1 October, 2020
 

TEFAF Maastricht 2020: capolavori mai visti e 25 nuove gallerie


A distinguere TEFAF Maastricht dalle altre fiere è la diversità degli espositori partecipanti e gli oggetti e le opere d’arte che portano in fiera. TEFAF Antiques, la più grande sezione della fiera composta da 98 espositori, è uno scrigno di espositori e opere d’arte.

La galleria londinese Hancocks (Stand 243) presenta una straordinaria tiara di diamanti di proprietà di uno dei personaggi più appariscenti e controversi dell’aristocrazia britannica, Henry Cyril Paget, il 5 ° Marchese di Anglesey (1875-1905). La tiara, 1890 circa, è formata da una fila graduata di oltre 100 carati di diamanti a taglio antico e antico europeo, che possono staccarsi per formare una collana rivière.

Jörn Günther Rare Books AG (Stand 109) esporrà il Talbot-Beauchamp Book of Hours, un manoscritto miniato su pergamena, creato a Rouen nel 1430 circa. Questo manoscritto accattivante è riemerso di recente solo dopo essere scomparso dall’opinione pubblica per oltre 80 anni. Questo libro d’ore è stato probabilmente creato per il famoso nobile inglese Sir John Talbot (o sua moglie). Talbot ebbe un ruolo importante durante la Guerra dei Cent’anni e nel processo contro Giovanna d’Arco.

Galerie Jean-Christophe Charbonnier (Stand 184) specializzata esclusivamente in armi e armature giapponesi esporrà un’armatura Daimyô in stile Hon-Kozane Tachi-Dô. L’armatura, che proviene dalla prima metà del periodo Edo, è interamente rivestita in argento laccato (gindame), il che rende estremamente raro l’abito. L’alto costo di questa lacca e la complessità tecnica della sua produzione. Combinata con una struttura hon-kozane (scaglie di ferro e cuoio), rende questa armatura davvero eccezionale e l’unico esempio noto al di fuori del Giappone.

TEFAF La Haute Joaillerie, che si trova all’interno di TEFAF Antiques, accoglie un nuovo espositore nella sezione – BHAGAT (Stand 142) che presenta un eccezionale anello con zaffiro e diamanti, incastonato in platino. Il pezzo riflette l’impegno di BHAGAT nella creazione e produzione di gioielli unici nel loro genere e sarà una delle selezioni di opere di alta qualità del gioielliere.

López de Aragón (Stand 175) esporrà la Festa di Valencia, olio su tela, 1893, di Joaquín Sorolla (1863-1923), che è stato in una collezione privata per quasi 40 anni e non è stato in una mostra pubblica dal 1990. L’opera è di altissima qualità e proviene dal periodo più famoso di Sorolla.

Nuovo a TEFAF Maastricht e in TEFAF Paintings è Nicolás Cortés (Stand 369) che porterà un’opera riscoperta di Anthonis Mor (1516-1575/1576). L’opera era stata precedentemente attribuita a diversi artisti, ma recentemente è stata confermata dall’artista Mor. I due grandi tavoli di compagnia con i ritratti dei donatori e le figure di San Jeronimo e Santa Clara erano originariamente porte a battente di un trittico.
Così spesso, come il duo Anthonis Mor, le opere d’arte sono utilizzate in ambienti pubblici. Mentre il Mor sarà utilizzato in un ambiente religioso, un’opera di Theo van Doesburg (1883-1931), che la Galerie Gmurzynska (Stand 404), che esporrà in TEFAF Modern Art, esporrà, è stata il progetto creato per rinnovare l’interno di lo storico edificio Café L’Aubette, in Place Kléber a Strasburgo. Il design a colori era per il soffitto e tre pareti dell’edificio, che faceva parte della conversione degli edifici in un complesso con ristoranti, bar, cabaret e la sala da ballo ciné. Fu commissionato nel 1926 e van Doesburg lavorò insieme a Jean Arp (1886-1966) e Sophie Taeuber-Arp (1889-1943) per creare quella che sarebbe diventata una delle opere più iconiche di De Stijl, ancora oggi in mostra.

Mayoral (Stand 445) esporrà il murale G-103, un murale di argilla cotta e rame ossido creato nel 1985 da Eduardo Chillida (1924 – 2002). Questa è un’opera eccezionalmente rara – non si sa quanti murales Chillida abbia realizzato, ma era certamente molto pochi e così com’è non ci sono altri esempi di murales degli artisti in vendita oggi sul mercato. Inoltre, questo lavoro arriva sul mercato per la prima volta in 30 anni – un’opportunità di raccolta senza dubbio.

TEFAF Modern Art, TEFAF Design e TEFAF Works on Paper vede La Mayor Gallery (Stand 451) offrirà Old Lady II, un’opera scultorea realizzata in tessuto, legno e imbottiture, di Jann Haworth (nato nel 1942) nel 1967. Quest’opera proviene direttamente dall’artista, che è anche autore di la famosa copertina dell’album Sergent Pepper per The Beatles. Hawroth attualmente ha una sola mostra alla Pallant House nel Regno Unito.
Due dei lavori più recenti sono disponibili in TEFAF Design e TEFAF Works on Paper. Il rivenditore statunitense Jason Jacques (Stand 613) esporrà opere dello scultore giapponese Katsuyo Aoki (nato nel 1972), che lavora esclusivamente in porcellana.

Immagine di copertina: La tiara Anglesey, 1890 circa, una tiara / collana vittoriana, formata da una fila graduata di vecchi diamanti europei e vecchi taglio a miniera che si staccano per formare una collana rivière. Da Hancocks (Stand 243).

Written by

FIRST Arte scrive su tutto quello che riguarda la cultura, e l’arte in particolare, con un occhio di riguardo al mercato delle opere d’arte, alle quotazioni, alle aste e agli eventi correlati. Ma anche design, architettura, fotografia, eventi, interviste. Inoltre uno spazio speciale è dedicato al cinema. Ci occupiamo anche delle notizie e degli approfondimenti legati alla dimensione economica dei beni culturali, degli spettacoli, dell’editoria cartacea e digitale legata all’arte. Diamo infine risalto all’industria della cultura in Italia e a livello internazionale.

No comments

LEAVE A COMMENT