 10 opere di Giovanni Battista Camuccini (1819-1904) durante i giorni di apertura, tutte raffiguranti vedute di Roma. I dipinti sono andati a vari acquirenti, tra cui un museo americano che ha acquistato due dei 10.

Caretto & Occhinegro (Stand 5). La predicazione di Gesù sul lago di Tiberiade, 1631, olio su pannello, di Frans Francken II (1581-1642).
                 
TAFETA (Stand 3). Baga Nimba (Wood-Chrome), 2019, di Niyi Olagunju (nato nel 1987), al prezzo di £ 30.000; e Tribal Marks Series III # 52, 2019, carboncino e disegno a pastello di Babajide Olatunji (nato nel 1997), al prezzo di £ 12.500.

Bernard De Grunne (Stand 619). Statua di Banda, della regione di Mobaye della Repubblica Democratica del Congo, 1820-1880 ca.

Galleri K (Stand 718). Trittico di James Bond Island, 2007, stampa C montata a faccia in plexiglass nella cornice di artisti, di Andreas Gursky (1955), e Alice CERN, 2019, stampa Inkjet, di Thomas Struth (1954).

Immagine di copertina (dettaglio):Tribal Marks Series III #52, charcoal and pastel on paper, 2019, by Babajide Olatunji (b.1989). Image courtesy of TEFAF.

Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT